Ho paura dell'università e non riuscire a parlare

Inviata da Giulia · 25 ago 2016 Autostima

Salve,
scrivo perché non ho nessuno per parlare. Ormai ho 20 anni, a settembre ricomincio l'università e ho tanta paura. Sono sola, ho due 'amiche' che vedo poco e a scuola nessuna amica. Il primo anno è stato veramente difficile: è morta mia nonna, ho avuto problemi in famiglia, i miei genitori che criticano sempre tutto. In più mi ero innamorata di un compagno di corso e, per imbarazzo, ero impacciata e non sapevo cosa fare. Mi ero anche stupita di me, insomma ero riuscita ad entrare in un gruppo e stare per un po' con delle persone. Questo ragazzo è gentile e parla tanto. io non parlavo mai con nessuno, e mi sono anche allontanata. Ora ho paura di ricominciare: prendere il treno da sola con quello che sento per tv (attentati ecc..) non mi fa dormire.. e poi ho tanta paura di rimanere sola. Magari queste sono solo paure ma per me sono grandi. A casa i miei genitori non fanno altro che criticare spesso gli altri, a volte cerco di fregarmene ma magari alle mie spalle parlano male anche di me. Io non so come fare. Solo nella mia stanza mi sento abbastanza tranquilla. Insomma mi aspetta un altro anno carico e ho sofferto un sacco. Non so come fare per il ragazzo (ora che sono in vacanza mi è un po' passata però quando guardo le sue foto sorrido), penso che non riuscirò a socializzare, a passare gli esami.. le altre persone le vedo 'giuste', io sono quella sbagliata. A me piace fare cose tranquille. Già faccio fatica con lo studio, ho deciso di non lavorare al momento e poi per lo sport nemmeno; farei spendere troppo ai miei...aiutoo

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 25 AGO 2016

Gentile Giulia,
sicuramente le difficoltá nel suo primo anno di universitá non sono mancate, ma accanto alle difficoltá ci sono stati anche incontri positivi, come ad esempio l'incontro con questo ragazzo o le chiacchiere con il gruppo all'universitá.
Riguardo allo studio, proceda con i suoi tempi, non occorre fare a gara a chi finisce per primo. Si goda tutto il bello che l'universitá puó offrirle: incontri, amicizie, momenti di lezione, di conoscenza, ma anche di svago.
Se la famiglia non fa altro che criticarla, è proprio passando del tempo fuori casa che riuscirá a vivere meglio, magari venendo a contatto con persone che sapranno incoraggiarla e tirar fuori il meglio di lei. Ancora una volta l'universitá è uno dei luoghi migliori in cui ció avviene.
Riguardo alla paura degli attentati, la vorrei informare del fatto che è piú probabile essere coinvolti in un incidente d'auto o avere problemi alle vie respiratorie mentre mangiamo qualcosa che ci va di traverso, piuttosto che finire coinvolti in un attentato. Inoltre, per ragioni politiche, l'Italia non è nel mirino dei terroristi, a differenza di altri Stati.
Prenda quindi il treno serenamente per andare all'universitá e faccia le cose con i suoi tempi, pensando al buono che l'universitá puó offrirle, cosí i suoi timori si risolveranno.
Se non dovesse riuscire a superare la situazione da sola, tenga presente la possibilitá di rivolgersi a un/a psicologo/a della sua zona.
Le auguro tutto il meglio.

Cordiali saluti,

dott.ssa Elisa Canossa, psicologa psicoterapeuta, Sustinente (Mantova)

Dott.ssa Elisa Canossa - Studio di psicologia e psicoterapia Psicologo a Sustinente

