Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Ho subito un abuso sessuale e il mio ragazzo ha bisogno di aiuto

Inviata da Sara · 13 gen 2016 Trauma psicologico

3 anni fa sono stata vittima di un abuso sessuale quando ero all'estero e non ne ho mai parlato con nessuno. Ho cercato di eliminare l'accaduto dalla mia testa e ho cercato di andare avanti. Più o meno un anno dopo dall'accaduto mi sono fidanzata con l'attuale ragazzo e qualche mese fa ho sentito il bisogno di rivelargli questa cosa. Nel frattempo siamo tornati insieme in quel posto e da quelle persone. Perché volevo cancellare il passato brutto per avere un ricordo positivo di quel posto andandoci con il mio ragazzo. Mi rendo conto di aver sbagliato ora e di averlo portato li. Il problema ora è che se io adesso sono tranquilla perché inizierò un percorso con psicologi lui è in ansia e vuole essere sempre tranquillizzato. Mi fa sempre domande inerenti a quel fatto e ha paura che io possa non avergli detto tutta la verità o che io possa aver voluto una cosa del genere. Si fa venire in mente tutte le paure possibili e va in ansia. A meno che io poi non gli dica che non è cosi e che lo tranquillizzi. Ma questo tranquillizza lui e fa innervosire me perché mi fa sempre le stesse domande in continuazione. Dice che vuole parlare anche lui con qualcuno e che ha bisogno anche lui di aiuto. Abbiamo entrambi 20 anni e lui è alla sua prima esperienza. Non so come aiutarlo e vorrei un vostro parere se possibile.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 13 GEN 2016

Gentile Sara,
non penso che il ritornare in quel posto e da quelle persone poteva essere il modo migliore per superare le conseguenze di quel trauma ma penso che sarebbe stato meglio denunciare il fatto e la persona responsabile di quel reato.
E' comprensibile che la rivelazione fatta e il coinvolgimento del suo fidanzato lo abbia destabilizzato e messo in ansia essendo anche lui molto giovane e pertanto non ancora ben strutturato.
Pertanto il suggerimento è di elaborare insieme le conseguenze di questo evento traumatico con l'aiuto di un terapeuta della coppia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno)

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6838 Risposte

19096 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 GIU 2016

Gentilissima Sara,
Ho letto più volte il suo messaggio e mi rimane sempre una perplessità; il ritorno all'estero da quelle persone doveva bonificare il ricordo dell'accaduto o erano quelle persone che dovevano appropriarsi della luce riflessa del suo compagno? Che non sia stata la soluzione migliore lo ha capito da sola, una riflessione sule motivazioni che l'hanno spinta s'impone, ci pensi,

Dott.ssa Codruta Ileana Terbea Psicologo a Lecce

105 Risposte

189 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 GEN 2016

Cara Sara,
nei casi come il suo non c'è un'unica via da seguire: in affetti lei ha provato ad elaborare da sola e con le sue forze l'evento traumatico e le sarà costato anche tanta fatica e sofferenza. Cercare, inoltre, aiuto e conforto nel suo ragazzo, denota un rapporto di profonda fiducia nei confronti di quest'ultimo. Mi sento di suggerirle che non dovrebbe provare un senso di colpa per essersi confidata con lui né per averlo coinvolto in questa vicenda così drammatica. Il rapporto di coppia è basato anche sulla condivisione ed è per questo che, se avete sentito la necessità di intraprendere un percorso psicologico, in questo caso specifico, sarebbe opportuno farlo in coppia, proprio perché la sofferenza, adesso, riguarda entrambi.
Un grosso in bocca al lupo.
Cordialmente,
Dott.ssa Gabriella Ruggeri (Messina)

Dott.ssa Gabriella Ruggeri Psicologo a Messina

59 Risposte

73 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 GEN 2016

Gentile Sara,
per quanto concerne la situazione da lei presentata , appare lampante il disagio emotivo e il sentimento di impotenza che il suo ragazzo vive attualmente ; certamente è stato corretto da parte sua avergli confidato la violenza subita e sicuramente ora è opportuno che entrambi siate seguiti da uno specialista in modo da gestire più adeguatamente le dinamiche emozionali scatenate nella vostra coppia da questo evento traumatico. Le consiglio di rivolgersi ad un terapeuta di coppia che potrebbe aiutare anche il suo fidanzato ad affrontare le sue angosce.
Cordiali saluti
Dott.ssa Alessandra Di Biase
psicologa e psicoterapeuta
Quadrivio di Campagna (Salerno)

