Identità femminile in maschio

Inviata da Federico il 14 set 2017 Sessualità

Buon pomeriggio.
Vi scrivo descrivendomi la mia situazione che fatico a comprendere.
Ho 33 anni e da 33 anni vivo come uomo. Non sono fidanzato ma vivo un rapporto nato da poco con una ragazza con la quale ho rapporti.
Sono sempre andato verso le donne. Non uso il termine attratto perché a questo punto la confusione è così tanta che mette in discussione anche i termini che utilizzo. Dopo un periodo con alcuni attecchì di panico e ansia è come se avessi la sensazione di percepirli come donna. Faccio fatica a spiegarlo. È una sensazione che è come se fosse lì da sempre, senza essere stata ascoltata.Oggi quando vedo passare una bella ragazza o che mi attiri vengo appunto attirato dai comuni elementi che solitamente attirano l'uomo.. senza volerlo le guardo e tra me e me commento.
Poi però c'è questa cosa "della donna" che sento dentro.
Spesso faccio fatica (forse una mia fisssa?) a capire che quello allo specchio sono io, nelle foto, ..ecc
Oltre a rapporto sessuale con questa persona cerco maggiormente coccole e carezze, durante le quali viene proprio fuori questa sensazione.
Sono davvero in difficolta.
È come se non accettassi la vita così com'è, non riuscissi a vivere la mia identità con naturalezza e normalità.
Che fare? Consigli?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buongiorno Federico,
quella che ci presenta è una situazione un po confusa, lei stesso non riesce a descriverla, mostrando come lei stesso sia confuso su questo aspetto. Ogni persona racchiude dentro di sè un aspetto della personalità legato al sesso opposto, chi in maniera più netta chi meno. Nel suo caso è confusa un po anche questa visione, non riuscendo lei stesso a spiegare, e probabilmente a comprendere se si vive come donna o uomo, indipendentemente dalla fisiologia del corpo.
Per compendersi meglio le consiglio di pensare a un percorso di psicoterepia, più lungo rispetto a un intervento psicologico, in quanto le permetterebbe di fare un lavoro più profondo e adeguato. Le consiglio inoltre un orientamento psicodinamico.
Cordiali saluti
Dott.ssa Ambra Caselli (Brescia)

Dott.ssa Ambra Caselli Psicologo a Castegnato

119 Risposte

126 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Federico,
comprendo la sensazione confusa ed incerta che sta vivendo. La sua attrazione per il sesso opposto mi sembra ben definita, sebbene a suo modo di sentire si manifesti con tratti ed atteggiamenti femminili.
Mi permetto alcune domande. Questi dubbi sono insorti in seguito agli attacchi di panico? sono sempre stati più o meno inconsciamente presenti in tutte le relazioni sentimentali o solo con l’ultima ragazza? Cosa la preoccupa maggiormente?
Rimango a sua disposizione
Dott.ssa Vanda Braga

Dott.ssa Braga Vanda Psicologo a Rezzato

1280 Risposte

1088 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Federico,
è poco chiaro quando correla la percezione di sè come donna agli attacchi di panico e di ansia che ovviamente possono colpire sia gli uomini che le donne.
Più significativo mi sembra il fatto che lei, come dice, "è sempre andato verso le donne" cioè in pratica è "attratto" dalle donne anche se preferisce non usare questo termine.
Il fatto che oltre al rapporto sessuale cerca coccole e carezze non è certo una prerogativa del sesso femminile nè è una caratteristica di genere.
Se, a torto o a ragione, lei ha qualche incertezza o dubbio sulla sua identità di genere, sicuramente può esserle di aiuto un percorso di psicoterapia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6501 Risposte

18176 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Federico,
Lei si sente confuso e fatica a riconoscere una parte di se.
Questo le crea disagio e senso di smarrimento, pur avendo una relazione in atto.
Le consiglierei di intraprendere un percorso di counseling psicologico per comprendere la propria identità.
Resto a disposizione
Dott.ssa Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2422 Risposte

2050 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Federico, deve essere molto dura vivere con questa confusione e la sensazione di non riuscire a vivere bene.
Intraprendere una terapia potrebbe essere una buona occasione per fare chiarezza nella sua vita e capire alcune cose su di sè.
Saluti

Dott.ssa Elisa Configliacco Bausano Psicologo a Moncalieri

24 Risposte

11 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Sessualità

Vedere più psicologi specializzati in Sessualità

Altre domande su Sessualità

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15300

psicologi

domande 19800

domande

Risposte 77400

Risposte