Il bambino piange quando gioca a calcio come posso aiutarlo ?

Inviata da Massimo il 25 feb 2019

Buongiorno mi chiamo Massimo e sono papà di un bambino del 2010 di 8 anni.
Mio figlio gioca a pallone in una società di calcio da quando ha 4/5 anni , è un bambino con buone capacità calcistiche, molto sensibile, rispettoso e corretto e adora la sua squadra e il gioco del calcio .
Da 2 anni a questa parte , cioè da quando sono iniziate le attività di tornei e partite , durante le partite si fa prendere dall'ansia e basta un piccolo contrasto e si mette a piangere chiedendo di uscire e andare in panchina.
lo ha fatto anche nel campus-estivo dove ha trascorso due settimane di scuola calcio dicendo che non voleva giocare con i bambini del 2009 perché più grandi di lui.
Pensavamo che con il tempo prendesse sicurezza e gli passasse questo problema , invece la situazione non è cambiata , nell’osservare ho notato che quando si trova difronte un avversario più alto o squadre dove all’interno ci sono bambini del 2009 gli episodi di pianto compaiono e anche il suo gioco diventa più nervoso e teso.
A questo punto ne ho parlato con il bambino per cercare di capire cosa provasse e perché piangeva in campo , ma non sono riuscito a far esprimere una reale giustificazione al bambino, a quel punto gli ho illustrato la mia versione di cui sopra e anche Lui ha confermato che i più grandi ( essendo più grandi ) a suo avviso sono più bravi e lui e li teme.
In accordo con il bambino ho deciso di farlo provare ad allenarsi e giocare con i 2009 ( bambini di un anno in più di lui ) questo per dimostragli che anche se hanno un anno in più sono bambini come lui e non deve sentirsi inferiore solo per l’età, per adesso l’ho messo in una squadra della stessa società dove una parte di bambini li conosceva già , vorrei fargli provare delle esperienze anche in altre società calcistiche con altri bambini sempre del 2009 , proprio per fargli rendere conto che sono tutti bambini , naturalmente il suo fine è quello di tornare nella sua squadra dei 2010 dove ha i suoi amici storici, ma gli ho spiegato che alla squadra serve Marco che gioca e non che piange e lui sembra lo ha capito e compreso benissimo .
Gradirei sapere se il mio comportamento , anche se condiviso con lui , è esagerato o se posso fare qualcosa altro per aiutare il bambino a controllare le sue sensazioni e giocare liberamente, divertendosi come è giusto che sia per un bambino di 8 anni .
grazie Saluti Massimo

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Massimo, mi sembra che la Collega che ha risposto prima di me abbia centrato il problema meglio di quanto sarei riuscito a fare. Eviti ogni forma di agonismo! Non ha senso impegnare un bambino così piccolo in un agonismo stressante: a cosa serve? Ha la fortuna di avere un figlio vivace e intelligente; non lo stressi più del necessario, ci penserà la Vita anche troppo, a suo tempo!!
Un cordiale saluto
dr. Leopoldo tacchini

Dott. Leopoldo Tacchini Psicologo a Firenze

725 Risposte

304 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Massimo,
credo che, nell'ultima parte della sua lettera, lei abbia centrato il problema: probabilmente il bisogno di suo figlio è quello di giocare liberamente e divertirsi e non quello di competere con ragazzini più grandi e di partecipare a gare e tornei.
Il bambino ha solo 8 anni e, se ho capito bene, già da 2 partecipa a questa attività più agonistica che ludica: in pratica da quando aveva 6 anni. Credo che abbia avuto troppo poco tempo per godersi il gioco del calcio in maniera libera, senza le pressioni, più o meno esplicite, degli adulti attorno a lui.
Il fatto che comprenda le spiegazioni che gli vengono date non significa che le senta come sue e, forse per non deluderla, si sforza di condividere i suoi obiettivi, ma poi non riesce a portarli a termine.
A mio avviso, il bambino non ha bisogno di "controllare le sue sensazioni" perché sono autentiche ed esprimono un suo disagio a proseguire così, cioè a giocare in un modo che è proprio in antitesi con la libertà e il divertimento.
Visto che lei ha un buon dialogo con suo figlio, le consiglierei di proporgli un cambiamento nella sua attività sportiva (magari una squadra diversa, una società più "tranquilla" o un altro tipo di sport) e vedere cosa ne dice. Molti auguri.

Dott.ssa Roberta Altieri Psicologo a Milano

109 Risposte

70 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15250

psicologi

domande 19650

domande

Risposte 77150

Risposte