Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Iniziare l'università a 25 anni, sono davvero cosi inadeguato?

Inviata da Andrea Vankeulen · 19 dic 2017 Orientamento scolastico

Buonasera a tutti, dopo varie riflessioni sul giusto modo di porre la mia domanda, e dopo aver letto alcune risposte fornite a dei miei coetanei con domande simili alle mie non mi posso esimere dal porne una simile ma soggettivamente molto diversa.
E' una domanda banale, a cui in famiglia molte volte ci si sente dare risposte altrettanto banali e demotivanti per il futuro di una persona, non ho nemmeno il coraggio essenziale per porgere questa domanda ai miei coetanei perchè ovviamente strabuzzerebbero gli occhi dato gli obbiettivi diversi che abbiamo..
A Gennaio ho praticamente perso mia mamma, dico praticamente, perchè è rimasta invalida al 100% dopo un gravissimo caso di malasanità italiana che purtroppo mi ha lasciato in balia degli eventi, abito dai miei zii perchè non ho nemmeno mio padre e durante il giorno sto lavorando.. in un lavoro molto brutto ma pur sempre un lavoro.
Mi ritrovo ora a 23 anni, dopo aver avuto un adolescenza molto molto complessa che mi ha fatto abbandonare la scuola prematuramente, da settembre mi ritrovo a completare la 3 superiore in un istituto tecnico superiore, con ottime votazioni tra l'altro, quindi dopo lavoro studio e frequento quest'istituto tecnico che mi appaga molto.
La decisione di completare gli studi mi è venuta praticamente dal cuore, da dentro anche se tutti in famiglia (i rimanenti) mi dicevano che con il lavoro la voglia di studiare passa, cosa che non è mia, infatti anche ora vi sto scrivendo in una pausa di studio, e sto studiando dalle 12:00.
Sono uno di quelli che i professori definiscono "testoni" e parlo dei diurni da adolescente, ma quando parlo ora con i professori ma anche con chiunque altro mi viene detto spesso sei molto intelligente dovresti continuare a studiare faresti carriera.. e questa è una cosa che mi fa sentire bene, mi motiva mi appaga mi fa venire i brividi e il magone allo stomaco.
Io ho questo progetto di vita che m sono fatto dopo i fatti accaduti a mia madre, dopo quello che le è accaduto trovandomi praticamente solo.. anche se ho una sorella e tanti zii comunque la sensazione è quella di essere una persona singola, quasi di non avere più famiglia, mi sono prefissato di voler davvero fare carriera, studiare, laurearmi con il voto più alto possibile, e lavorare, rendere orgogliose ma allo stesso tempo superficiali le persone che mi davano del testone, far vedere quanto valgo a tutti sopratutto a me stesso.
Lo faccio ovviamente prima per me stesso, ancora oggi vedendo i video delle lauree dei miei amici piango praticamente perchè è un momento della vita che voglio avere, una cosa che voglio fare con tanto sacrificio.
Mentre lavoro e accantono io stesso 600 euro al mese del mio stipendio per la vita poi universitaria parte della mia famiglia accantona una cifra simbolica per la mia università... diciamo pochi soldi divisi in tante persone che in 30 mesi, i mesi che mi mancano al diploma dovrebbero consentirmi di pagare quantomeno l'alloggio universitario.. Perchè alloggio? Beh perchè io vorrei fare economia e management in Bocconi, sono rimasto estasiato da questo ambiente, dalla professionalità dalle persone, dall'ambiente dalla città da tutto insomma voglio dare l'anima e arrivarci.
Infondo tra ciò che stanno accantonando per me in famiglia per pagare l'alloggio, e ciò che accantono io riuscirei a pagare alloggio (dalla retta sono esente) e la vita in quei 3 anni dove comunque nei weekend mi adatterei a fare qualsiasi cosa anche per raccimolare due soldi, facendo il cameriere o qualsiasi cosa..
Ma ho questa sensazione esterna di inadeguatezza, di pazzia quasi, dentro di me sono convinto di questo progetto, ma ho paura che la gente possa prendermi per pazzo a sentirlo, che mi dicano ma dove vuoi andare finiresti di laurearti a 28/29 anni chi mai ti prenderebbe a lavorare? La gente dopo i 23 anni ti da quasi per spacciato, dire che vorresti laurearti è quasi come dire "io non voglio lavorare" una cosa fuori dal normale no?
Insomma avrei bisogno di sentirmi dire che è un progetto concreto, ho bisogno di un parere esterno alle amicizie o famiglia ,che indichi se davvero è un progetto ambizioso con delle basi oppure la mia è solo una voglia di riscatto e di andare fuori dagli schemi che non mi porterebbe da nessuna parte...
La paura in me di non trovare poi nessuno sbocco lavorativo c'è è presente sia chiaro, poi sarebbe frustrante fare l'operaio (lavoro per cui ho il massimo rispetto dato che lo sto facendo) dopo aver speso anni in investire nel proprio futuro.

