Il mio fidanzato ha il trauma di essere lasciato

Inviata da Serenella · 6 ott 2014 Terapia di coppia

Buongiorno,
Sono una ragazza di 26 anni ed ero fidanzata con un uomo più grande di me di quasi 20 anni.
Abbiamo superato alcune difficoltà dovute, più che altro, a differenze di carattere, ma negli ultimi mesi tutto andava bene.
Negli ultimi tempi si è presentata la paura, da parte di lui, di essere lasciato. Questo è dovuto soprattutto all'esperienza passata che ha avuto: è stato fidanzato e sposato per molti anni, finchè il matrimonio non si è concluso con un tradimento da parte di lei.
Questo ha avuto un impatto molto forte su di lui. Ha paura e si è convinto che prima o poi il suo carattere, poco espansivo e affettuoso, non mi andrà più bene e che quindi deciderò di lasciarlo.
Dopo una breve pausa estiva abbiamo provato ad affrontare la situazione insieme e ad allontanare queste paure. Ma nonostante tra noi non ci siano problemi questa paura non va via e non se la sente di andare avanti.
Siamo molto innamorati, ci capiamo al volo, siamo uniti, sembreremmo quasi una coppia perfetta se non fosse per questo blocco che ha. Le cose positive e belle che vede di noi sembrano non essere abbastanza da cancellare le paure.
Come può superare e metabolizzare dopo così tanti anni quello che gli è successo? Potrebbe servirgli fare un lavoro su se stesso con uno psicologo (è un po' restio a questa idea)? Nel caso come convincerlo? E, può essergli di aiuto avermi accanto o è meglio che faccia questo percorso da solo?

ringrazio e la saluto

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 9 OTT 2014

Cara Serenella
purtroppo esperienze sentimentali a carattere traumatico possono lasciare di questi segni e strascichi vari di insicurezza.
Penso che nel vostro caso ad aggravare un poco la situazione sia la differenza di età che, se pure lui non lo ammetta, può essere un'altra fonte di disagio emotivo.
Il fatto di essere una coppia affiatata di certo dovrebbe tranquillizzare il suo lui ma questo problema di paura di abbandono, tradimento o quanto altro può essere e diventare un "fantasma persistente" se non adeguatamente curato ed elaborato.
A mio parere potrebbe essere certo utile che lui faccia una Psicoterapia individuale per rielaborare tutti i fatti precedenti e poi, successivamente, anche qualche incontro di coppia può essere utile.
Cordiali saluti
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna .

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7043 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 OTT 2014

Credo che non state bene nell vivere all'ombra di questi fantasmi ed angoscie. Lei dice che il suo compagno non è propenso ad intraprendere un percorso di rielaborazione personale e chiede cosa può fare x rassicurarlo. Consiglio alcune sedute di coppia x sviscerare meglio la situazione e valutare insieme come proseguire x una vs serenità. Mi permetto di dire che la differenza di età è un elemento da non sottovalutare perché siete in fasi divese del vs ciclo vitale e ciò necessita, forse, flessibilità, ascolto, dialogo. Buone cose Dottssa Rosanna Tartarelli

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 OTT 2014

Buongiorno gentile Serenella,
può provare a suggerire al suo compagno di intraprendere una psicoterapia ad impostazione psicodinamica con uno/a Psicologo/a Psicoteraputa della sua città per analizzare e poi elaborare le sue paure. Gli può parlare del suo desiderio di dare vigore alla vostra relazione e che è una cosa rara tutt'oggi trovare una compagna che come lei lo ama e lo rispetta. Può anche proporre di iniziare insieme un percorso psicologico di coppia cosi che si renda conto di quanto lei tiene a lui.
Cordialmente

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2831 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 OTT 2014

Buongiorno Serenella,
sarebbe molto importante per il tuo compagno affrontare un percorso terapeutico su se stesso per capire e superare le cause di queste sue paure. Tu non puoi obbligarlo, deve essere lui stesso che sente la necessità di questo lavoro, perchè spesso da soli è difficile superare le difficoltà. Il terapeuta potrebbe poi decidere di incontrarti, ma in un secondo momento, inizialmente è necessario che il tuo compagno lavori da solo su se stesso.
Saluti,
Dott.ssa Cristina Pavia
Bologna

Dott.ssa Cristina Pavia Psicologo a Bologna

22 Risposte

31 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 OTT 2014

Cara Serenella,
è proprio il caso che il tuo compagno intraprenda un percorso psicoterapico e se, come tu dici, il vostro rapporto in generale va bene, potresti motivarlo dicendoli tu per prima hai bisogno di chiarire la situazione andando insieme da un/a psicoterapeuta della coppia.Non vedo alternative, se non il protrarsi in lui di uno stato psicologico anomalo, la cui azione potrà veramente svuotare di senso la relazione stessa. Come dire, sta prendendo sempre più spazio, nel suo mondo interiore il tarlo della 'profezia auto -avverantesi'. Resto a tua disposizione per eventuali ulteriori comunicazioni.
Dottssa Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

648 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 OTT 2014

Cara Serenella,
la paura di essere abbandonat la abbiamo un po' tutti solo che per tutti è diversa sia nella forma che nell'intensità dei sentimenti che la pervadono.
Se il tuo problema è mandarcelo o andarci con lui dallo psicologo, forse anche tu hai molta paura di separarti da lui.
A questo punto perchè non andare in terapia di coppia per approfondire le preoccupazioni di entrambi?!

Cordialmente,

Dr. Adriano Raffaele Principe
Psicologo
Psicoanalitica Breve - Neuropsicologia - Psicodiagnostica
Infanzia e Adolescenza, Adulti e Anziani

Dott. Adriano Raffaele Principe - Psicologo Benevento Adolescenti Psicologo a Benevento

25 Risposte

20 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 OTT 2014

buongiorno Serenella, capisco il suo disorientamento e credo che non sia affatto una cattiva idea quella di consigliare al suo compagno di iniziare un percorso psicoterapeutico; direi che potrebbe iniziare un percorso individuale per affrontare questa paura che "lo blocca", ma si renda disponibile per un percorso di coppia successivo, nel caso in cui ci fossero i presupposti per iniziarlo; spero riusciate a superare questo ostacolo per poter vivere appieno la vostra relazione.

Dott.ssa Alessia Picco Psicologo a Giaveno

54 Risposte

125 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24800

domande

Risposte 88350

Risposte