Indecisione cronica da una vita

Inviata da Will · 10 giu 2018 Crisi esistenziale

Ciao a tutti,
mi trovo in una situazione molto delicata, e vi scrivo sperando che possiate consigliarmi.
Ho 43 anni, sono disabile dalla nascita, vivo grazie alla pensione di invalidità e una piccola rendita da una casa in affitto.
Soffro di indecisione cronica da tanti anni, che si è acutizzata negli ultimi due anni in seguito alla fine di una amicizia importante. Ho vissuto sempre una vita alla giornata, senza pianificare nulla, senza avere un motivo per farlo, lasciandomi trascinare dalla vita e dal caso. Non riesco a prendere una decisione, e spesso quando ne prendo una ci ripenso.
E’ come se nella mia mente mancasse il concetto di “essere padrone della mia vita”. Questo dipende probabilmente dal fatto che ho avuto una madre iperprotettiva che non ha mai creduto in me, e dall’aver frequentato per tanti anni una comunità neocatecumenale, dove ci inculcavano che l’autodeterminazione è sintomo di arroganza, e l’unica cosa da fare è solo pregare ed aspettare qualche segno dal cielo.
Ho sempre vissuto la stessa vita. Poche amicizie, quasi prevalentemente coinquilini, pochissime ragazze. L’università è stata un fallimento, dopo l’entusiasmo iniziale la noia e la sensazione che non mi interessava.
Non ho mai avuto voglia di far nulla, sono sempre spento,buttato sul letto, annoiato, tranne quando ho avuto qualche cosa in cui ho creduto.
L’anno scorso, in un momento nerissimo, ho rivisto la mia esistenza, e mi sono fatto la promessa di cambiare vita entro 5 anni, di trovare un lavoro, degli affetti, e comunque quel senso di soddisfazione che mi manca da sempre.
Il primo passo è stato quello di fare un altro intervento delicato, che però ha richiesto un anno di fisioterapia ed il ritorno nella casa di mia madre per la convalescenza.
Ora, dopo 11 mesi di solitudine sono in una cittadina del sud spenta e morta, senza amici, mi sento solo, fragile e senza una direzione, voglio solo andare via, ma sono due mesi che non riesco a decidere dove andare, cosa fare. Sono esausto.

Con molti sacrifici ho messo da parte una somma sufficiente per un anno di terapia, l’Italia non mi piace ma sono disposto a restarci per questo motivo (non mi ci vedo a fare terapia in inglese!)
Sono indeciso, non so che fare, vi vorrei chiedere una mano per dissipare alcuni dubbi.
-Dopo tutta questa convalescenza, secondo voi quale sarebbe meglio staccare da tutto e fare una vacanza, oppure cercare una città e iniziare subito un percorso psicoterapeutico, magari svagandomi allo stesso tempo?
-Che orientamento psicoterapico mi consigliereste per la mia situazione? Tanti anni fa ho fatto Analisi Transazionale ma è stata un’esperienza pessima. Per sei mesi feci Cognitivo Comportamentale e mi giovò.Ho sentito opinioni contrastanti sulla Terapia Breve Strategica di Giorgio Nardone: ho letto tanto, e non ho un’idea chiare. Promettono la risoluzione di problemi profondi con poche sedute, ma non so se sia il mio caso. (Non voglio psicanalizzarmi, ma ho l’impressione di avere ferite irrisolte che hanno origine in tempi molto lontani.) In ultimo sono un grande estimatore di Gustav Jung (sono appassionato di sincronismo e sincronicità e ammiro il suo lavoro, pur non avendo mai fatto terapia jungiana)
-Potrebbe essermi utile nella mia situazione rivolgermi ad uno psicologo via Skype? Per le decisioni da prendere nell’immediato mi sento di investire e provare, invece per i problemi più profondi, Skype non mi convince molto, mi sembra “freddo”

Chiedo venia per il lungo messaggio, ho cercato di fare una panoramica della mia situazione, spero che possiate darmi una mano. Grazie!

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 26 LUG 2018

Buongiorno,

La sua è una situazione complessa e molto delicata e rispondere in uno spazio così piccolo sarebbe superficiale. Credo sia molto utile intraprendere un percorso psicologo e il fatto che sia già motivato facilita molto. Potrebbe essere utile anche un percorso online, sia per una questioni di costi sia spostamenti. Resto a disposizione per eventuali chiarimenti, mi scriva Anche solo per avere dei consigli.
Cordiali saluti
Dott.ssa Alice Noseda

Dott.ssa Alice Noseda Psicologo a Lecco

1664 Risposte

1177 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Crisi esistenziale

Vedere più psicologi specializzati in Crisi esistenziale

Altre domande su Crisi esistenziale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24150 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24150

domande

Risposte 86900

Risposte