Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Il comportamento di mio fratello

Inviata da La il 28 lug 2018 Terapia familiare

Vi scrivo per ricevere un consiglio su come muovermi e come comunicare con la mia famiglia.

Ho 28 anni e un fratello di 23. Vivo lontana da casa da ormai quasi 10 anni, in quanto ho trovato lavoro nella città in cui ho studiato. Mio fratello invece frequenta l'università (siamo al secondo tentativo, causa cambio facoltà dello scorso anno), anche lui lontano da casa, tornando però spesso a casa, dove vive nostro padre.
Abbiamo perso nostra madre nel 2013, dopo alti e bassi legati ad un tumore (prima comparsa quando eravamo bambini, io 7 e mio fratello 2 anni). Nonostante la situazione, abbiamo avuto una infanzia serena, in cui non ci è mancato nulla in quanto i nostri genitori hanno schermato molti problemi (non facendoci percepire la gravità di alcuni eventi a dirla tutta).

Al momento stiamo vivendo una situazione complicata con mio fratello. Sembra odiare me, mio padre e mia nonna e non dialoga con nessuno di noi. Il suo modo di comunicare con noi è urlare, si arrabbia facilmente e "sbraita". Fin da bambino ha avuto la tendenza a mentire e negare spudoratamente l'evidenza davanti a suoi gesti sbagliati e continua a farlo anche da adulto, senza mostrare un minimo di rimorso. Vive al di sopra delle sue capacità (errore di mio padre che concede, facendo poi grandi sacrifici), ha un classico lavoretto da studente e frequenta gente più grande di lui, che lavora a tempo pieno e quindi ha possibilità differenti. È arrogante e spaccone, è convinto che il mondo sia ai suoi piedi e che tutti siano suoi amici. Non credo faccia uso di sostanze, ma che gli piaccia la bella vita.
La goccia finale che ha fatto traboccare il vaso è stato un furto. Ha venduto degli oggetti d'oro il giorno prima della partenza delle vacanze ed è stato scoperto perché mio padre ha trovato la ricevuta in giro. Si è giustificato dicendo che gli servivano più soldi.
Ha già rubato in passato, ha fatto sparire dei soldi, miei e di nostro padre, e ci ha presi in giro in diversi modi.
Mio padre gli ha detto di raccogliere le sue cose al ritorno dalle vacanze e di non farsi più vedere perché dovrebbe solo vergognarsi per quello che ha fatto. Non ha intenzione di cambiare posizione e posso capire l'esasperazione. Dall'altro lato, mio fratello è intenzionato a dar filo da torcere, lasciando l'università per trovare un lavoro e andarsene da casa.
Mio padre ha avuto una vita molto dura e la perdita di mia madre è stato solo uno dei tanti colpi. Non ha più voglia di correre dietro a mio fratello perché è stato deluso e ferito tantissime volte da lui. La frase tipica è: "Tuo fratello ti viene a parlare con il cuore in mano ma poi ti accoltella alla prima occasione utile e lo rifarà ogni volta". Lo ritiene un caso perso... ma si può davvero ritenere qualcuno un caso perso?

Io vorrei che entrambi facessero un percorso ed entrambi mi hanno risposto di no. Mio fratello va fermato, bisogn capire qual è il malessere intimo che lo porta a comportarsi come fa e bisogn sforzarsi di avere pazienza e aiutarlo, nonostante il rischio delle coltellate di ritorno.
Non so come approcciare questa situazione, che mi sta dando estrema ansia; sono già alle prese con le complicanze di un piccolo intervento che doveva essere banale, ma non lo è stato, e conun forte stress lavorativo. Mi sento per cui abbastanza sovraccarica.
Mio padre mi ricorda che non è una mia responsabilità. Lo reputa un suo fallimento come genitore, pensiero forte che non condivido. Ma la mia domanda è: se lui non agisce con misure più forti, non dovrei farlo io?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buongiorno,
quello che racconta può essere molto difficile da comprendere e gestire.
Sicuramente ricevere una consulenza specialistica potrebbe aiutare suo fratello a gestire nel capire le ragioni del suo comportamento.
Dall'altra parte se lei ritiene di star vivendo un periodo di stress eccessivo e si sente sovraccarica, potrebbe pensare di richiedere una consulenza psicologica, online o ad uno psicologo della sua zona, per ricevere il supporto necessario in questo momento di difficoltà.
Cordialmente,

Dr. Gianmaria Lunetta,

Psicologo Clinico a Torino

Dr. Gianmaria Lunetta Psicologo a Torino

249 Risposte

397 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20050

domande

Risposte 77850

Risposte