Il mio compagno non fà più sesso con me

Inviata da Angela · 29 apr 2013 Problemi sessuali

Da 6 anni stò insieme a questo ragazzo, io 28 anni lui 30, da 4 anni conviviamo e ci amiamo moltissimo. Da un paio d'anni purtroppo siamo passati dalla passione bruciante alla semi aridità tra le lenzuola....1-2 volte al mese se và bene! Io vorrei di più, anche ogni giorno, ma lui mi evita. Penso che non abbia un'altra e questi suoi rifiuti sessuali mi fanno sentire davvero frustrata e fallita, come se non fossi più una donna. Parlare della cosa non ha portato a nulla, ho provato a sorvolare e dare tempo al tempo ma nada de nada. In questi ultimi due mesi ho sentito il problema molto di più, poiché ho avuto una operazioncina per cui ho dovuto, con mia grande fatica, astenermi dal sesso per 40 giorni....e passati i fatidici 40 giorni nonostante le mie costanti avances sessuali al mio uomo ancora non l'abbiamo fatto. Ho pensato di rivolgermi ad un sessuologo, ma sono una giovane ragazza con un lavoro precario e a stento arrivo a fine mese. Non so a chi rivolgermi. Ogni consiglio è ben gradito.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 30 SET 2013

Cara Angela, pone un problema molto comune...nulla come la sessaulità è più altalenante ed instabile nella coppia. Ma per pensare che lui abbia un'altra bisogna valutare altri aspetti della relazione. Manca di attenzioni? Lo vede distratto, egoista, meno presente? La rifiuta anche a livello affettivo? (coccole, baci, abbracci ect), è più scontroso del solito? Cosa oltre questo la insospettisce? Lo chiedo perchè, prima cosa scrive "ci amiamo moltissimo", ma poi si contraddice Molto spesso si associa Uomo-tanto sesso= tutto bene, Uomo-poco sesso= tutto finito, ha un'altra. E' una considerazione alle volte veritiera, ma non sempre. Un uomo molto attivo sessualmente può, al contrario, soddisfare senza problemi la sua compgna e allo stesso tempo trovarsi evasioni e stimoli esterni. Sono molti altri fattori che possono influire sul calo del desiderio o sul diradarsi dei rapporti sessuali. In primo luogo, la semplice abitudine, la sicurezza di poterlo fare quando si vuole, il trovare appagamento anche al di fuori della sfera sessuale. Anche avere esigenze diverse, non è una questione da sottovalutare. All'inizio di una relazione, lo stimolo verso la novità, la scoperta del nuovo e alle volte, anche un periodo precedente di "astinenza", possono "nascondere" una natura non eccessivamente passionale destinata a manifestarsi solo dopo alcuni anni o mesi dall'inizio del rapporto. Il dialogo sincero e rilassato è l'unico modo per arrivare alle comprensione di ciò che sta accadendo tra di voi, quindi, più che continuare a trasmettere desiderio sessuale diretto in ogni gesto, sarebbe meglio dire al suo compagno che al momento anche lei ha un calo del desiderio e che vuole semplicemente parlare con calma e serenità, senza barriere e senza giudizi. Per un uomo è molto facile snetirsi inadeguato e chiudersi riguardo all'argomento "sesso", per cui bisogna cercare il giusto approccio (non recriminativo o accusatorio) e il giusto momento (essere calmi, e avere tempo a disposizione). Lo prenda per mano e sia dolce. MOstri le sue ansie ma con dolcezza, si faccia vedere pure fragile, se così si sente, ma non perda la pazienza e non si arrabbi. Faccia delle domande a lui su cosa lui vuole dalla vostra relazione (non solo riguardo la sfera sessuale), su cosa lo fa sentire bene e appagato, su come vorebbe impostare il vostro rapporto futuro, sui progetti che ha (avrete dei progetti dopo 4 anni di convivenza) e arrivi poi alla sfera sessuale molto dolcemente, indaghi sulle sue fantasie, gli chieda cosa di lei lo infastidisce, si prenda anche un po' giro da sola, gli chieda cosa ha pensato davanti alle sue richieste insistenti, si metta anche lei in discussione, gli faccia da complice e gli chieda soprattutto, cosa vuole lui, mettendo da parte per un attimo cosa vuole lei. Non si arrabbi, se lui confessa di desiderarla meno a causa dell'abitudine, accetti la sua sincerità e cercate di vedere questo momento come stimolante per l'evoluzione del vostro rapporto. Sappia che prima o poi avviene sempre, per un motivo o per l'altro, un momento di stasi sessuale (di solito conivolge più la donna, ma anche gli uomini stanno aumentando) e se tra di voi c'è amore saprete crescere insieme, anche considerando l'idea che, forse, per lui il sesso non è il cardine della vostra relazione. Ascolti i suoi dubbi e i suoi timori. Se alla fine davvero non ci fosse un'altra donna, nè altri problemi, dovrà scegliere se condividere la vita con un uomo che la ama in questo modo, accettandolo per come sa e riesce ad amare o trovarne un altro che la soddisfi maggiormente sotto questo punto di vista. Lavori anche sulle sue insicurezze, e non metta al centro della sua autostima le conferme sessuali del suo compagno, che sia questo o, in futuro, un altro. In bocca al lupo

