Infelicità o non saper prendere la vita?

Inviata da asiabar · 24 lug 2015 Crisi esistenziale

Buongiorno,
Ho quasi quarantanni. Sono una persona che fin da piccola era molto sensibile ed incapace di difendermi dagli altri: in pratica il più delle volte mi hanno sempre messo i piedi in testa.
Ho un padre malato di sclerosi multipla dall'età di 30 anni con una madre che lo accudisce e sta impazzendo lei stessa per l'impegno ormai gravoso che degenera sempre di più: in pratica mi ritrovo con una mancanza "affettiva" di un papà e un suo sostegno anche se fisicamente c'è dall'inzio della sua malattia (io avevo 8 anni) e con una mamma che al telefono si sfoga giustamente con me per i suoi problemi.
Abitiamo abbastanza distanti.
Ho un marito e due figli maschi. Mio marito a volte lavora anche di sabato e domenica. Devo dire che mi aiuta con i figli ma oltre a loro io sono quasi trasparente o meglio mi rendo trasparente per le mie crisi di pianto e debolezza psicologica e non abbiamo mai tempo per stare da soli/intimità perchè i figli in pratica li gestiamo da soli. Mio marito gioca spesso con il telefonino.
Ho un lavoro con molta responsabilità, soddisfazione ma stress, stress e stress: ho anche paura di perdere un lavoro che ho tirato su in 20 anni e che adesso per la crisi vacilla.
Il problema che mi preoccupa è che da un po di settimane perdo la pazienza con i miei figli, come stamattina.
Ho sculacciato il più piccolo (3 anni) e lo ho chiuso fuori della porta per banali capricci. Beh queste sono cose che io non avrei mai voluto fare nella mia vita e mi ritrovo a farle; a sfogare la mia rabbia su di loro.
Non ce la faccio più. Non ce la faccio a reprimere questi momenti di rabbia con loro, che amo più della mia vita, e che sono dei bambini bravissimi. Mi faccio schifo.
Oggi c'è la festa di compleanno dei miei figli ed io sono svogliata e demoralizzata.
Non voglio nemmeno festeggiare... anche le due persone più importanti della mia vita oggi le vedo trasparenti... e questo è spaventoso. Aiuto. La mia insicurezza e fragilità con il mondo esterno va riversata nella mia famiglia. Non è giusto: vorrei scappare.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 27 LUG 2015

Gentile Asiabar,
rabbia, stanchezza, preoccupazione emergono chiaramente e forti da questo suo messaggio. Il fatto che abbia scritto questo messaggio è un primo elemento importante in termini di riconoscimento del disagio e del malessere...si deve concedere lo step successivo...inizi un percorso psicologico. è perfettamente consapevole che la situazione è difficile da gestire, è perfettamente consapevole che le persone che lei ha accanto per quanto le vogliono bene in questo momento non sono in grado di darle quello spazio di ascolto e sostegno di cui necessita. Sta affrontando tante e troppe preoccupazioni e situazioni difficili contemporaneamente ed ha bisogno di una valvola di sfogo, ha bisogno di uno spazio protetto tutto suo nel quale esternare le sue preoccupazioni, i suoi dubbi, i suoi bisogni ed alla luce delle risorse individuali e non disponibili riprendere in mano in modo attivo la sua vita migliorandone la qualità.

Cordiali saluti,
Dott.ssa Stefania Valagussa

Dott.ssa Stefania Valagussa Psicologo a Concorezzo

251 Risposte

1034 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 LUG 2015

Cara asiabar,
la trasparenza...ci parla di trasparenza, la sua trasparenza, la trasparenza delle persone che ama.
La trasparenza è mancanza di colore, adattamento ai colori dell'ambiente, senza la volontà di assumerne di propri.

Sta vivendo un momento di fatica che mi sembra essere in relazione con quello scrive quando dice che non si è saputa difendere, nel tempo, dagli altri che la hanno prevaricata.

E' possibile che le sia stato difficile manenere dei confini e che si sia dedicata con cura agli altri, non essendo del tutto se stessa pechè gli eventi non glielo permettevano. Questo ricacciare indietro una parte di sè, non solo è faticoso, ma paino piano annulla i propri desideri, bisogni, emozioni.

