Ho paura di non amare piu il mio ragazzo

Inviata da Concy · 10 ott 2016 Autorealizzazione e orientamiento personale

Ciao, sono fidanzata da quasi cinque anni con un uomo meraviglioso, io avevo 15 anni quando l'ho conosciuto e lui 28. L'ho amato dal primo momento nonostante abbiamo avuto moltissimi problemi nella nostra storia per il primi tre anni, in questi ultimi due anni va tutto a gonfie vele, lui ha trovato lavoro abbiamo progettato una casa e a gennaio dovremmo iniziare i lavori per il restauro.. Ma da circa due settimane il mio cervello é in tilt. Mi sembra di non amarlo più a causa di un ragazzo che è sposato e che mi ha sempre attratto fisicamente, il problema è che sentimentalmente non provo nulla per questo ragazzo mi affascina solo l'estetica nonostante il mio ragazzo è bello molto più di lui, non so perché ma sto impazzendo a volte cerco di passeggiare nei posti dove potrei vederlo e lui ogni giorno consuma la strada dove lavoro e si fissa a guardarmi, io non potrei mai stare con un uomo sposato e con un bambino perché al pensiero che potrebbero farmi lo stesso mi si gela il cuore, ma questa cosa mi ha portato a non riuscire più a toccare il mio ragazzo anche se siamo molto vicini.. io ho sempre amato il mio ragazzo e mi viene da piangere perché non riesco a spiegarmi più cosa mi succede, ho sempre desiderato una famiglia con lui un figlio, ma putroppo adesso mi sento come se stessi cambiando, cado spesso in stati di crIsi profonda e lui mi aiuta molto, ma su questo non posso rivolgermi a lui non posso fargli così male.. mi aiutate per favore mi sembra di impazzire

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 12 OTT 2016

Cara Concy,
credo che l'attrazione per questo secondo ragazzo che ti ha mandato in tilt non è altro che l'espressione della paura al pensiero di un impegno importante come il matrimonio, impegno che si sta avvicinando ma che non sei ancora pronta ad assumerti.
Data la tua giovane età, ti suggerisco di prendere tempo dicendo semplicemente al tuo fidanzato che sei in ansia e spaventata per questa cosa e non vuoi affrettare i tempi.
In fondo non hai colpa per tutto ciò ed hai anche diritto a non essere pressata e forzata.
Tuttavia, onde non fare passi falsi ed avere la possibilità di un sostegno e di una guida competente in questa improvvisa crisi che è intervenuta, ti suggerisco un percorso di psicoterapia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7088 Risposte

20219 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 OTT 2016

Cara Concy,
se lei ed il suo ragazzo vi siete messi insieme che lei aveva quindici anni ed il vostro rapporto dura da cinque, immagino che ora ne abbia venti.
Molte sue coetanee alla sua stessa età non stanno progettando casa per andare a convivere, molte non hanno nemmeno mai avuto una storia così lunga e seria alle spalle, ma vivono nuove esperienze amorose ed affettive.
Credo che sia una caratteristica di tutti gli esseri umani, anche se sono in coppia, di poter buttare l'occhio ogni tanto all'esterno, senza per questo dover passare all'azione. Non deve pertanto sentirsi in colpa ed arrivare a cessare il contatto con il suo fidanzato, in fin dei conti non ha fatto nulla di male, tutti abbiamo fantasie e voglia di attenzioni, a maggior ragione a vent'anni.
Credo però anche non debba sottovalutare il fatto che alla sua età è possibile che si desideri provare nuove sensazioni e che effettivamente, in questo momento, sta vivendo una relazione che le sta chiedendo a venti anni di prendere decisioni importanti, come mettere su casa. Forse non è ancora pronta e lo sta esprimendo in questo modo, forse avrebbe bisogno di rallentare il coinvolgimento per vedere se è davvero quello che vuole adesso. Credo che se il suo fidanzato la sta aiutando ora, sarebbe in grado di comprendere che ha bisogno di più tempo, forse qualche anno, per fare un salto di questo tipo. Magari inizialmente potrebbe andare lui a vivere da solo e lei lo potrebbe andare a trovare e vedere come si sente in quei panni.
Cerchi di non incolparsi troppo, ma anche di non scappare immediatamente, se fino all'altro giorno è andata a gonfie vele, c'è un motivo per cui si sente così. A volte non è necessario prendere direzioni drastiche sia in un senso che in un altro, quando parlandone si possono trovare soluzioni più appaganti.

Saluti,
Sara Moruzzi.

Dott.ssa Moruzzi Sara Psicologo a Parma

21 Risposte

29 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Autorealizzazione e orientamiento personale

Vedere più psicologi specializzati in Autorealizzazione e orientamiento personale

Altre domande su Autorealizzazione e orientamiento personale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24200 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24200

domande

Risposte 86900

Risposte