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 LUG 2015

cerco aiuto o paura che il mio partner fa sesso con altri uomini o visto che si era i scritto a un sito di incontri di uomini e li mandavano le mail .Quando facevamo la more lui li piaceva molto fare sesso anale e adesso come se ave se paura qualche volta ci a provato ma non ce riuscito a dare a vanti o molti dubbi mi aiuta a capire qualcosa .grazie

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 GEN 2015

io ho lo stesso problema con mia moglie :-(

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 GIU 2013

Ringrazio tutti per le risposte

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 APR 2013

Gentile signora ,
Il problema che lei solleva è molto comune nelle relazioni di coppia , spesso il partner sente la relazione quotidiana come rassicurante e meno attraente , si genera così una situazione di tensione che può mettere in discussione la propria autostima; i tentativi di rianimare la relazione diventano inutili e frustranti soprattutto se la richiesta sessuale è implicita in ogni gesto intimo . L'insistenza provoca una reazione di ritiro nel partner e a lei rimane l'insostenibile sensazione di non avere più risorse o il dubbio che lui abbia un amante .
L'unica soluzione è sollevare la questione e gestirla all'interno del dialogo , mostrare i propri dubbi e le proprie fragilità per cercare di capire cosa ha bloccato la vostra sessualità ; molto spesso si tratta di pensieri relativi all'evoluzione del rapporto , alla maternità e alla paternità.
Provi a introdurre l'argomento e veda se si sviluppa un dialogo con il suo partner.

Dott. Giacomo Sella Psicologo a Roma

59 Risposte

72 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 APR 2013

Buongiorno Angela,
considerando che la problematica investe da tempo la coppia e ne sta influenzando anche il benessere, dopo un ulteriore chiaro e sereno confronto col suo compagno sarebbe utile rivolgersi ad un collega, anche nell'ambito pubblico, che possa aiutarvi a mettere a fuoco cosa sta succedendo. Vi aiuterebbe anche nell'individuare che tipo di percorso intraprendere: individuale o di coppia.
Cordiali saluti
Dott.ssa Barbara Testa

Barbara Testa Psicologo a Cernobbio

104 Risposte

85 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 APR 2013

Gentile signora Angela,
il problema della astinenza sessuale forzata dovuta al partner (assenza di desiderio, verso tutte le donne o solo verso di lei?) è oggi una problematica molto diffusa tra le coppie, anche giovani. Tanti sono i motivi che deprimono il desiderio condizionando la sessualità della coppia. Uno, per altro molto comune, è "un'altra partner". Tuttavia prima di prendere una decisione di qualsivoglia tipo è sempre opportuno parlarne molto apertamente assieme proponendo anche l'eventualità di cure presso il sessuologo clinico. A volte (per oersonale esperienza professionale) proprio all'interno dell'ambulatorio sessuologico il partner (prima di impegnarsi in una valutazione prerequisita al trattamento) confessa di avere l'amante.
dr paolo zucconi, sessuologo clinico e psicoterapeuta Comportamentale a udine

