Il mio fidanzato è un bravo ragazzo ma...

Inviata da erika · 26 giu 2017 Terapia di coppia

Sono una ragazza di 21 anni. Lui un ragazzo di 24. Ci siamo conosciuti all'inizio dell'anno, io ho tenuto le distanze per alcuni mesi fino a quando, ad aprile, lui ha osato un po' di più. Ora stiamo insieme. Forse è successo troppo in fretta, lui mi ha preso per mano già in corsa mentre io a malapena camminavo (arrivo da un percorso di psicoterapia per depressione e disordini alimentari). Ora sto bene, di un bene che non so spiegare, sono felice e soddisfatta, anche grazie a lui. Tuttavia non sono mai stata convinta dei miei sentimenti e per ogni pregio che scopro c'è sempre, comunque, un lato negativo che gli si contrappone e oltre il quale non riesco ad andare. Perché ho accettato il fidanzamento? Tutto ciò che mi trasmette è talmente emozionante che, dopo un mio primo rifiuto chiaro e diretto, dietro suo incoraggiamento ho provato a dare una possibilità alla relazione. Mi sono lasciata trasportare, ma non credo mi piaccia davvero. E' l'unico ragazzo con cui riesco a parlare e con lui il tempo vola leggero e sereno; è spontaneo, sensibile, attento, amorevole e comprensivo in un modo straordinario. Adoro scoprire il mondo insieme a lui.
Il problema è che fisicamente non mi attrae; anzi, la maggior parte delle volte il contatto fisico con lui mi infastidisce. Non è propriamente un bel ragazzo, a livello estetico credo di riuscire a salvare solo gli occhi. Si distingue dagli altri ragazzi della nostra età perché non gli piacciono le cose comuni come il trascorrere la serata in un locale o in discoteca, ascolta musica molto diversa (anni '70, '80 e generi particolari), è rigidissimo con sé stesso e con gli altri. Tende a preferire luoghi e attività che siano isolate dalla gente, noto che è molto a disagio in pubblico, persino con gli amici. Mi ha spiegato che i suoi genitori non gli hanno offerto molte occasioni per socializzare, quindi fa molta fatica (ovviamente appresso il suo sforzo, evito di obbligarlo... piuttosto propongo e incoraggio). Dopo l'infinita tristezza io ho ritrovato le energie e il desiderio di aprirmi al mondo e soprattutto al contatto con le persone. Sorrido, saluto, cerco il dialogo. Lui è impacciato e tende ad isolare, in compagnia di amici è spesso fuori luogo e quindi preso in giro. Mi vergogno di presentarlo ai miei familiari e ai miei amici, sento che potrebbero pensare: "Ma dove l'hai trovato questo, che cosa c'entra con te?". In fondo sono io che penso queste cose... come anche: "Invece di tirarti fuori, rischia di chiuderti", "Che ci stai a fare se non condivide la vitalità che hai appena ritrovato?". Altra questione: è la sua prima esperienza in fatto di relazioni amorose e ora galoppa, è al settimo cielo e vuole, comprensibilmente, vivere tutta l'intensità che sente. In molte occasioni non sa come comportarsi e certe volte mi sembra di dovergli insegnare le cose come a un bimbo (come ci si lava i capelli e i denti, quale abbigliamento è adatto a quale occasione...). Abitiamo vicini, quindi insiste per vederci tutti i giorni più volte al giorno. Grazie al lavoro di psicoterapia ho raggiunto un equilibrio nel gestire il mio tempo e i miei spazi, ai quali tengo molto. Lui capisce e rispetta, è straordinario in questo, ma mi manca comunque l'aria. Mi infastidisce anche che mi metta pressione per avere rapporti sessuali ogni giorno, mi ritrovo ad inventare scuse per ridurre il tempo dei nostri incontri o la frequenza e poche volte mi è capitato di sentire la sua mancanza.
Dove sbaglio? Forse sono io a non meritare lui, troppo concentrata su me stessa e non disposta a vede l'altro, inclusi i suoi difetti? (Eppure mi sembra di essere già abbastanza tollerante). Forse il fatto che veda così tanti difetti è già indicatore di qualcosa?
E' un mese che ci lavoro su, a volte (come ora) pesa tutto insieme, a volte solo alcune, in altri momenti mi sembra tutto perfetto (rari, ahimè). Ho cercato di mettere le cose più rilevanti qui, sperando in qualche Vostro consiglio, in qualche spunto di riflessione, in qualche dritta.
Grazie.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 27 GIU 2017

Cara Erika,
lei si chiede se c'è qualcosa che non va nel suo modo di esserre, ma sinceramente, a me sembra che lei, piuttosto, non sia innamorata di questo ragazzo e la poca (anzi nulla) attrazione fisica che prova nei suoi confronti è già un campanello d'allarme. Forse questo ragazzo è più un amico per lei e credo che per evitare ulteriori fraintendimenti dovrebbe al più presto parlargliene, perchè più tempo passa, più sarà difficile spiegare il perchè dei suoi comportamenti.
Cari saluti
Dott.ssa Carla Francesca Carcione

Dott.ssa Carla Francesca Carcione Psicologo a Capo d'Orlando

263 Risposte

424 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 GIU 2017

Buongiorno Erika
quello che lei porta, considerando i suoi trascorsi, sono vissuti comprensibili e dal quale traspare il suo sforzo e l'audacia di voler provare a stare in una relazione significativa al di là di tutto: dei difetti che vede in lui, della difficoltà a godersi pienamente i suoi (di lui) lati positivi senza doverci appiccicare anche quelli "negativi" per non sentire (forse) la naturale dipendenza verso qualcuno che si ritiene importante nella propria vita.
da quello che scrive ho il sospetto che lei sia abituata d essere una persona molto indipendente e, come spesso accade in quest casi, si hanno dei tempi "particolari" che se non vengono rispettati non permettono di capire cosa si vuole, come , da quando e per quanto. mi ha infatti colpito quel "troppo in fretta" della sua lettera.
credo che per lei sia importante potersi concedere quel tempo e quello spazio per sé per sentirsi e comprendere rispetto a ciò che è "nutriente" per lei senza pensare di dovere fare da "balia" (le relazioni adulte sono simmetriche, paritarie e reciproche anche se flessibili nei ruoli) e di dover per forza rispettare dei giudizi o aspettative che vengono da fuori. forse, nel suo caso, deve sentirsi in diritto di poter dire "no" prima di poter dire "si" in libertà e questo lo può fare se si concede di partire da sé.
non senti di poter scendere in altri dettagli rispetto a ciò che porta ma spero di esserle stato d'aiuto in qualche modo.

un caro saluto

Dott. Roberto Pugliese

Dott. Roberto Pugliese Psicologo a Roma

69 Risposte

142 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30100 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18850

psicologi

domande 30100

domande

Risposte 102800

Risposte