Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Incompresa?

Inviata da Chiara il 4 feb 2018 Crisi adolescenziali

Salve. Sono una ragazza di diciotto anni e da svariati anni, con un progressivo peggioramento della situazione, ho difficoltà nell'accettare il mio aspetto. Sono stata da uno psicologo e partecipo a degli incontri di musicoterapia, entrambi all'interno della scuola. Non essendo soddisfatta, ho deciso di rivolgermi per la prima volta ad uno psicologo privato. Mi aspettavo finalmente di essere capita, aiutata ma per l'ennesima volta mi sono sentita dire "È un peccato che pensi questo di te, sei davvero carina". Io sto male, passo giornate a piangere davanti allo specchio, a volte non riesco neppure ad uscire di casa. Ho appuntato, dopo svariate ricerche, il costo di tutti gli interventi chirurgici a cui vorrei sottopormi. È possibile che io non sia in grado di esprimermi e far capire il mio dolore? Vorrei essere trattata come una persona che soffre, che ha un problema, non come una ragazzina in cerca di complimenti per accrescere la propria autostima. So di non essere un mostro, ma quando mi guardo vedo tanti piccoli difetti, che tutti insieme mi ci fanno quasi sentire, un mostro! È forse possibile che anche psicologi/terapeuti si lascino influenzare dal mio aspetto? Se mi trovassero anche loro brutta, darebbero più peso alle mie parole?
Per favore, aiutatemi.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buongiorno Chiara,

penso che la tua sofferenza abbia tutto il diritto di essere compresa e accolta. Siamo tutte persone diverse, ognuno con le proprie, personali e legittime difficoltà.
Capisco e comprendo perfettamente la sua frustrazione e, forse, rabbia nel non essere presa sul 'serio' nella tua sofferenza, facendola sentire ancora più impotente e sola nella sua difficoltà.

Resto a disposizione
Saluti
Anita Martellacci

Dott.ssa Anita Martellacci Psicologo a Rosignano Marittimo

10 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Chiara, arriva tutta e forte la sofferenza che provi nel non piacerti.....e sicuramente il non sentirti capita e magari "lasciata sola" non ti aiuta....il mio consiglio ě quello di non mollare e andare avanti a cercare uno psicoterapeuta che a pelle ti ispiri fiducia e con cui ti senti a tuo agio e capita. Quello che senti ė un "segnale" che ti vuole dire di fermarti un attimo e "prenderti cura" di te....sono certa che starai bene. Un grosso in bocca al lupo per la tua vita, dott.ssa Daniela Cannistrâ.

Daniela Cannistrà - Psicologa e Psicoterapeuta Psicologo a Seregno

580 Risposte

224 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Certo Chiara hai tutto il diritto di essere trattata con l attenzione e il rispetto che la tua sofferenza merita. Da quello che scrivi il tuo sembra essere un problema di dismorfofobia e può essere trattato bene e velocemente se si hanno le giuste competenze. In questi casi i complimenti e le rassicurazioni circa il proprio aspetto fisico non sono di alcun aiuto anzi peggiorano le cose

Dott.Carlo Paradisi Miconi Psicologo a Roma

79 Risposte

37 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Chiara,
Ha fatto bene a chiedere un parere a professionisti formati nel settore.
Sicuramente vive una situazione molto difficile e piena di sofferenza e incomprensioni.
Provi a ripensare alla possibilità di rivolgersi a un altro psicologo cercando di spiegare e di riflettere non tanto sul sintomo ma su tutto ciò che la circonda.
Rimango a disposizione
Dottoressa Chiara Ragno

Dottoressa Chiara Ragno Psicologo a Firenze

14 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Chiara,
Potremo cercare di dare un nome alla tua sofferenza affinché non sembri la lamentela di una ragazzina viziata che cerca di attirare l'attenzione degli altri...
Se per es. si trattasse di dismorfofobia, cioè della paura legata ai cambiamenti corporei dell'adolescenza e/o conseguenti ad essi e contemporaneamente alla non accettazione del proprio corpo o di parti di esso che ci srmbrano disarmoniche o sproporzionate rispetto all'insieme.
È un disturbo riferito alla propria immagine corporea che va preso in seria consideraziohe per prevenire le conseguenze che pissono andare dalla chiusura relazionale ai disturbi del comportamento alimentare.
Dr.ssa Anna Signoretti.
Torino.

Dr.ssa Signoretti Anna Psicologo a Torino

12 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Crisi adolescenziali

Vedere più psicologi specializzati in Crisi adolescenziali

Altre domande su Crisi adolescenziali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20000 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20000

domande

Risposte 77800

Risposte