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1590 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 APR 2013

Cara Angela,
il problema che descrivi è di pertinenza soprattuto del tuo ragazzo, per cui è lui che dovrebbe consultare un sessuologo. Puoi parlargli apertamente e proporgli questo tipo di consulenza.
Un saluto
dott.ssa Cristina Mencacci

Dott.ssa Cristina Mencacci - Psicologa Psicologo a Perugia

366 Risposte

191 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 APR 2013

Buonasera,
ha pensato che forse il suo compagno potrebbe avere problemi fisici o legati al desiderio anzichè sentirsi frustrata. Spinga il suo compagno affinchè esegua un controllo dall'andrologo.

Psicologia E Benessere Psicologo a Roma

311 Risposte

227 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 APR 2013

Cara Angela,
forse l'idea di rivolgersi a un sessuologo o a un terapeuta di coppia non sarebbe male. Esistono anche i consultori famigliari dove si paga solo il ticket. Tra l'altro maggio è il mese dell'informazione psicologica (MIP6)...

Cordialmente,

Dr. Antonio Cisternino

Anonimo-128762 Psicologo a Torino

481 Risposte

780 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 APR 2013

Cara Angela,
Se lei ha già più volte provato con il suo compagno, sia parlando, sia prendendo l'iniziativa, sarebbe davvero il caso che si rivolgesse a uno psicologo o sessuologo, anche solo per una consulenza. Magari avvertendo il suo compagno che ha intenzione di farlo e che lei non è' soddisfatta del vostro ménage. Veda la sua reazione e si comporti di conseguenza. Un cordiale saluto.
Dott.ssa E.Scolamacchia

Dott.ssa Elisabetta Scolamacchia Psicologo a Marina di Cerveteri

24 Risposte

23 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 APR 2013

Buongiorno gentile Angela,
la prima cosa che può senz'altro fare è affrontare il problema parlandone con il suo compagno, con calma, le aprà il suo cuore, intensifichi la comunicazione con lui superando il conflitto in termini di curiosità dei motivi che portano lui a fare di meno l'amore con lei. Se sente che da sola non riesce a comunicare efficacemente con lui, si può rivolgere ad un consultorio pubblico e richiedere una serie di colloqui con la psicologa con cui esprimere il suo disagio e imparare strategie comunicative efficaci per parlare di questo argomento con l suo compagno.
Cordialmente

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2848 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 APR 2013

Cara Angela, "l'indifferenza sessuale" spesso sottende problematiche di altro genere, come potrebbe esserlo un difficile rapporto col proprio corpo, un disistima nei propri confronti, un sentirsi non all'altezza, un sentirsi sempre in dovere di prestazione (rispetto ai vari aspetti della vita e non solo a quello sessuale che potrebbe semplicemente esserne il riflesso).
Come percepisci il tuo fidanzato? Lo vedi aperto, soddisfatto, combattivo o cos'altro? Ti consiglio di provare a rispettare un pò più i suoi tempi diradati, vedendo poi se, magari, sentendosi non più pressato riesce nuovamente a percepire i suoi slanci. nel frattempo può anche valutare gli altri aspetti della vostra relazione (lo sente presente, innamorato, affezionato, distante ecc.)
Infine, se la situazione diventasse ingestibile e troppo dolorosa per lei, le consiglierei almeno qualche seduta da uno psicoterapeuta; non è detto che debba essere un percorso lungo ed attualmente molti professionisti consapevoli della precarietà di questi tempi, vengono incontro all'utenza.
Resto a disposizione per eventuali chiarimenti. Saluti. Dott.ssa S. Orlandini

Dott.ssa Sabina Orlandini Psicologo a Torino

336 Risposte

206 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Problemi sessuali

Vedere più psicologi specializzati in Problemi sessuali

Altre domande su Problemi sessuali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18300

psicologi

domande 28900

domande

Risposte 98850

Risposte