Insicurezza personale che si riflette nella coppia

Inviata da Benedetta · 10 set 2019 Terapia di coppia

Salve, sono Benedetta, una ragazza di 24 anni.
Dopo anni di lotte con la mia autostima e ragazzi sbagliati, ho finalmente trovato un ragazzo affidabile, buono e bravo. Ora però, che dovrei essermi tranquillizzata a livello personale, non riesco invece ancora ad accettarmi. Non mi piaccio. Esteticamente non salverei nulla, caratterialmente sono piena di paranoie che finiscono per rovinare sempre tutto. Il mio ragazzo non è dolce, non esprime a parole e non si dilunga in complimenti, ma è il classico futuro padre di famiglia, mi risolve ogni problema tecnico, c’è, in fondo so che mi ama e mi rispetta, ma non riesco a smettere di pensare che mi mollerà per una ragazza molto meglio di me che conoscerà, oppure, che prima o poi si stuferà di me. Va sempre così. E lui dal canto suo è pieno di blocchi (dovuti a seri motivi che capisco e che anzi non voglio nemmeno azzardarmi a toccare), ciò che però la parte insicura di me vede nei suoi blocchi è disinteresse. Tutti mi dicono che non è così, e in fondo lo so anche io, eppure non riesco a togliermi le paranoie.
Mi guarda e penso subito che abbia notato un difetto, non mi chiede di uscire una sera e penso subito che si sia stufato.
Il mio altro timore è quello di fare la fine di mia madre, che per colpa del suo esagerato attaccamento nei confronti di mio padre e la sua insicurezza, è finita col divorzio.
Come posso fare allora per accettarmi e di conseguenza avere meno ansie che i corrodono il fegato? (Perché non voglio risultare pesante e quindi evito il più possibile di parlargliene, anche perché le volte che ho provato non ha saputo dire le cose che volevo sentire, appunto per i suoi problemi a gestire i sentimenti)

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 10 SET 2019

Gentile Benedetta,
ciò che manca nella sua lettera è il sentimento che prova verso il suo fidanzato: lo ama? Gli vuole bene? Vede un futuro con lui? Che progetti avete insieme?
Lei si limita a descriverlo, in positivo (serio, affidabile..) e in negativo (ha dei blocchi, non sa gestire i sentimenti..) ma nulla dice riguardo a ciò che vi lega.
È possibile che le sue ansie relative all'essere "mollata", al "finire col divorzio come i suoi genitori" riflettano una non convinzione di fondo relativa al vostro legame.
Le consiglio vivamente di cercare una consulenza psicologica per affrontare le insicurezze che la portano a finire le storie "sempre allo stesso modo". Forse è arrivato il momento di cambiare qualcosa, non crede?

Dott.ssa Roberta Altieri Psicologo a Milano

146 Risposte

78 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88400

Risposte