Dott.ssa Alessandra Di Biase Psicologo a Quadrivio

8 Risposte

28 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 GEN 2016

Cara Sara
certamente l'aver condiviso col suo ragazzo questa brutta esperienza ha fatto sì che anche lui ne sia rimasto impressionato e coinvolto , io comunque penso che sia stato corretto da parte sua metterlo al corrente dell'accaduto (anche se si poteva evitare di tornare lì perché la suggestione credo sia stata troppo forte)
Ora ci vuole molta motivazione e impegno nell'affrontare il percorso di ritorno e anche per lui sarà necessario un sostegno psicologico.
Credo che piano piano possiate tornare ad essere sereni ma ci vuole tempo e molta pazienza.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci psicologa psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6897 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 GEN 2016

Cara Sarà,
Capisco l'enorme fatica nel gestire il racconto di un ricordo così delicato sia da parte sua che l'ha direttamente vissuto, che da parte del suo ragazzo.
Io credo che lei sia stata molto coraggiosa e forte nel condividerlo con lui e nel provare a rielaborare il ricordo negativo legato a quel luogo tornando con lui.
Forse il suo compagno ha bisogno di tempo e ulteriori rassicurazioni per accettare del tutto l'accaduto.
Se così non fosse e le sue risposte non dovessero bastare per tornare più sereno, non esiti a ricontattarci. Un aiuto, adeguato e nella vostra città, troveremo il modo di offrirvelo.
Saluti.
Federica Urso
Studio Biancospino
Bologna

Federica Urso Psicologo a Bologna

1 Risposta

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 GEN 2016

Buongiorno Sara,
Credo che anche il suo fidanzato abbia bisogno di un supporto psicologico per affrontare questa situazione così dolorosa e complessa. Lo potrebbe aiutare a trovare un terapeuta, se lei già ha iniziato o a breve, inizierà un suo percorso si faccia indir irizzare dal professionista che la seguirà. Un caro saluto, per qualsiasi dubbio siamo qui.

Dott.ssa Valeria Bugatti Psicologo a Roma

105 Risposte

47 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 GEN 2016

Gentile Sara,
anche il suo ragazzo ha bisogno di un supporto da parte di un professionista che lo aiuti a far emergere le sue paure. E' molto positivo che anche lei abbia chiesto una mano, valuti anche la possibilità di una terapia di coppia.
Un caro saluto,
Dott.ssa Milena Barone

Dott.ssa Milena Barone Psicologo a Albignasego

29 Risposte

64 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 GEN 2016

Cara Sara, l elaborazione del trauma di una violenza è un processo complesso e lento che inevitabilmente tende a coinvolgere e investire le dinamiche della vottima con le persone che le sono più vicine.
Pertanto, non mi stupisce il disagio manifestato dal tuo ragazzo. Ritengo che sarebbe utile qualche incontro di coppia per poi valutare se proseguire come terapia di coppia o individuale per il tuo ragazzo, atteso che mi è parso di capire che tu sei già impegnata in un tuo percorso individuale.
I migliori saluti e auguri.
Maria Apuzzo

Dott.ssa Maria Apuzzo Psicologo a Napoli

1 Risposta

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 GEN 2016

Carissima Sara, mi spiace moltissimo per quello che ti è successo e per il periodo che stai vivendo. Penso che il comportamento del tuo fidanzato sia comprensibile. Hai fatto bene a parlarne con lui: esternare un'esperienza così dolorosa ad una persona che ti fidi è già un grande passo avanti. Non mi hai detto se hai comunicato ciò anche ai tuoi genitori, ma devono esserne al corrente affinchè possano appoggiarti in un momento così delicato. Quello che ti è accaduto rischia di bloccarti nella crescita della tua persona ed hai fatto benissimo a richiedere una consulenza psicologica. Siete ancora giovani e un'elaborazione di questo genere di eventi richiede tempo e uno sviluppo di personalità forte e matura in modo da essere in grado di affrontare sia lo stress che questa situazione comporta, sia le problematiche che ne possono derivare.
Direi che richiedere una terapia di coppia sia la soluzione più adatta sia per te che per lui.
Fammi sapere
Dr.ssa Gloria Godioli
(Pavia)

Dr.ssa Gloria Godioli Psicologo a Pavia

31 Risposte

13 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 GEN 2016

Buongiorno Sara,
anche il suo fidanzato avrebbe bisogno di iniziare un percorso di psicoterapia per elaborare questo evento traumatico. Lei non può essere la persona indicata per poter essergli di supporto visto che anche lei ha iniziato un percorso di cura.
Un caro saluto

dott.ssa Miolì Chiung
Studio di Psicologia Salem
Milano

Anonimo-125892 Psicologo a Milano

220 Risposte

912 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Trauma psicologico

Vedere più psicologi specializzati in Trauma psicologico

Altre domande su Trauma psicologico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 21700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16200

psicologi

domande 21700

domande

Risposte 82200

Risposte