Il mio ragazzo ha dei comportamenti strani, è colpa della terapia? (II parte)

Inviata da rosi · 2 lug 2014 Orientamento professionale

Buonasera dottori, ho provato a seguire i vostri consigli mandando un messaggio al mio ragazzo ma nulla...Non mi risponde, io ho cercato, anche in passato, di dimostrargli che nel bene e nel male io sono al suo fianco..Forse la depressione c'entra ma non so più se è saltato un alibi o lui non mi ami veramente più..Sono veramente a pezzi! Datemi un consiglio, grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 3 LUG 2014

Gentile Rosi,
se rilegge la mia risposta di consulenza:quanto ha fin ora fatto non porta a nulla, come volevasi dimostrare
paolo zucconi sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale a udine

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1587 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 LUG 2014

Gentile Rosi,
qual'è stata la motivazione che l'ha spinta a inviare il messaggio? di certo un messaggio come per magia non porta a soluzione immediata.
Forse è meglio se riflette più sulla sua ansia da separazione che sulla terapia dell'altro, provi a concentrarsi più su se stessa che sull'altro.
Come spiega bene Paul Watzlawick nel suo libro "come rendersi infelici" l'altro ci deluderà sempre, già per il fatto che non è una nostra copia ma un mondo a sé.
Le consiglio di rivolgersi ad un professionista per approfondire questo suo stato d'animo.
Un caro saluto

Area24 - Studio di Psicologia Psicologo a Milano

13 Risposte

16 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 LUG 2014

Gentile Rosi,
un professionista serio, difficilmente, spinge la persona verso azioni che lei stessa non voglia già. Vede, è possibile che il desiderio del suo ragazzo di prendere le distanze da lei fosse già presente, indipendentemente dalla terapia. Inoltre è anche ipotizzabile che il suo compagno si trovi in difficoltà, che stia attraversando un momento complicato, che sia confuso.
Non credo che ci siano formule che le permettano di riavvicinarsi a lui, che le possiamo suggerire. Ogni riappacificazione è una costruzione di coppia, dobbiamo essere in due a volerla.

Restiamo in ascolto

Dr Mori, Psicologo Sessuologo Psicoterapeuta Psicologo a Siena

573 Risposte

384 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento professionale

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento professionale

Altre domande su Orientamento professionale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18000

psicologi

domande 27650

domande

Risposte 95400

Risposte