Insicurezza e ossessione del Ti Amo

Inviata da H.B. · 20 set 2016 Terapia di coppia

Buongiorno,
vi scrivo purtroppo perché non riesco a smettere di piangere. Letteralmente.
Vi faccio un quadro della situazione (il più breve possibile): sono una ragazza di 25 anni che convive con da 2 anni con l'uomo che l'anno prossimo sposerà, siamo felici ed appagati, abbiamo (per fortuna) entrambi il lavoro ed abbiamo un bel gruppo di amici. Sulla carta tutto perfetto, però poi arrivo io ed incasino tutto: almeno 1 o 2 volte il mese mi prendono dei veri e propri attacchi di insicurezza, con crisi di pianto e talvolta mi portano a graffiarmi per stare meglio (ah, dimenticavo..anni fa ero un soggetto autolesionista), mi chiudo in me stessa e per 1/2 gg sono molto pensierosa, diciamo che mi distacco da tutto e tutti con delle punte di estremo nervosismo che riverso su colleghi, amici e il mio fidanzato.
Sono sempre stata un soggetto insicuro, ho bisogno di mille rassicurazioni, mi sento molto fragile: tutto ciò si è accentuato molto da quando i miei genitori si sono separati (8 anni fa) per fatto e colpa (tradimento) di mio padre; inutile dire il mio sconvolgimento, ho però mantenuto una posizione di "paciere" all'interno della famiglia, provando a fare "da cuscinetto" tra mia madre e mio padre ma ovviamente la cosa era più grande di me, ed alla fine si è rovinato il rapporto con mia madre facendomi sentire ogni giorno in colpa per il fatto di continuare a parlare con mio padre e perché per lei era diventata un'ossessione chiedere di lui, sapere e rivangare in ogni momento il passato.. ovviamente non ho retto più ed allora ho preferito andare ad abitare per conto mio (22 anni).
Tornando al problema attuale, il punto è che avrei tremendamente bisogno di sentirmi dire da lui "ti amo" ed ormai sta diventando un'ossessione vera e propria perché ho bisogno di sentire quelle due semplici ed importanti parole... il mio ragazzo è molto presente, è dolce ed affettuoso, teoricamente non avrei proprio niente da lamentarmi ma mi sento disperata.. questa disperazione non è presente tutti i giorni e tutti i momenti ma quando viene fuori non riesco a controllarla, mi faccio dei film nella mia testa così negativi che poi non riesco ad uscirne...
Mi viene anche la frustrazione perchè sono una persona molto indipendente e so cavarmela da sola ma questo proprio non ce la faccio... Quest'ultima crisi è stata causata dal fatto che una sera mi ha guardata e mi ha detto "ti voglio bene". È stata una doccia fredda non perché non sia una bella cosa (non mi ha mica mandata a quel paese) ma dentro di me si è come spezzato qualcosa, mi sono sentita così persa e triste e disperata...mi sono accorta che sto letteralmente mendicando un Ti Amo. Ne abbiamo parlato e lui si è arrabbiato perché non ne può più di queste mie crisi che ogni volta lasciano distrutta me e stanco lui, lui in sua difesa è un tipo che non esterna molto i suoi sentimenti ma che dimostra con i fatti, non le parole ed io so che ovviamente è meglio così però non capisco cosa possa costare a lui dirmi questo benedetto ti amo per salvarmi dalla mia insicurezza dilagante. Abbiamo litigato forte ed alla fine ho chiesto scusa perchè mi sono resa conto di aver esagerato però oggi con senno di poi mi sento arrabbiata e delusa dal fatto che non si senta di dirmi quelle poche parole di cui sono arrivata al punto di avere bisogno. Non so cosa fare...e non so come riuscire a non perdere lui ma allo stesso tempo a sentirmi meglio io...
Scusate per il papiro, ma avevo bisogno di sfogarmi

Buona giornata

H.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 20 SET 2016

Gentile H.,

ha senz'altro un vissuto importante e infatti identifica nella fine del legame tra i suoi genitori l'accentuazione del suo lato fragile, tanto più aggravato dalla posizione che ha cercato di mantenere per 5 anni che l'ha poi condotta ad andare a vivere da sola.
Da quanto tempo ha queste crisi mensili che la riportano a manifestazioni che ha già esperito in passato? Di cosa sente necessità di essere rassicurata? Ci sono alcuni punti che meritano un lavoro di elaborazione e, dato che sembra la situazione stia per lei precipitando e forse non riesce più ad essere forte ed indipendente, magari vale la pena rivolgersi a qualcuno per poter affrontare la questione ed evitare che si riversi unicamente nella sua vita privata, influenzandola in modo negativo. Se sente il bisogno di avere un aiuto, non deve esitare a chiederlo, non sempre è possibile trovare da soli un modo per risolvere un problema che ci affligge, né è segno di debolezza.

Un caro saluto,
CBucci

Dott.ssa Cristiana Bucci Psicologo a Milano

24 Risposte

8 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17300

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88500

Risposte