Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Il mio ragazzo è ossessionato del mio passato, aiutatemi ad aiutarlo

Inviata da viola il 21 gen 2016 Terapia di coppia

Salve a tutti, sono una donna di 38 anni fidanzata da quasi 2 anni con un uomo meraviglioso, l'amore della mia vita.
Quando ci siamo incontrati e innamorati, lui era sposato, ha anche una bambina, ci siamo amati da subito alla Follia, e tutto quello che volevamo era stare insieme.
Oggi questo lo abbiamo e come una maledizione si è presentato un problema molto grave!
Da quando ha lasciato la moglie, con cui c'è stato insieme per 13 anni, lui è stato il suo primo uomo, ed andato via di casa, ha cominciato ad approfondire dettagli sul mio passato:
- numero di partner avuti;
- particolari del rapporto sessuale e altre mille domande su ricordi sensazioni eccetera.
Ho sempre risposto a tutto, ma ad un certo punto quando ha cominciato a giudicarmi e a farmi sentire un'aliena per delle cose che ho fatto, assolutamente normali, ho cominciato a reagire male, ogni volta che chiede si litiga, se rispondo che una cosa l'ho fatta come con lui anche con un'altro vengo accusata che allora lui non è così unico per me, se non l'ho fatta di essere poco credibile e di nascondergli la verità, non riusciamo a stare più sereni, non riusciamo più ad avere un dialogo, tutta la nostra storia gira intorno alle domande e ai miei ex! Sta distruggendo un rapporto meraviglioso e a me sta venendo l'esaurimento! Lui ha provato a non chiedermi, ma dopo un giorno se non lo fa, esplode e me lo deve chiedere per forza. Lui non affronta secondo me il problema in modo adeguato, ed io non so come comportarmi, se continuare a rispondere alle sue solite domande continuamente faccio bene o male.
Scrivo a voi per sapere quale sarebbe la giusta strada da intraprendere, ma soprattutto per capire come devo comportarmi io nei suoi confronti.
Vi ringrazio in anticipo della vs. collaborazione.

saluti
Viola

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Cara Viola
spesso questo succede in quanto, quando si crea una relazione con un uomo sposato, qualora lui lasci la moglie (e mi creda che è davvero raro che succeda), desidera ben sapere "per chi" ha lasciato la moglie e, nella sua mente, vuole essere certo di non aver fatto un errore.
Dato che, quando vi siete messi insieme lui era sposato (in teoria quello meno responsabile era lui, visto che aveva famiglia), lei ha accettato questo legame e quindi, comunque, nella mente maschile, una donna che si concede ad uomo sposato è "una rovinafamiglie"...siamo ancora nell'idea che la donna è la più colpevole su queste cose.
Credo che per tutto questo, probabilmente inconscio, modo di vedere le cose, il suo lui sia ora molto sul "chi va là" sospettoso e accusativo e quello che dice è forse "la punta dell'icesberg"... insomma c'è dell'altro sotto.
Bisognerebbe approfondire meglio la questione , magari con una psicoterapia di coppia.
A disposizione per chiarimenti.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci psicologa psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6716 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Viola,
non è un caso che questo suo compagno abbia iniziato a indagare sul suo passato e fare domande su cose personali e intime riguardanti le sue relazioni precedenti, soltanto quando è andato via di casa lasciando moglie e figlia.
Più che insicurezza personale e gelosia nei suoi confronti che, se mai dovrebbero riguardare il presente, sono i sensi di colpa forse non riconosciuti e quindi operanti a livello inconscio, che perseguitano il suo compagno e vengono scaricati su di lei in modo persecutorio.
E' ovvio che lei non può accettare tutto questo, specie se questi comportamenti perdurano nel tempo e pertanto dovrebbe persuaderlo a farsi aiutare in psicoterapia o, in alternativa, supportarlo con la sua disponibilità per una terapia di coppia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6571 Risposte

18390 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Viola,
sembra che qualsiasi risposta lei dia al suo compagno non vada bene, quindi il problema non sta tanto nel quale risposta dare, ma perché il suo compagno ha bisogno di fare tutte queste domande, già sapendo che qualsiasi risposta riceverà sarà, secondo lui, non corretta. Come mai lui sente il bisogno di controllare lei e il suo passato? Perché lui ha potuto "avere" per un periodo di tempo due donne contemporaneamente e lei viene accusata di non farlo sentire unico, anche se si tratta di episodi che lei ha avuto nel passato e non ora? Provi a riflettere su queste domande, parlandone anche con il suo compagno.
Cordialmente,
Dott.ssa Pamela Formaggi
Psicologa, Conduttrice di Training Autogeno
Treviso

Dott.ssa Pamela Formaggi Psicologo a Treviso

13 Risposte

26 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Viola,
da quanto scrive pare che emergano delle problematiche di base nel suo rapporto con un uomo che ama moltissimo, inerenti alla fiducia e probabilmente imputabili alla gelosia del suo compagno. Purtroppo questa emozione così caustica non riesce ad essere neutralizzata neppure con prove fattuali della sua fedeltà e amore incondizionato : si nutre di scenari ipotetici, di fantasie oscure di fronte alle quali ogni dimostrazione tangibile non è sufficiente. Molte cause diverse possono aver portato a questo empasse nel vostro rapporto. Non specifica se il suo compagno era geloso già prima di poter ufficializzare il vostro legame, quando cioè era ancora sposato. In caso affermativo, si può ipotizzare che la gelosia possa essere innescata dal timore di perderla. In caso negativo possiamo pensare -con grande approssimazione e cautela dato che non conosciamo nel dettaglio la vostra storia- che possa essere legata a eventuali sensi di colpa nei confronti dell'ex moglie e della figlia, che non riconosciuti vengono proiettati su di lei. Non è facile dare consigli, ma posso dirle che di fronte ad una gelosia irrazionale (non motivata cioè da ambiguità nel rapporto) ci sono poche strategie che lei possa mettere in atto per risolvere la situazione : anche le rassicurazioni riguardo alla sua fedeltà e integrità sono soltanto un palliativo temporaneo. Potrebbe esservi utile un consulto con uno specialista della coppia, per capire quale sia l'origine di una emozione che ha assunto proporzioni ingestibili, ed eventualmente progettare un percorso che possa ripristinare (o creare) quella fiducia che è alla base di ogni relazione sentimentale appagante ed arricchente.
Un saluto

Dott. Alberto Idone Psicologo a Torino

28 Risposte

99 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20050

domande

Risposte 77850

Risposte