Ho paura di cadere in una crisi

Inviata da Elisabetta · 10 giu 2020 Autorealizzazione e orientamiento personale

Salve, sono una ragazza di quasi 24 anni e sento di non riuscire a prendere in meno la situazione della mia vita, del mio futuro.
Sono una studentessa universitaria ma vivo ancora con i miei genitori e questa cosa a me fa stare male. Mi piacerebbe essere indipendente, avere più responsabilità, avere un lavoro che mi permetta di guadagnare e poter iniziare questa esperienza. Ci sono giorni dove sento proprio di stare male,dove vorrei solo poter parlare con un'amica ma non ne ho. Non ho amici con cui uscire la sera, con cui poter distrarmi. Alla mia età certe volte mi sento una fallita, e tristemente devo dire che tutto questo mi ha portato ad avere ansia e non dormire la notte al punto tale di dover ricorrere a medicinali per dormire. Trascorro tutti i giorni a casa, ed a volte mi sento talmente giù di morale che ho solo voglia di piangere perchè guardo la mia vita e mi rendo conto che ad oggi non ho nulla di realistico in mano,la vedo vuota. Ad oggi ho paura di essere sopraffatta da questi pensieri, di cadere in questo vortice. Ho cercato sempre di capirmi, di leggermi ma ad oggi ho tanti progetti ma ho paura di non portarli al termine, paura che della mia vita non concluderò nulla.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 17 GIU 2020

Cara Elisabetta, non so quanto questo la possa consolare ma le assicuro che, secondo la mia esperienza professionale, lei è in buona compagnia; diversi suoi coetanei infatti vivono le sue stesse inquietudini. D'altro canto la sua età rappresenta un momento evolutivo non facile, caratterizzato da importanti cambiamenti e da contrapposizioni: da un lato la voglia di autonomia e di conquista di un ruolo sociale e dall'altra le difficoltà oggettive e il tempo necessario per raggiungere passo dopo passo i propri obiettivi. Le forze da mettere in campo sono tante per impostare il proprio futuro e può capitare perciò di sentirsi sopraffatti dalla fatica e dalle avversità. Lei in questo momento sta frequentando l'università e questo è già un primo passo nella direzione dei suoi progetti futuri ma, da quanto scrive, il suo senso di malessere le toglie l'energia necessaria per continuare con fiducia il suo percorso. Si faccia aiutare da un esperto che la sostenga e che la aiuti a ritrovare le risorse interne che sicuramente possiede ma che, in questo momento di difficoltà, fatica a vedere. Con gli auguri più belli.
Dott.ssa Loredana Volpi

Dott.ssa Loredana Volpi Psicologo a Bergamo

9 Risposte

6 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 GIU 2020

Cara Elisabetta. Lei descrive una condizione esistenziale che permea (a mio avviso) una buona fetta della odierna gioventù. Mi riferisco alla incertezza lavorativa ed alla dipendenza economica. In più, però, aggiunge la descrizione di un umore depresso e ansioso che può trovare radici ben più profonde ed antiche. Non tutti i giovani nelle sue condizioni si descrivono come dei falliti. Il COVID19 non aiuta. Non è mio compito fornirLe qualche ricetta comportamentale per affrontare aspetti irrisoluti. Mettiamola così: il mondo fa paura nella misura in cui siamo convinti di essere impotenti e fragili. Chi sa da chi e da quando questa convinzione è entrata a far parte del Suo modo di vedere il mondo. Un buon modo di coltivare il dubbio è quello di poter accedere alle proprie Risorse Interiori. Un persorso psicoterapico non guasterebbe. Una ottima alternativa è l'Amicizia, ma questa prevede il rischio di esporsi al rifiuto dell'altro, Un terapeuta, almeno, non rifiuta mai una persona che chiede aiuto. Cordialmente.

Dott. Ivano Ancora Psicologo a Torino

54 Risposte

19 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 GIU 2020

Cara Elisabetta, è normale che alla sua età ad un certo punto ci si chieda quale strada prendere e si possa andare in crisi. Le assicuro che è una condizione di molti suoi coetanei.Probabilmente ora è scoraggiata ed è entrata in un vortice di pessimismo che da un lato la porta a pensare a ciò che lei percepisce come fallimento e dall'altro a pensare di non essere in grado di portare a termine altri progetti. e' come se fosse bloccata, intrappolata tra ciò che è stato e ciò che vorrebbe essere. Deve pensare che se non inizia a "provare" non saprà mai come andrà. Se non riuscisse proprio a "sbloccarsi" si dia un tempo terminato il quale potrà chiedere aiuto ad un collega che magari la aiuterà ad uscire da questa empasse.
Le auguro buona fortuna
Dott.ssa Sara Marcaccio

