Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Improvvisa apatia e ansia

Inviata da Federica il 2 ago 2019 Ansia

Salve a tutti, sono Federica, ho 22 anni e i miei problemi sono iniziati circa un mese fa. Sono da sempre una ragazza molto solare e allegra, studio in un’università che mi appassiona, ho una famiglia e un fidanzato stupendi che mi sostengono sempre ma nonostante questo sono stata male. Una mattina all’inizio di luglio durante il lavoro (negozio di abbigliamento) mi sono sentita la testa girare e sensazione di stordimento e angoscia, non essendomi mai trovata in questa situazione ho chiamato mia madre e siamo andate al pronto soccorso dove, con vari accertamenti, hanno attribuito tutto all’ansia. La sera stessa ho avuto un vero e proprio attacco di panico, non mi era mai accaduto prima e mi sono spaventata molto. Per quasi una settimana non sono riuscita a mangiare e ad alzarmi dal letto causa perenne tachicardia e vertigini. Sono stata visitata da un neurologo che mi ha prescritto l’alprazolam che sto prendendo tuttora. Ora, nell’ultimo periodo ci sono stati episodi che mi hanno messo in agitazione, sono stata molto preoccupata per dei problemi di salute inesistenti (faccio frequenti ricerche su internet riguardo i sintomi che ho, come se trovare una ragione/risposta mi facesse stare meglio), alcune promesse non rispettate al lavoro, litigi con il mio fidanzato (che potrebbero essere le cause scatenati). Il problema attuale riguarda proprio il mio fidanzato, stiamo insieme da quattro anni, molto feeling da sempre, cresciuti insieme e felici. Io da un po’ sono troppo possessiva e vorrei sapere sempre dov’è e con chi, nonostante in quattro anni non mi abbia mai dato problemi di fiducia, anzi. Da circa due settimane soffro di grande apatia verso tutto, specialmente verso di lui, non faccio che chiedermi se lo amo, se mi ama, se questo cambio improvviso sia perché devo lasciarlo. Tutto questo è accaduto improvvisamente, dopo gli attacchi di panico. Non riesco a smettere di pensare cose brutte, ogni volta che penso a lui mi viene molta ansia e tachicardia. Ho già iniziato un percorso con una psicologa ma volevo un secondo parere. Grazie in anticipo

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buongiorno Federica,
intanto condivido la scelta di aver intrapreso un percorso psicologico. In secondo luogo posso dirle che le problematiche annesse all'ansia e al panico sono quasi sempre la risposta di qualcosa di bne più profondo che alle volte la nostra coscienza non si concede di esperire. Non conosco il tipo di orientamento con cui viene seguita ma potendomi esprimere, consiglio un percorso ad orientamento psicodinamico.
Buona fortuna

Dott.ssa Roberta De Bellis Psicologo a Gallarate

231 Risposte

132 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15600

psicologi

domande 19350

domande

Risposte 78400

Risposte