Il mio Lui e la sua

Inviata da Cristina · 15 apr 2017 Stress

Buonasera.
Girando per il web in preda ad una crisi di stress ho trovato questo sito e ho pensato di scrivere della mia situazione.
Premetto che sono fidanzata con il ragazzo in questione da quasi tre anni e che caratterialmente lui è molto ingenuo, ha molti amici e,soprattutto, darebbe la vita per loro. Dunque, all'inizio della nostra storia sapevo del suo bellissimo rapporto con la sua migliore amica poiché ho conosciuto prima lei e, di conseguenza, lui. Ciò che non sapevo riguardava i comportamenti equivoci e troppo spinti che avevano l'un altro. Una volta saputo di questi (ad esempio andavano in bagno insieme, dormivano nello stesso letto, ballavano strusciandosi e via dicendo) mi sono ribellata. Ho vissuto e vivo una situazione interiore molto difficile e pesante da sostenere e mi sento continuamente combattuta. Ho provato in primo luogo a parlarne con lui e a spiegargli che non ero improvvisamente diventata gelosa ma che il punto era il rispetto. Non riuscivo comunque a sentirmi tranquilla nonostante le sue rassicurazioni che vertevano sul fatto che erano amici adolescenziali e questi comportamenti erano solo una scia di quel periodo che si portavano dietro. Dunque ho provato a parlarne con lei e poi ho dovuto chiudere l'amicizia con lei che proprio non capiva, anzi, mi ha creduto pazza. Ad un certo punto, in preda al panico, ho chiesto a lui di scegliere una volta e per tutte! L'ho fatto perché a quanto diceva i comportamenti erano stati aboliti ciononostante continuavano a vedersi soli molto spesso (una o due volte a settimana), a stare nella macchina di lui con sedili abbassati e, dunque, abbracciandosi calorosamente, a chiamarmi amore e dirsi ti amo. Lui ha scelto me d'impatto ma poi mi ha detto che questa scelta sarebbe durata ben poco perché il problema non era chi fosse più importante tra me e lei ma il fatto che rinunciando a lei, gli avrei fatto inimicare a una parte di se stesso. Gli avrei fatto rinunciare ad essere quello che è; in sintesi: non lo stavo amando così come è.
Ora il problema è che io ho si scelto di accettare tutto questo per amor suo e per non perderlo per una sciocchezza del genere ma al contempo non mi sento bene. Sono poco tranquilla e continuano a vedersi soli, anche se meno frequentemente, quando già si vedono e possono vedersi con altri amici poiché siamo tutti nello stesso gruppo.
Non so proprio cosa fare, di fatto so che non sto bene.
Vi ringrazio in anticipo per eventuali consigli,

Cristina

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 17 APR 2017

Gentile Cristina,
il fatto che questa situazione di amicizia particolare tra questo ragazzo e l'amica ti faccia stare male e nonostante ciò lui non abbia modificato le sue abitudini è già, a mio avviso, un indicatore sufficiente per chiederti se vale la pena di continuare questa relazione.
L'amicizia genuina tra maschio e femmina è possibile ma richiede di non superare certi limiti che nel caso descritto già sono stati superati.
Se questo ragazzo si giustifica dicendo che non sei disposta ad amarlo così com'è, penso che ne hai ben ragione e dovresti superare qualche dubbio residuo che ti è rimasto.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7297 Risposte

20612 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 APR 2017

Gentile Cristina,
Dalle sue parole arriva molto forte la sua difficoltà nell'accettare questo rapporto che,da come parla,reputa equivoco. Non deve essere stato facile parlarne con lui,ma deduco che inevitabilmente incide negativamente sul vostro rapporto.Sarebbe stato utile avere ulteriori elementi sulla vostra relazione,sul vissuto della vostra coppia.Da come dice spingerlo a scegliere non ha portato comunque ad una risoluzione,anzi probabilmente potrebbe allontanarvi.Quando si vive in coppia può capitare di dover modificare dei rapporti per "il bene" del partner,ma la cosa che la invito a chiedersi è cosa rappresenta per lei "l'altro"? La terza persona..e quanto potrà accettare questa presenza nel vostro rapporto.Cordiali saluti
Dott.ssa Laura Camastra

Dott.ssa Laura Camastra Psicologo a Castellana Grotte

16 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Stress

Vedere più psicologi specializzati in Stress

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17900

psicologi

domande 27350

domande

Risposte 94400

Risposte