Il mio ragazzo non si fida più.

Inviata da Marta il 20 giu 2016 Terapia di coppia

Ho una relazione da circa 4 mesi, entrambi 19enni. Ci siamo innamorati però lui non si fida più di me. La colpa è mia poiché ho scherzato in maniera pesante con un altro ragazzo, gliel'ho tenuto nascosto perché ho capito la gravità del mio errore ma lui è venuto a saperlo, è riuscito a farmi parlare e a leggere i messaggi. Adesso dice di non fidarsi più. Ha tutte le ragioni del mondo per farlo. Dice anche di amarmi, però si aspetta da me qualcosa per lui ri fidarsi di me. Io non so realmente cosa fare. Sono passate 2 settimane dal discorso è speravo che la mia vicinanza potesse agevolare la situazione ma niente. Mi ha solo confermato che mette in dubbio tutto ciò che faccio e se gli nascondo altro. Io ho anche un carattere introverso e non sono brava a dimostrare agli altri ciò che provo ma sa bene che lo amo tantissimo. Voglio solo risolvere tutto ma per me la situazione è complicata anche se lui dice che non bisognerebbe molto per cambiare le cose ma che il tempo più passa e più rovina il nostro rapporto. Farei qualsiasi cosa per lui, come posso risolvere questo problema? Che devo fare?
Grazie in anticipo.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Cara Marta, come ricreare un legame di fiducia reciproca lo potrete scoprire insieme solo lei e il suo ragazzo. Tenere aperto il dialogo e il confronto è molto utile in questi casi per capire le mancanze, i bisogni e le volontà di ognuno.
Tutto è recuperabile se lo si vuole da entrambe le parti!
Cordiali saluti

Dott.ssa. Claudia Vian - Psicologa - Mirano ( Ve )

Dott.ssa Claudia Vian Psicologo a Mirano

49 Risposte

50 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Allora....che il tuo ragazzo sia rimasto amareggiato ed arrabbiato dal tuo comportamento è comprensibilissimo, ma che questo abbia innescato una vera e propria sua paranoia è un problema suo, proviene dall'idea sottostante di non essere sufficientemente amabile, problema che te, involontariamente, hai innescato.
Non c'è niente che tu possa dire o fare sino a quando lui stesso si renderà conto (difficile) di avere un problema.

Emozioni Umane - Dott.ssa Papadia Psicologo a Montebelluna

554 Risposte

378 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buonasera Marta, innanzitutto, e capisco che la giovane età in tal senso non aiuta, abbia un pochino di pazienza in più. Come da lei detto, sono passate 2 settimane dal "discorso" e, se c'è stata una delusione forte da parte del suo partner, forse ancora sono poche per rimarginare la sua ferita. In ogni caso, io sposterei il discorso su un altro livello: come mai lei ha sentito il "bisogno" di scherzare pesantemente con un altro ragazzo? Per ingelosire il suo partner che sentiva un pò troppo distante (ipotesi)? Per mettersi alla prova all'interno di un gioco relazionale diverso da quello solito che ha col suo ragazzo (ipotesi)? Per creare una occasione di rottura che, in altro modo, non sarebbe riuscita a creare (ipotesi)? Ricordandoci che nella relazione si è in due, sia a "fare" che a "subire" le azioni del partner; per questo, ad es., la reazione del suo compagno che effetto le fa? Se la sarebbe mai immaginata una reazione del genere o l'ha sorpresa? E questa reazione, quale immagine di lui le "ritorna" in questo momento e con quali effetti emotivi? Insomma, è vero che siete due 19enni, tuttavia, a livello relazionale siete già molto esperti, anche solo implicitamente; la modalità di sperimentarsi all'interno di una relazione, infatti, comincia già dentro l'utero materno e quella di attivare strategie relazionali di prossimità emotiva, sia dirette che indirette, comincia già dai primi mesi di vita. Quindi, entrambi, avete almeno 16-18 anni di "esperienza" (nel senso di stare all'interno di una relazione ed esperire equivale a conoscere) in questo ambito; dunque, se lei ha agito quello scherzo non lo ha fatto senza motivo (per lo meno cosciente) ed il suo partner, se sta decidendo di reagire in questa maniera, non lo fa a caso, ma utilizza strategie di auto-protezione emotiva, nel rapporto con l'Altro, acquisite nel tempo. Soluzioni? Parlate e confrontatevi, in modo più sincero possibile, su ciò che sta accadendo, chiarendovi reciprocamente cosa vorreste dall'altro per un obiettivo emotivo "egoistico" e cosa sareste disposti ad offrire o a mettere in gioco nella relazione, per un obiettivo emotivo "altruistico".
Ribadisco, toglierei la "scusa" dell'età, in questo settore di vita la vera esperienza la si sperimenta già dall'inizio della nostra esistenza.
Buona fortuna
dott. Massimo Bedetti
Psicologo/Psicoterapeuta
Costruttivista-Postrazionalista Roma

Dott. Massimo Bedetti Psicologo/Psicoterapeuta Psicologo a Roma

672 Risposte

960 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Marta,
sarebbe innanzitutto interessante capire meglio in cosa è consistito questo "scherzare in maniera pesante" con l'altro ragazzo e nemmeno è chiaro cosa il tuo ragazzo vorrebbe che tu facessi.
Puoi chiederglielo? Ed ammesso che tu faccia ciò che ti chiede, lui è sicuro di tranquillizzarsi?
Forse l'unica cosa sensata è ammettere di nuovo il tuo sbaglio, scusartene e parlarne per cercare di capire cosa ti ha spinto a fare lo scherzo pesante (rabbia? gelosia? civetteria?) e cosa si può correggere nel vostro rapporto.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6461 Risposte

18103 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Marta
devi comprendere a fondo che la diffidenza di lui è la reazione naturale alla delusione che ha avuto causa il tuo comportamento.
Tu ora sei sicura di non cadere più in queste "frivolezze" con altri ragazzi?
Se la risposta è sì, devi anche dimostrarlo a lui con la disponibilità a tollerare la sua attuale diffidenza.
Continua a stargli vicino e a dimostrare coi fatti la tua lealtà e amore e non scoraggiarti.
Aspetta pazientemente che gli passi.
Lui ha diritto ad una fase di ri-costruzione interiore.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci psicologa psicoterapeuta.

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6693 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15250

psicologi

domande 19650

domande

Risposte 77150

Risposte