Ho un bimbo di 4 mesi e sono nuovamente incinta!

Inviata da Carlotta · 15 dic 2019

Buongiorno,
In realtà non so nemmeno io come sia capitata in questo forum, ma ho un forte bisogno di parlare e chiedere aiuto per una situazione praticamente scomoda ma moralmente devastante.
Come già anticipato ho un bimbo di 4 mesi, io ho 28 anni e vivo all’interno di una coppia solida e felice. Lavoriamo entrambi e avevamo tutte le carte in regola per mettere su famiglia.
A novembre scorso arriva la bellissima notizia, sono incinta! Tutto procede bene e ad Agosto nasce G.
È stata la cosa più bella che potessi fare nella mia vita, non si può descrivere amore più grande di un figlio però non nego che sia stato un cambiamento molto forte, destabilizzante soprattutto i primi due mesi e molto faticoso come lo è con un qualsiasi neonato.
Comunque nonostante tutto sono riuscita affannandomi e con mille difficoltà a tornare al mio lavoro (io lavoro in proprio) ovviamente part time e gestendomi in maniera tale da poter allattare G. e mancare solo poche ore.
Sono riuscita a riprendere il mio fisico, avevo preso 12 kg ma sono stati persi praticamente subito.
Insomma non sono una di quelle mamme che è rimasta chiusa in casa col proprio cucciolo a disperarsi perché la notte non si dormiva.
Ho cercato di riprendere in mano la mia vita , ma forse sbagliando ho cercato di dare il massimo come madre, come donna con il mio compagno, come lavoratrice, come amica.
Tutta questa situazione mi ha messo nelle condizioni di provare un po’ di ansia, però ritengo fosse un’ansia fisiologica proprio per i motivi detti prima.
Descritta la situazione fino ad una settimana fa, adesso parlo degli ultimi risvolti:
Sono di nuovo incinta!
No, non è successo come ho sentito tante volte in giro: cioè il ciclo non è mai arrivato dal parto però sai non sapevo di essere fertile.
No, a me il ciclo è arrivato dopo due mesi dal parto, perfetto e puntuale come sempre. Abbiamo adottato i giusti metodi contraccettivi, ma in realtà non è che noi avessimo il tempo di avere tutti questi rapporti... eppure sono incinta ugualmente!
Ovviamente non è opera dello spirito santo, ma io sono rimasta ugualmente sconvolta.
E quella lieve ansia di prima, è diventata ora invalidante. Cioè io mi sento bloccata, non riesco ad agire e reagire. Sto allattando ancora G. stavo costruendo la mia immagine e identità di madre con lui, stavo imparando insieme a lui e lui stava insegnando a me in un modo tutto suo.
Il pensiero di ricominciare con le visite e con una nuova gravidanza, il pensiero di un secondo parto, il prossimo anno praticamente mi fa venire la pelle d’oca.
E di getto penso... no assolutamente! Una follia!!! Ma è una follia, cavolo!!!
Sono arrabbiata con me stessa, mi sento in colpa nei confronti di G. Io a lui voglio dedicare i tempi giusti, voglio dedicare le giuste attenzioni.
Il mio compagno è rimasto di pietra in un primo momento ma adesso è felice.
Ho provato a spiegare lui le mie sensazioni ma in parte sembra che non le capisca.
Io sono sincera, credo di non farcela a livello fisico. Una volta fatto, come si fa con uno, si fa con due diciamo... insomma ci si organizza... però mi spaventa e mi fa star male il pensiero di una gravidanza con un bambino così piccolo.
Cioè sento proprio di non avere le forze.
G. Si sveglia ancora almeno 2 volte a notte per mangiare, ha bisogno di attenzioni H24 e non mancano i momenti di crisi anche con lui.
Lo dico sinceramente, ho pensato subito all aborto... Ma io, vedendo quella meraviglia, come faccio ad abortire? Ma chi ce L ha il coraggio? Non sono riuscita nemmeno a dirlo al mio compagno, perché avendo come risultato G. E vedendo ciò che si prova, parlare di aborto è una violenza ed anche questa una follia.
Ma io non ho le forze fisiche e mentali per andare avanti. Mi sento totalmente bloccata e in balia degli eventi.
Scusate lo sfogo e vi ringrazio se qualcuno di voi potesse esprimersi.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 16 DIC 2019

Gentile Carlotta,
Le sue reazioni sono, in realtà, comprensibili. Come dice giustamente l'arrivo di un bambino cambia gli equilibri, non solo di coppia, ma anche individuali. Una seconda gravidanza quando ancora non ha mentalizzato e sperimentato la prima può far percepire la sensazione di non farcela.
Le suggerisco di condividere i suoi pensieri e le sue emozioni con il suo compagno, anche prendendo in considerazione la possibilità di farsi aiutare da qualcuno nella quotidianità, in modo tale da recuperare le energie fisiche e mentali e da ritagliare i giusti spazi per sé, per G. e per il nuovo bimbo.
In bocca al lupo,
Cordiali saluti
Dott.ssa Federica Meriggioli

Dott.ssa Federica Meriggioli Psicologo a Spinea

12 Risposte

4 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 DIC 2019

Gentile Carlotta,
le grandi fatiche per crescere un bambino, nel primo anno e anche in quelli successivi, sono comprensibili solo da chi ha già vissuto l’esperienza della gravidanza e del diventare mamma.
Accanto alla gioia, unica e non confrontabile con altre felicità, bisogna riconoscere che per godere di questa felicità sono necessarie alcune condizioni relazionali/affettive e materiali.
La prima condizione che sorregge una mamma come è lei, è il supporto profondo e soddisfacente col proprio partner.
E’ questa condizione che permette di affrontare la fatica che è innegabile; il sentirsi capita nelle proprie difficoltà da un compagno che sorregge la sorregge e le riserva quelle attenzioni, un po’ tenere e affettuose, di cui una mamma ha bisogno, sono un elemento indispensabile al benessere di tutta la famiglia.
E’ un po’ come se la mamma si dovesse ricaricare delle energie che lei dedica al bambino.
Se la mamma si sente oberata su tanti fronti e non riceve supporto vitale dal proprio partner trova tutto estremamente faticoso.
Se ritiene di poter parlare di cosa le farebbe piacere, e del modo in cui desidererebbe ricevere vicinanza emotiva dal suo compagno, le sarà più facile decidere e vedrà che la situazione le sembrerà meno nera.
Ovviamente se può permetterselo le sarebbe molto utile un aiuto quotidiano, almeno nel prossimo anno.
Un augurio
Giordana Milani

Dott.ssa Milani Giordana Psicologo a Biella

312 Risposte

107 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 35550 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 20900

psicologi

domande 35550

domande

Risposte 120900

Risposte