Ho un forte periodo di stress, ansia e ira

Inviata da Clery · 18 mag 2022 Ansia

Buonasera Dottore o Dotteressa, ho 28 anni e sto conseguendo il diploma presso una scuola serale, nel frattempo devo lavorare per mantenermi e per completare il quadro mia nonna, che mi ha fatto da mamma, poichè i miei non vi sono mai stati sta affrontando una cirrosi, ed è in fin di vita. Sento molto stress addosso tanto da far aumentare anche la psoriasi di cui soffro dall' età di 11 anni. Il culmine di tutto ciò è giunto quando ho avuto una terribile discussione con un mio collega dell' istituto... Poichè uscivamo insieme, come amici (intendo) ma da quando la situazione personale è peggiorata mi sono chiusa, poichè non riesco a stare in mezzo alla gente. Da una parte sono persona empatica che capisce gli altri, e mi irrita quando gli altri non capiscono me. Mi sono state rinfacciate le cene, i soldi, e molto altro.. e da lì ho ho avuto uno scatto di irascibilità che mi ha portato a dire una fase terribile.
Poi mi è stato detto che quelle parole non erano mai state dette come se fossi pazza o addirittura bugiarda.
In questo momento sembra che tutto stia peggiorando, e non riesco a concentrarmi sullo studio. Mi sento confusa, sembra che tutti i miei rapporti abbiano avuto uno scossone.... si siano scbussolato o forse sono io???
Non sò cosa fare.. non vedo fine.. e poi vedere mia nonna che sta cambia ospedale, e non sò quando giungerà la chiamata, oppure vederla a casa ogni giorno che passa sempre di più star male. C'è qualcosa che non va in me? Non riesco a capire.....
Perchè questo collega mi ha detto che avrei bisogno di uno psicologo.. perchè faccio cose stranissime eppure a me non appare proprio.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 19 MAG 2022

Cara,
dalle sue parole mi arrivano un senso di disagio e confusione.
Ha fatto bene a scrivere qui, dunque le consiglio di continuare su questa scia e chiedere aiuto ad un professionista.
Descrive un periodo carico di fattori stressanti, e forse le sue risorse per affrontarli sono in carenza. È comprensibile, in base a ciò che racconta, che ciò accada e che, di conseguenza, ci sia una certa difficoltà anche solo nel comprendere le proprie reazioni fuori, percepite distanti dalla personale consuetudine.
Un percorso potrebbe aiutarla a comprendere quanto accade in lei e come gestire al meglio ciò che alimenta il problema, apprendendo anche nuove strategie, incrementando le sue risorse e accrescendo la sua capacità di fronteggiare le difficoltà.
Resto a sua disposizione e le invio un caro saluto.
Dr.ssa ASignorelli (sedute anche online)

Dott.ssa Annalisa Signorelli Psicologo a Belvedere Marittimo

753 Risposte

1113 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 MAG 2022

Gentile Clery,
da quel poco che racconta si intuisce che nella sua vita ha dovuto affrontare diversi traumi ma quello attuale della grave malattia di sua nonna (che è stata per lei una figura di riferimento) le sta creando molto stress per cui corre il rischio di destabilizzarsi.
E' perciò necessario che in maniera sollecita si prenda cura di sè tramite un percorso di psicoterapia che la aiuti ad elaborare i traumi passati e superare questo attuale periodo difficile.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

8291 Risposte

22546 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 MAG 2022

Buongiorno Clery,

da questo racconto traspare tanto il suo momento di profonda sofferenza: la scuola, il lavoro, i rapporti con gli altri ma soprattutto la paura di perdere una figura così importante come sua nonna.

In un periodo con tutte queste fatiche ordinarie e straordinarie è del tutto comprensibile fare fatica a mantenere un equilibrio emotivo, a reggere le critiche degli altri. La sua confusione e scombussolamento è del tutto normale per quello che sta affrontando.

Prenda del tempo per "ricaricare le batterie" per quello che è possibile, non chieda troppo da sé stessa in questo periodo che potrebbe portarla solo ad aumentare il suo stress.

