Ho tradito il mio ragazzo. Confessarglielo o no?

Inviata da Esme90 · 5 feb 2016 Terapia di coppia

Ho tradito il mio ragazzo dopo quasi un anno di storia: una storia un po' difficile, dato che, per svariati motivi dettati da incomprensioni iniziali, spesso si litiga.
Tempo fa ho conosciuto un ragazzo con cui c'è stata un'attrazione particolare, sfociata in una serie di baci e poi nel peggio che potesse capitare.
Questa "relazione" è durata pochi giorni distribuiti su tre settimane, dopo di che ho chiuso definitivamente. Ora mi capita di vederlo per forza di cose, e l'unico sentimento che provo è repulsione, nonché odio verso me stessa.

Mi sono resa conto della gravità delle mie azioni solo troppo tardi, rendendomi conto di rischiare di perdere una persona che comunque ritengo di amare.

Odio convivere con questo peso, ma non ho ancora avuto il coraggio di dirglielo.

Per me stessa e per onestà nei suoi confronti vorrei dirglielo, ma oltre a rischiare di chiudere il rapporto (responsabilità che, ahimè, dovrei assumermi), condannerei il mio ragazzo ad una sofferenza che non merita.

Quindi mi chiedo: vale la pena confessarlo? So che merita di sapere la verità. Io non riesco a darmi pace, nonostante siano passati mesi penso ancora a quello che ho fatto con lo stesso orrore del giorno dopo.

Può una storia continuare a vivere nonostante ciò, a prescindere dal confessarglielo o meno?

Grazie.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 8 FEB 2016

Cara Esme 90
allora c'è stato questo tradimento causato da..boh... "un attimo di insolita follia" tanto per dare una definizione.
Il tutto è rientrato velocemente e sarebbe pure dimenticato se lei, non nutrisse ora questo senso di colpa e la voglia di confessare.
Dobbiamo notare però che, non sempre la confessione , è veramente un modo per come "ripulire" l'atto compiuto, ma, a ben vedere, c'è anche un poco di orgoglio nel voler a tutti costi emendare, riportando in scena un vecchio fatto superato e che causerebbe di nuovo tanto dolore e altri problemi.
Quello che chiamo "un atto di orgoglio" lo spiego è un darsi troppa importanza.
A mio parere piuttosto che ritornare a soffrire per questa cosa (non bella e questo sia chiaro), sarebbe meglio mantenere interiormente ferma la consapevolezza che, in strani modi, si può cadere, ma, compreso l'errore, il miglior emendamento è il proposito di fare molta attenzione in futuro, sapendo che sono possibili debolezze incoscienti.
Spero essermi fatta comprendere nel mio dire.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci psicologa psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7205 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 FEB 2016

Buongiorno Esme,
la risposta è sinceramente "no". Consiglio di evitare di dire al suo partner del tradimento.
Sta già scontando la propria pena per il senso di colpa che porta con sè. Ciò è sano poichè le consente di tracciare una direzione precisa. Le consiglio di farsi aiutare a superare la rabbia, repulsione ecc. che prova per quanto ha fatto e di rinvigorire sulle ali del piacere e della condivisione progettuale la relazione con il suo partner.
Cordialmente
Dr. Massimo Botti

Dott. Massimo Botti Psicologo a Genova

51 Risposte

24 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 FEB 2016

Cara Esme90,
se hai tradito il tuo ragazzo avrai avuto di sicuro dei motivi che al momento ti sembravano sufficienti per farlo ma forse potevano essere sufficienti anche per interrompere il fidanzamento, cosa che non hai fatto.
Ciò costituisce già una buona ragione per metterti in gioco in un percorso di psicoterapia in modo da capire meglio te stessa e i tuoi meccanismi di funzionamento specialmente quando sei sotto stress.
A mio modo di vedere, quello che è successo potrebbe succedere ancora o magari potrebbe accadere che in futuro sia lui a tradire te perchè è chiaro che tra di voi ci sono delle incomprensioni importanti che magari sono sottovalutate da entrambi.
Personalmente ritengo che, con il sostegno psicologico adatto e a tempo debito, dovresti trovare il modo di parlare col tuo ragazzo di quello che è accaduto anche perchè nella relazione di coppia quando c'è qualcosa che non funziona le responsabilità non sono quasi mai da una sola parte.
La cosa da salvare è che si dovrebbe sempre utilizzare l'errore per migliorarsi anche se c'è qualche scotto da pagare : solo così è possibile trasformare il male in bene!
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7280 Risposte

20576 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 FEB 2016

Gentile Esme90,
immagino che il peso dei sensi di colpa possa far pensare che raccontare tutto al suo ragazzo sia in qualche modo liberatorio.

Tuttavia, tenga presente che il tradimento, da come lo ha raccontato, sembra essere una reazione ad una situazione che Lei evidentemente non tollerava più.

In questo momento, più che pensare a dire/non dire al suo ragazzo del tradimento, le consiglio di fare chiarezza sui veri "perché" è accaduto, visto che le incomprensioni e i litigi, da soli, difficilmente possono esserne l'unico motivo.
In tutte le relazioni vere e sincere si discute e a volte si arriva a litigare, non per questo ci si allontana, quindi bisogna vedere come si litiga e per quali argomenti.

Il rischio che si corre in questi casi è che il tradimento o l'allontanamento temporaneo diventi un modo per non affrontare i problemi che una relazione può portare.

Concordo con le colleghe e le consiglio dei colloqui con uno psicologo, in studio o anche online, per fare chiarezza sul passato, prima di mettere in atto azioni future.