726 Risposte

2199 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 AGO 2016

Giulia, comprendo e mi dispiace per le emozioni che provi, tristezza, paure degli altrii e forse rabbia verso te stessa.
Purtroppo è il risultato di una infanzia fatta di critiche e poco (forse niente) amore.
Giusto per una tua curiosità, ti invito a cercare "Disturbo evitante di Personalità (è un importante problema di carattere), e controllare quanto ti ci riconosci.
Per quanto riguarda l'essere sola, tu appartieni ad una categoria che distingue bene tra amicizie e conoscenze, e che tende a socializzare solo con chi vede una similitudine o una vicinanza affettiva, non basta sapere giusto il nome, e questo non è un problema, anzi, un punto di merito.
Purtroppo spesso il tuo comportamento (evitare gli sguardi, parlare e sorridere poco), conseguenza inevitabile della tua infanzia e delle conseguenti tue convinzioni sottostanti (essere inadeguata,incapace,inferiore), non aiutano nelle relazioni umane.
Ti occorrerebbe una psicoterapia, fatta da uno psicologo-psicoterapeuta o medico-psicoterapeuta, ma ovviamente la cosa costa.
Potresti provare a chiedere assistenza presso il Centro di Salute Mentale piu' vicino a te dove, essendo pubblico, effettuano anche psicoterapia gratis.
Sappi, primo, che di persone come te ce ne sono tante e, secondo, che molte che tu vedi "speciali e superiori" e che sembrano felici e sorridenti, di scheletri nell'armadio ne hanno molti.

Anonimo-157342 Psicologo a Montebelluna

554 Risposte

416 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 AGO 2016

Gentile Giulia,
hai problemi di insicurezza e bassa autostima ma se vuoi risolvere questi problemi devi decidere di affrontare una per una le situazioni che ti spaventano anzichè evitarle perchè l'evitamento non farà altro che rafforzare le paure stesse.
Anche se questo primo anno di Università è stato difficile, qualcosa di positivo è pure accaduto ma tu non lo hai rilevato perchè sei portata al pessimismo.
Il suggerimento è di scegliere di affrontare le situazioni senza farti bloccare dalla paura ma imparando a negoziare con essa e, se ti è possibile, inizia un percorso di psicoterapia che ti sarà senz'altro molto utile nella vita.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7088 Risposte

20219 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 AGO 2016

Cara Giulia
20anni sono una bella età per imparare cose importanti non solo all'università ma, soprattutto, all'università della vita!
Devi cambiare completamente ottica e devi ricominciare a sentire l'entusiasmo di fare esperienze, sia belle che brutte.
Tra le righe del tuo racconto comprendo che cose belle ci sono state anche se tu sembri non vederle o, pelomeno non gli dai importanza!
Quello che più ti blocca è questa paura del giudizio degli altri che ti rende insicura ed inibita.
Ma perché farsi bloccare da pareri esterni a noi?
Perché non fidarsi maggiormente di te stessa?
Questo senso di autonomia interiore devi assolutamente impararlo.
Se da sola non riesci trova un terapeuta che possa aiutarti a recuperare autostima e senso forte di quello che sei!
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta.

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7010 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 AGO 2016


Cara Giulia
Si percepisce la fatica che sente! È la paura che la accompagna. Di fronte alla paura e alla percezione di pericolo pensiamo di proteggersi evitando, allontanandoci dal pericolo. Ma quando il pericolo è emotivo ( paura di non andare bene, non essere all'altezza, essere sbagliati e quindi rimanere soli) l'evitamento ( non mostrarsi, non parlare, isolarsi) fa sì che queste convinzioni si mantengano.
Nonostante le difficoltà e la grande fatica del primo anno lei è riuscita ad entrare in contatto con altri, ad entrare in un gruppo, a provare simpatia per qualcuno! Non era sola.
Paura e coraggio sono intimamente legate. Non si può essere coraggiosi se non si prova paura. Abbia coraggio, allora. E si sperimenti. È capace ed in grado di fronteggiare gli eventi e gli altri. Anche se fanno paura.
E se da sola farà fatica, chieda aiuto. Si possono affrontare le cose non da soli.
Le auguro un buon cammino!
Dott,ssa Jessica Ferrigno

Dott.ssa Jessica Ferrigno Psicologo a Torino

14 Risposte

26 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Autostima

Vedere più psicologi specializzati in Autostima

Altre domande su Autostima

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24150 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24150

domande

Risposte 86900

Risposte