Se ha bisogno di aiuto cerchi persone che le possano stare accanto in un momento così difficile; se ha bisogno di un aiuto più professionale valuti un percorso psicologico che la aiuti intanto a gestire lo stress.

Sperando di esserle stato utile,
Un caro saluto

Dott. Matteo Marconi

Anonimo-180612 Psicologo a Cesena

36 Risposte

12 voti positivi

Fa terapia online

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 MAG 2022

Clery cara,
lascia che ti dica quanto tra le righe di queste parole abbia sentito tutto l'angosciante caos emotivo che in questo periodo tu stai vivendo. Lo sfiorire della salute di tua nonna è già di per sè un evento critico, doloroso e complesso.. dunque comprendo bene che la rottura del legame con il tuo amico, appesantita da ricriminazioni e sensi di colpa, ti stai facendo sentire sfinita e a pezzi. Al di là che qualcuno ti abbia fatto notare che hai bisogno di uno psicologo "perchè fai cose strane", credo sinceramente che avere accanto ora, una figura competente che con gentilezza ed empatia ti aiuti ad affrontare questo delicato periodo, sia estremamente importante. A volte, quando gli accadimenti della vita ci mettono alla prova dimentichiamo di avere preziose risorse personali cui affrontarli e solo grazie a un punto di vista esterno siamo in grado di prenderne atto e superarli. Clery, affidarti ad uno psicologo è l'atto d'amore più potente che puoi fare a te stessa, abbine cura.
Io resto quì, a te disponibile anche qualora volessi avere un dialogo con me.
Ti abbraccio, un caro saluto.
Dott.ssa G. Clarissa

Dott.ssa Clarissa Guercioni Psicologo a San Benedetto del Tronto

398 Risposte

153 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 MAG 2022

Gentile utente,
Porta in questo spazio diversi temi.
Partiamo dalla psoriasi. Immagino sappia la natura psicologica di una tale manifestazione cutanea e le rimandiamo il fatto che non ha mai esplorato e approfondito questo aspetto.
Come mai i suoi genitori non vedono sua nonna e non se ne prendono cura. Come mai conclude ora questo ciclo di studi.
E chiaro che in una situazione come quella decritta, il suo corpo reagisca, trovandosi a contenere in carico emotivo di tale portata.
Si dia la possibilità di elaborare i vissuti che descrive.
Cordialmente
Studio Associato Dott Diego Ferrara Dottoressa Sonia Simeoli

Dott. Ferrara Dott.ssa Simeoli Psicologo a Quarto

603 Risposte

303 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 MAG 2022

Cara Clery, mi spiace per la situazione che sta vivendo, dal suo racconto traspare il suo malessere e lo comprendo. Da quello che racconta si capisce come lei stia vivendo un periodo faticoso a livello emotivo, l'aggravarsi della nonna che l'ha cresciuta e la possibilità di perderla sono eventi molto dolorosi che possono essere fonte di stress. Credo che il suo collega le abbia consigliato di andare da uno psicologo non perchè fa cose stranissime, ma per avere un supporto in questo momento cosi difficoltoso per lei. Parlare con un professionista può esserle utile per elaborare i suoi sentimenti e per comprenderli e per ritrovare la sua serenità.
Resto a disposizione, anche online.
Un caro saluto, dott.ssa Sara Manzoni

Dott.ssa Sara Manzoni Psicologo a Treviglio

594 Risposte

187 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 MAG 2022

Salve Clery, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio che può sperimentare e quanto sia impattante sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che le impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto e possa soprattutto aiutarla a parlare con se stessa utilizzando parole più costruttive.
Credo che anche un approccio EMDR possa esserle utile al fine di rielaborare il materiale traumatico connesso ad eventi del passato che possono aver contribuito alla genesi della sofferenza attuale.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL

Anonimo-181068 Psicologo a Roma

1811 Risposte

530 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 36450 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 21250

psicologi

domande 36450

domande

Risposte 124250

Risposte