Dottoressa Sara Marcaccio Psicologo a Fermo

15 Risposte

16 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 GIU 2020

Salve Elisabetta, è normale non essere indipendenti alla sua età mentre si studia! Si passa prima in una semi-indipendenza, un periodo che può durare anni in cui inizia la sua crescita, passo dopo passo, verso l'indipendenza! Per quanto riguarda il suo malessere nella relazioni interpersonali ci sono tante domande da farsi innanzitutto: da quanto tempo non ha amiche? È successo qualcosa negli ultimi mesi che la fa stare a disagio a casa o anche fuori? È un quadro vago, bisogna cercare di mettere in ordine le emozioni che prova ed è importante darne un senso! Sicuramente sotto a queste difficoltà ci sono dei conflitti che dovrà risolvere! Meglio ora che dopo... è molto giovane e ha tutta la vita per capirsi, accettarsi e migliorarsi! Saluti da Roma, Dott.ssa Melis Deborah

Studio Dott.ssa Deborah Melis Psicologo a Roma

20 Risposte

5 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 GIU 2020

Gentile Elisabetta,
a volte ci sono delle fasi di vita in cui ci si sente soli e senza via d'uscita, è difficile vedere la luce in fondo al tunnel; è proprio in questi momenti che è necessario richiedere un sostegno psicologico, il solo intervento farmacologico non è sufficiente.
E' altresì opportuno intervenire su questi pensieri limitanti e svalutanti creando uno sguardo costruttivo e potenziante sulla propria persona. Compia un atto di coraggio e inizi a prendersi cura di se!
Cari saluti
dr.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2641 Risposte

2197 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 GIU 2020

Gentile Elisabetta,
Mi semra che ci siano due parti di sé: una che ha voglia di realizzarsi, lavorare, essere indipendente e creare relazioni, un'altra che invece non ha fiducia che questi desideri possano realizzarsi. Di solito i blocchi soni legati a una visione di sé negativa come, ad esempio, non sentirsi in grado, non sentirsi all'altezza, non sentirsi di valore...
Le suggerisco di rivolgersi a un professionista per lavorare su queste paure che ha e su questi ostacoli che la bloccano.
Un caro saluto, Luisa Fossati

Dott.ssa Luisa Fossati Psicologo a Firenze

369 Risposte

426 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 GIU 2020

Buongiorno Elisabetta,
è bene che lei inizi a pensare al suo benessere. Dalle sua parole mi pare molto demoralizzata, ma solo lei può svoltare questa situazione volendosi bene e prendendosi in cura. Il mio consiglio è quello di intraprendere un percorso psicologico per capire come iniziare a muoversi per realizzare i suoi desideri. Con l'aiuto di un professionista potrà lavorare sulla sua storia e parlare dei suoi pensieri e delle sue preoccupazioni. Non si scoraggi, è molto giovane ed ha tutto il tempo per lavorare su di sé e per poter cambiare quello che non le piace della sua vita.
Rimango a disposizione.

Un cordiale saluto.
Dott. G. Gramaglia

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

471 Risposte

198 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 GIU 2020

Buongiorno Elisabetta,
mi sembra viva un disagio interiore (paure, ansie, insonnia, crollo emotivo ) e un isolamento sociale. Credo l’aiuterebbe un consulto psicologico per considerare i suoi vissuti, il vuoto e la progressiva sopraffazione di pensieri negativi. Conoscersi attraverso l’aiuto di una persona/professionista l’aiuterà a vedere, leggere...
Dr.ssa Elisabetta Ciaccia

Dott.ssa Elisabetta Ciaccia studio di psicologia Psicologo a Milano

416 Risposte

121 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 GIU 2020

Gentile Elisabetta,
se le preme il lavoro, potrebbe valutare se e come organizzarsi per cercarsi un iniziale lavoro part-time per poterlo coniugare con lo studio, o un part-time verticale (solo alcuni giorni della settimana a tempo pieno, come i week-end), nei periodi diversi dalle sessioni d'esame.
Per la questione amicizia, anche qui potrebbe porsi come obiettivo il cercarsi nuove amicizie gradualmente, e implementare le proprie abilità sociali, che per tutti sono sempre suscettibili di essere migliorate.
Potrebbe esserle utile fare qualche colloquio con un esperto, che la supporti e la aiuti a sfruttare al meglio le sue risorse personali.
Le faccio tanti auguri per i suoi progetti di crescita personale.
dott. Giovanni Iacoviello

Dott. Giovanni Iacoviello Psicologo a Bergamo

38 Risposte

29 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Autorealizzazione e orientamiento personale

Vedere più psicologi specializzati in Autorealizzazione e orientamiento personale

Altre domande su Autorealizzazione e orientamiento personale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16550

psicologi

domande 22900

domande

Risposte 84200

Risposte