Incastrata in una storia - seconda parte

Inviata da Minù · 10 feb 2016 Terapia di coppia

Sono cresciuta in una famiglia presente, nessuna violenza o forti traumi.
Una mamma molto severa e un padre che spesso ha fatto da cuscino.
Sono sempre stata protettiva nei confronti di mia sorella minore, che era un pò "la pecora nera" della famiglia.
Sono uscita di casa presto, per studio, poi per lavoro.
Sono sempre stata indipendente.
Ho fatto per 10 anni un lavoro che adoravo in giro per l'Italia, ma ho dovuto abbandonarlo per problemi alla schiena.
Questo non mi ha scoraggiato, ho messo radici in una città che non conoscevo, ma che ora amo, ho ripreso i libri e sono riuscita a costruirmi una nuova figura professionale.
Viaggio da sola per piacere, ma ho una vita sociale attiva.
Ora a 40 anni però mi ritrovo a non riuscire a slegarmi da questa storia.
Come in effetti ho avuto difficoltà a dimenticare le storie precedenti, ma questo non ha impedito di mantenere tutt'ora un bel legame con i miei ex.
Voi mi avete risposto che non ho più autostima, mi sto guardando dentro, e capisco che accettare questi maltrattamenti, non è normale.
Mi viene però da pensare che ci sia anche qualcosa di diverso.
Sono una bella ragazza, e non ho problemi a trovare corteggiatori, anche piacevoli e ben disposti, ma puntualmente trovo in tutti un neo per allontanarli.
Per cui, dal momento in cui decido di iniziare un percorso di coppia, mi butto con tutti gli intenti.
Quando questo però finisce, la vivo come una sconfitta.
Questo mi impedisce di essere lucida, di capire effettivamente l'obbiettivo di una relazione, e far di tutto per continuare ad andare avanti, pur vivendo delle controversie, perché capisco che quest'uomo non fa per me.
Si accettano consigli e pareri...

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 10 FEB 2016

Gentile Minù,
poche cose bisogna avere chiare nella mente:
a) nelle relazioni di coppia, l'amore richiede reciprocità ma non è un obbligo bensì un atto volontario, come dono/investimento, per cui non bisogna né amare per forza né pretendere di essere amati per forza;
b) quando non vi è più reciprocità, non ha molto senso che l'altro continui ad investire perché prima o poi si esaurirà non essendo ricaricato;
c) quando uno dei due decide di chiudere un rapporto non si dovrebbero nemmeno pretendere o dare delle spiegazioni proprio perché l'amore non è un obbligo.
Per lo stesso motivo, quando una relazione finisce non bisogna nemmeno viverla come una sconfitta personale.
Lei "non riesce a slegarsi da questa storia" pur comprendendo che dovrebbe farlo, per il semplice motivo che ne è diventata dipendente per mancanza di autostima che può recuperare attraverso un percorso di psicoterapia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

8229 Risposte

22420 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 FEB 2016

Gentile Minù,
non conosco il suo quesito precedente, per cui devo basarmi solo sull'attuale in cui riferisce, tra l'altro, di storie sentimentali interrotte, quand'anche per sua scelta.
In casi del genere è sempre opportuno valutare se non ci siano vecchi "amori" che furono coinvolgenti e che per qualche motivo non si sono chiusi del tutto.
Le dico però che per una tale valutazione è necessaria l'opera dello psicologo perchè la persona interessata facilmente non è cosciente del problema e tende a negarlo.
Le segnalo al riguardo un articolo sulle storie sentimentali non chiuse sul mio sito professionale.
Cordiali saluti

Valentina Sciubba Psicologo a Roma

1054 Risposte

774 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 FEB 2016

Gentile Minù,
ho letto anche la sua precedente richiesta e la ringrazio per queste sue ulteriori delucidazioni. Ci dice che vive come una sconfitta la fine di una relazione come lei vorrebbe e che perde lucidità nel capire gli obiettivi di una relazione, Forse sarebbe il caso che lei ascoltasse di più se stessa e i suoi desideri più che inseguire obiettivi di conquista o razionali (come "dovrebbe" essere una relazione) tenendo presente sempre il rispetto verso la sua unicità di persona e di donna. L'incastro attuale, cosi mortificante e violento, lede il rispetto per se stessa e lede anche le sue priorità di donna. Valuti seriamente di intraprendere un sostegno psicologico con una psicologa psicoterapeuta in presenza in quanto l'incastro nelle relazioni violente porta necessariamente all'abbattimento della volontà e della libertà individuale.
Auguri
Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Roma

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2885 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 FEB 2016

Cara
di solito proprio alle donne molto capaci e molto belle, come tu certo sei, capita di diventare vittime di maschi predatori.
Anche da quello che descrivi qui sopra si deduce chesei sempre stata una brava persona che ha saputo donarsi e aiutare gli altri; più abituata a dare che a ricevere, assetto psicologico "donne che amano troppo".
Quello che manca al tuo valore è la piena consapevolezza dello stesso e la capacità di farsi rispettare.
Rifletti bene su questi punti.
Vai in profondità, risponditi alla domanda: tra me e un altro della mia famiglia o uno a cui voglio bene, chi viene per primo?
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3083 Risposte

7734 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 35650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 20950

psicologi

domande 35650

domande

Risposte 121150

Risposte