I miei figli vogliono il pannolino

Inviata da Serena222 · 19 giu 2017 Psicologia sociale e legale

Mio figlio Marco ha 12 anni, quasi 13, però da quando sono nati i fratelli di 10, 7 e 4 anni,vuole essere trattato come un neonato. Qualche settimana fa andai in camera sua e vidi il letto bagnato ma non mi preoccupai perché in fin dei conti succede a tutti, solo che questa vicenda si verificò diverse volte, anche nella mattinata e i fratelli iniziarono a prenderlo in giro. Allora andai al supermercato e li comprai un pacco di pannolini drynites e quando li chiesi di indossarli fu felice e mi confidó che li voleva indossare sempre ed essere trattato come un neonato, perciò mangiare nel seggiolone ed essere imboccato,bere dal biberon, dormire nel lettone, usare il ciuccio, quando si usciva essere trasportato nel passeggino ed infine usare il seggiolino in macchina. All' inizio rimasi perplessa dalla sua richiesta, però lo accontentai, pensando fosse una cosa passeggera. Da quando é finita la scuola mi constringe a comprarli abiti da bambini piccoli, come le tutine e vuole essere cambiato davanti ai fratelli che sono gelosi di lui perché viene sempre accontentato. Il mio secondo figlio di 10 anni, Alessandro, non ha accettato questa "ingiustizia" nei suoi confronti, allora ha iniziato a farsela addosso e mi ha chiesto di essere trattato come Carlo, perciò magiare nel seggiolone etc... una cosa stranissima é che Carlo vuole che io li metta il pannolino... bagnato con l'acqua per poi "premerlo" quando é a contatto con le sue parti intime in modo da sentire la sensazione di bagnato, e solo dopo fa la pipí.
Cosa posso fare per farli smettere di essere trattati come neonati?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 20 GIU 2017

Gentile Serena, per farli smettere di essere trattati come neonati deve semplicemente smettere lei per prima di trattarli come tali. le richieste che le stanno facendo i suoi figli non sono di certo adeguate all'età e nascondono un disagio emotivo che probabilmente da sola fatica a riconoscere. Si faccia aiutare da uno psicologo o psicoterapeuta. Insieme potrete comprendere meglio le vere esigenze dei suoi figli per favorirne un sano sviluppo psicoaffettivo. Saluti
Dott.ssa Serena Costa, psicologa dell'infanzia Trentino

Anonimo-154581 Psicologo a Pergine Valsugana

125 Risposte

132 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 GIU 2017

Carissima, credo che suo figlio più grande viva una vera e propria situazione di disagio psichico che trasmette con comportamenti di regressione ad una eta che non ha piu e che cio stia influenzando gli altri suoi figli. Le suggerirei di farsi consigliare quanto prima da uno specialista, magari anche uno psicoterapeuta famigliare, che le dica come comportarsi. Portare il pannolino o essere trattati in genere come neonati, in eta scolare oramai avanzata, non e assolutamente comportamento adeguato e salubre.
Cominci a lavorare sulla sua capacità di dire no a questi comportamenti e di riportare i suoi figli alla e loro eta attuale.
In bocca a lupo.
Dott.ssa Barbara De Luca

Dott.ssa Barbara De Luca Psicologo a Catanzaro

589 Risposte

286 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 GIU 2017

Gentile Serena,
è necessario come genitore dare limiti per interrompere questo circolo vizioso.
I propri figli scelgono la modalità regressione per esprimere disagio e rischiano già di contagiarsi a vicenda.
Di conseguenza diventa difficile gestire la famiglia in questi termini.
Con il proprio partner si rivolga ad un professionista psicologo esperto in tematiche evolutive per individuare strategie idonee a favorire il sano sviluppo psicoaffettivo dei bimbi.
Cari saluti
Dott.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2757 Risposte

2282 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 GIU 2017

Gentile Serena,

la situazione non va sottovalutata e credo che lei abbia bisogno di un parent training che l'aiuti a gestire nel modo migliore le richieste dei suoi figli.
Sembrerebbe che siano i ragazzi a decidere cosa sia giusto fare anziché lei o che quantomeno abbia molta difficoltà a rifiutare le loro richieste. Nel suo scritto non parla mai del padre, mi chiedo se stia crescendo i bambini da sola o quale sia la posizione del papà in questa situazione.

Si rivolga quanto prima ad un terapeuta cognitivo-comportamentale per risolvere questa situazione.

Io stessa sono a disposizione per chiarimenti e quant'altro

Cordialmente

Dott.ssa Silvia Picazio

Dott.ssa Silvia Picazio Psicologo a Roma

343 Risposte

130 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Altre domande su Psicologia sociale e legale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18050

psicologi

domande 27800

domande

Risposte 95850

Risposte