Cordialmente,
Dott.ssa Anna Patrizia Guarino. Psicologa, Roma.

Dott.ssa Anna Patrizia Guarino Psicologo a Ardea

197 Risposte

270 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 FEB 2016

Gentile Esme90, più che crogiolarti nel senso di colpa tra il dire e il non dire credo che questa sia per lei un'importante occasione per riflettere sul perché abbia sentito di cercare qualcosa altrove, cosa sentiva mancare all'interno del suo rapporto di coppia? Anche ora, questa esigenza del "confessare" al suo compagno sembra descrivere una richiesta di aiuto e di ascolto mancante. Le consiglio di parlare con un professionista proprio per definire i bisogni in lei emergenti rispetto al rapporto di coppia.
Un caro saluto
Dott.ssa Damia Simona Bragalini
Psicologo Psicoterapeuta Gruppoanalista Milano

Dott.ssa Damia Simona Bragalini Psicologo a Milano

36 Risposte

22 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 FEB 2016

Gentile Esame90,
noi siamo responsabili delle nostre azioni e dobbiamo portarne le conseguenze, sia che siano sensi di colpa, sia che portino a dei cambiamenti nella nostra vita. Come lei stessa dice il parlare del fatto con il suo ragazzo la farebbe sentire più leggera, ma avrebbe buttato su di lui un peso enorme che, forse, non merita. A volte il voler essere troppo onesti e sinceri è solo un modo per togliersi un fardello dalle spalle. Allora è importante comprendere cosa significa per lei la relazione con il suo ragazzo. Cosa l'ha spinta a tradirlo? Forse questo era necessario per capire l'importanza della vostra relazione? Si ponga degli interrogativi cercando di essere onesta con se stessa nelle risposte.
Cordiali saluti
Anna Ambiveri
psicologa-Psicoterapeuta

Dott.ssa Anna Ambiveri Psicologo a Torino

64 Risposte

61 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 FEB 2016

Cara Esme,

credo che questo tradimento e le sue riflessioni possano essere un'opportunità per riflettere sul significato della relazione che sta vivendo.
Che ipotesi si è fatta sulle conseguenze alla comunicazione del tradimento? Come potrebbe reagire il suo ragazzo? Le reazioni potrebbero essere assai diverse e sorprenderci.
Perchè l'ha tradito ora? Cosa rapprensenta per lei la persona con cui l'ha tradito?
Sarebbe importante riflettere su queste e altre domande, magari accompagnati da una psicoterapeuta.

cordiali saluti
dott.ssa Monica Salvadore
Psicologa Torino

Dott.ssa Monica Salvadore - Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Torino

369 Risposte

854 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

7 FEB 2016

Buongiorno signorina Esme.
Bisogna innanzitutto riflettere sul concetto di tradimento.
Tutti tradiamo sempre: qualcuno (una promessa fatta e non mantenuta); o qualcosa (un proponimento).
La natura umana non è fatta per la coerenza: o meglio, la coerenza è una luce verso la quale tendere. Esiste il desiderio del piacere che ha, come antecedente e successivo, il piacere del desiderio.
Spesso il tradimento è diverso da quanto non si pensi: talvolta fare qualcosa "all'insaputa di" aiuta a farci sentire un po' più liberi e rende più solidi i rapporti. Talvolta nel "tradimento" non c'è nemmeno un risvolto aggressivo.
Certo rimane l'aspetto egoistico: questo aspetto egoistico viene emendato nel momento in cui si accetta che anche l'altro - nel caso il suo fidanzato - possa fare qualcosa "a sua insaputa".
Se accetta, in buona coscienza, quest'ultimo punto, non c'è bisogno che metta in crisi il vostro rapporto - visto che dichiara di amare il suo fidanzato - altrimenti, onestamente, deve confessarsi con lui ed accettare le conseguenze.
Dott. Pietro De Santis,
Associazione Psicoanalisi Contro, Roma

Psicoanalisi Contro (IPRS) Psicologo a Roma

43 Risposte

14 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 FEB 2016

Cara Esme 90, i tradimenti ci dicono molto sul senso e sui contenuti della relazione che stiamo vivendo. Forse vorresti dire al tuo ragazzo del tradimento, con probabile conseguenza che lui ti lasci, perchè non hai il coraggio di lasciarlo tu? Io rifletterei anche su questo, oltre al perchè hai sentito il bisogno di tradirlo. Se poi le domande ti attanagliano la mente puoi anche pensare di chiedere una consulenza a qualcuno della tua zona o a una consulenza on line che ti possa aiutare a fare un po'di chiarezza sui tuoi sentimenti e sul senso di questa storia.

Dott.ssa Cinzia Marzero
Moncalieri- Villastellone (To)

Dott.ssa Cinzia Marzero Psicologa-Psicoterapeuta Psicologo a Moncalieri

147 Risposte

149 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 FEB 2016

Salve,
i tradimenti a volte ci aiutano a riflettere sulle nostre storie: perchè ha avuto la necessità di tradire il suo ragazzo pur amandolo? perchè proprio ora e con quest'altra persona? Aveva forse bisogno di testare quanto il suo amore potesse reggere rispetto alla passione?
Si prenda altro tempo per capire, anche perchè lei innanzitutto descrive una storia non proprio serena: è davvero felice o ha solo paura di rimettesi in gioco?

Dott.ssa Maria Romanelli Psicologo a Roma

6 Risposte

4 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27300 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17850

psicologi

domande 27300

domande

Risposte 94200

Risposte