Annullamento di sè e trasparenza.

Se non lo ha già fatto, consulti uno psicologo della sua zona, oppure si rivolga al servizio di psicologia della asl. Cerchi uno spazio in cui non annullarsi.

Nel frattempo, si dedichi un piacere al giorno che coinvolga i sensi (un cibo o bevanda che ama, annusare un profumo gradito,della musica....) e dieci minuti al giorno per scrivere come si sente, quali sono i sui pensieri e i suoi desideri.

Resto a disposizione per approfondimenti.
Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2060 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 LUG 2015

Quanta stanchezza e rabbia che emerge dalle tue parole! Cara Asiabar, quello che mi chiedo è: come mai ora? come mai ti sei decisa adesso a scrivere della tua situazione? Cosa è successo? La prima definizione che hai usato per descriverti è "ho quasi quarant'anni". Può essere questo il fattore scatenante? Il fatto che il passaggio di decina ci mette di fronte al bilancio della propria vita passata? Il fatto di vedere di essere in difetto rispetto a quello che si sognava e quello che si voleva costruire? Hai avuto un passato difficile, e il presente ti sta scappando di mano. Ma tu ne puoi riprendere il controllo! Hai rabbia dentro di te, ma devi capire da dove venga, a chi è attribuita, cosa la suscita. Asiabar, questo è il momento per riappropriarsi della propria vita e della propria felicità. E lo dico perché il primo passo lo hai già fatto: hai scritto, hai chiesto un consiglio. Continua per questa strada, lotta per riuscire ad essere ciò che desideri essere. Hai fatto tante cose, ti sei sposata, hai dei figli che ami, hai un lavoro importante,..è difficile gestire tutto questo. Hai le risorse e la possibilità per uscire da questo difficile periodo. Cosa succederà tra un po' di tempo se non fai niente? Se non cerchi di trovare il tuo equilibrio e la tua serenità? Lavora su di te, ri-mettiti in gioco. Questo è il momento giusto! Ti auguro di cuore di trovare la tua serenità.
Dott.ssa Corpaccini Laura

Dott.ssa Laura Corpaccini Psicologo a Gallarate

3 Risposte

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 LUG 2015

Cara Asiabar, dalle sue parole traspare un forte malessere e sembra che lei stia camminando lungo il bordo di un precipizio.
Non cada! Si imponga di non cadere. Trovi la motivazione di reagire chiedendo aiuto ad uno psicologo quanto prima. Si rivolga alla asl della sua zona o ad un professionista privato, ma lo faccia prima possibile.
Lei è sovraccarica di situazioni stressanti e non regge più questo peso, ma non deve mollare, lo faccia per se stessa e per i suoi due bambini.

Un percorso psicologico la porterà a potersi sfogare di quanto ha vissuto e sta vivendo, rafforzerà la sua fragilità e la farà reagire a questo abbattimento d'umore.

Ora festeggi i suoi figli e quanto prima inizi ad occuparsi del suo benessere.

Cari auguri.
Dott.ssa Annalisa Iovane

Dott.ssa Annalisa Iovane Psicologo a Roma

138 Risposte

108 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 LUG 2015

Cara Asiabar,
dalla descrizione che lei fa non sembra che esistano motivi tangibili per giustuficare la sua insoddisfazione. Forse è tutto da collegare a un periodo di stress lavorativo che sta avendo delle ripercussioni sulla sua vita quotidiana e non le permettedi affrontare serenamente neanche la relazione con i suoi figli. Se può provi a prendersi un periodo di pausa o ad allentare un pò i ritmi lavorativi. Se vede dei miglioramenti sicuramente sta solo attraversando un periodo di forte stress. In alternativa, le consiglierei di contattare un terapeuta della sua zona per poter analizzare meglio le origini della sua insoddisfazione e insicurezza.
Cari saluti
Dott.ssa Carla Francesca Carcione

Dott.ssa Carla Francesca Carcione Psicologo a Capo d'Orlando

263 Risposte

413 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Crisi esistenziale

Vedere più psicologi specializzati in Crisi esistenziale

Altre domande su Crisi esistenziale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16550

psicologi

domande 22900

domande

Risposte 84150

Risposte