Il mio passato e il mio presente

Inviata da AlwaysrememberLG · 14 ott 2020

Vorrei parlare del mio passato e dire cose che, per vergogna, non ho mai confidato a nessuno. Ho vissuto una relazione di 6 anni iniziata quando avevo 14 anni. (Ci vedevamo per tutti questi anni, soltanto una o due volte a settimana). Lui era una persona aggressiva, maleducata, ignorante e mi ha fatto vivere gli anni più brutti della mia vita, purtroppo questi erano quelli della mia adolescenza. Il primo anno stavamo bene, io stavo bene, ma dal secondo in poi tutto è cambiato. Mi vietava di uscire con chiunque e di avere amici. Quando andavo a scuola non potevo alzarmi dal banco, non potevo truccarmi, non potevo indossare accessori o stivaletti, mettere lo smalto, un profumo, dovevo tenere sempre i capelli legati (se facevo queste cose, secondo lui, era perché ero una poco di buono e volevo attirare l’attenzione dei ragazzi). Non potevo dire neanche “buongiorno” ai miei compagni maschi di classe. Mi limitava l’utilizzo dei social, potevo connettermi 15 minuti al giorno, dovevo mettere solo foto con lui e non potevo avere amicizie maschili neanche social. Se qualcuno provava a contattarmi, era lui a rispondere. La domanda da un milione di dollari è come mai io accettassi tutto questo. Non lo so. O meglio, inizialmente lo accettavo perché, se facevo diversamente da quanto lui mi diceva, delle mie compagne di classe lo chiamavano e gli dicevano tutto. Quindi io ho scoperto di questa cosa e rispettavo sempre tutto. Per evitare di litigare con lui. Ma poi...sono entrata in un loop psicologico e non sono più riuscita ad uscirne. Tutti ovviamente mi isolavano perché io non socializzavo, ero sola, sempre più sola. E il mio unico “vivere” era vedere un giorno a settimana lui. Non potevo lasciarlo perché avevo solo lui. E ormai vivevo per quel giorno a settimana in cui potevo uscire, farmi bella, truccarmi e parlare con tutti. Fortunatamente questa relazione poi è finita ed io mi sono ripresa. Non riesco a raccontare questa cosa a nessuno, perché non riesco neanche a capire come sia possibile che io abbia vissuto una cosa del genere. Ovviamente nascondevo tutto, dicevo che era una mia scelta non truccarmi, non farmi carina... tutto ciò però mi ha lasciato delle ferite. Non riesco a relazionarmi con le persone, ho sempre paura, sono intimorita. Non ho autostima, non riesco a guidare (quando lo faccio mi sento benissimo, ma il pensiero di prendere la macchina mi dà sempre molta angoscia). Quando sono a casa ho spesso l’ansia, la mia testa è sempre pesante. Ora sono fidanzata con una persona totalmente opposta. SANA direi! Ed io anche quando parlo con altri ragazzi (solo ed esclusivamente per fare amicizia) mi sento in colpa. Vorrei realmente capire se sono così per quella brutta esperienza vissuta, o sono così perché sono io ad essere nata così. Mi sento una persona senza personalità. Non so chi sono, com’è il mio carattere. Mi sento insulsa. Io ho tantissima rabbia nei suoi confronti e penso non andrà mai via e purtroppo sento e vedo nei miei atteggiamenti, che ho molta rabbia repressa. Ma sono serena perché so di esserne uscita e so che ora posso sviluppare davvero il mio carattere. Mi dispiace tanto essermi dilungata così tanto, ma avevo bisogno di sfogarmi e di parlarne. Ho spesso pensato di rivolgermi ad un professionista, le possibilità non mi mancano, ma ho vergogna. Mi vergogno di raccontare questa storia e di mostrare le mie fragilità. Ma più il tempo passa e più le mie ansie mi convincono a fare questo passo. P.s. Da qualche giorno ho iniziato ad assumere anche le compresse Laila, ho parlato al farmacista di ansia perenne. Proverò.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 14 OTT 2020

Carissima, grazie per condiviso su questa pagina la Sua storia, deve essere stato difficile, ma é stata coraggiosa. Quello che ha vissuto é tremendo, ma anche qui, devo rimandarLe che é stata forte ad uscirne. Certo, le esperienze che viviamo nella nostra vita, le relazioni che viviamo, tendono a forgiare il nostro modo d'essere, il nostro modo di agire. Ne é una prova il Suo sentimento di colpa, la Sua mancata autostima, il Suo sentirsi annullata. La relazione malsana che ha vissuto ha lasciato in Lei un malessere che, per il Suo benessere personale e relazionale, deve essere affrontato e risolto, per vivere serenamente se stessa e le Sue relazioni significative! Dice che si vergogna di far vedere la Sua fragilità, ma in realtà, non c'é niente di piú coraggioso del farlo, soprattutto perché, grazie ad un aiuto psicologico, le fragilità (che altro non sono che le esperienze infelici, che seppur hanno causato dolore, non ci hanno abbattuto, perché siamo ancora qua), come le chiama Lei, si possono trasformare in punti di forza da cui trarre le risorse necessarie per ridefinire se stessi e viversi con armonia, relazionandosi efficacemente al mondo esterno.
Restando a disposizione, Le auguro buona fortuna.
Dr.ssa Amanda D'Ambra.

Dr.ssa Amanda D'Ambra Psicologo a Torino

1615 Risposte

870 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 OTT 2020

Gentile A. la sua storia è simile a quella di molte altre donne, e uomini, vittime di dipendenza affettiva. È proprio come lo descrive lei, non sappiamo perché accettiamo tutte le indicazioni e le privazioni a cui l'altro in qualche modo ci obbliga, però è così. Fortunatamente lei ne è uscita, ma le ferite devono ancora rimarginare. Si affidi a qualcuno, si rivolga ad uno psicoterapeuta che l'aiuti a superare quei ricordi difficili, ad entrare in contatto con le emozioni che prova così che possano essere un trampolino per il suo futuro. Nessuno la giudicherà, se non il suo giudice interno che appare fin troppo severo.
Le auguro di concedersi la possibilità di superare tutto.
Un caro saluto

Dott.ssa Sara Nepi Psicologo a Prato

99 Risposte

97 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18650

psicologi

domande 29750

domande

Risposte 101200

Risposte