Vorrei tanto sapere cosa ne pensate voi conoscendo "la mia storia" per me le opinioni esterne sono oggettivamente motivanti e istruttive.

Ciao Andrea!

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 20 DIC 2017

Caro Andrea, intraprendere un nuovo percorso di vita spesso ci fa paura perchė ė come fare un salto nel buio, senza sapere se atterreremo nel morbido o ci schianteremo....dalle tue parole arriva peró grande motivazione e voglia di riscatto e cambiamento. Non puoi sapere oggi se fare l'Universitâ ti darâ il lavoro che sogni, ma ti dico di seguire lo stesso il tuo cuore. E se il tuo cuore, in questo momento, ti dice di lottare per seguire i tuoi sogni fallo e basta. Ti descrivi come in qualche modo "solo", come se dovessi gestire la tua vita senza alcun aiuto, nonostante parli dei parenti e dell'aiuto che ti danno per pagarti l'alloggio....e sembra che, invece, per te sia importante avere un sostegno e un supporto emotivo dall'esterno (tant'ě che scrivi qui....), come se la tua opinione o le cose in cui credi contassero "meno" senza il sostegno esterno. Magari ritagliarti uno spazio personale di riflessione e conoscenza di te stesso con un professionista che ti ispira fiducia potrebbe aiutarti a far emergere la forza che giá hai, ma che ha al momento bisogno di un incoraggiamento esterno per venire fuori...faccio il tifo per te, sicura che realizzerai i tuoi sogni!

Daniela Cannistrà - Psicologa e Psicoterapeuta Psicologo a Seregno

580 Risposte

237 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 NOV 2018

Caro Andrea, sono lieto di complimentarmi! Lei sicuramente ha qualità intellettive notevoli, unite a notevole volontà e determinazione, completate da un buon equilibrio psicologico.
Avrebbe solo bisogno di più persone che apprezzassero tutto questo. Tenga duro! Vedrà che in futuro sarà molto soddisfatto dei risultati che conseguirà. Potrà forse aver bisogno in alcuni momenti di un sostegno. Ci sono parecchi terapisti che accettano di lavorare con i giovani per un onorario simbolico, io sono uno di questi. Anch'io ho iniziato l'università a quasi 24 anni.
Cari saluti
dr. Leopoldo Tacchini

Dott. Leopoldo Tacchini Psicologo a Firenze

878 Risposte

362 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 DIC 2017

Buongiorno Andrea,
voler completare gli studi e andare all'università a qualsiasi età non è sbagliato, se è quello che desidera.
Significa ricercare nuove possibilità per sé seguendo i propri interessi e cercando le proprie soddisfazioni.

Cordialmente,
Studio Dott. Gramaglia

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

416 Risposte

172 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 DIC 2017

Buongiorno Andrea,
Leggendo "la sua storia" mi viene solo voglia di incoraggiarla a perseguire il suo obiettivo/ sogno. Se ha voglia di continuare a studiare lo deve fare, se ha desiderio di conoscere e apprendere lo faccia. il miglior modo di trovare una risposta alla sua domanda è di iscriversi all'università e vivere l'ambiente universitario ( corsi, colleghi, professori, insomma la vita universitaria...). Non veda la sua l'età come un problema ma come una risorsa perché ha capito cosa vuole e desidera e sa come ottenerla. Cordiali saluti.

Dott.ssa Gomiero Verena Elisa Psicologo a Padova

85 Risposte

17 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Altre domande su Orientamento scolastico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 21700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16200

psicologi

domande 21700

domande

Risposte 82200

Risposte