Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Ho il disturbo borderline?

Inviata da Elisa il 24 nov 2015 Disturbi della personalità

Sono andata per la prima volta da una specialista a 16 anni per problemi di relazioni con le persone..ha sembrato funzionare ma adesso che ne ho 18 sono tornata da lei perché mi sono resa conto che in realtà ho nascosto tutto per non stare male, ma adesso sto avendo una ricaduta. Mi sono imbattuta nei sintomi del disturbo borderline e mi sembrano molto simili a quello che ho io. Vorrei sapere se secondo qualcuno di voi potrebbe essere la mia diagnosi. Sono consapevole che andando già da una psicologa arriverà lei a darmi una diagnosi se necessario, ma io ho bisogno del parere di qualcun altro di esperto. Non vorrei parlare adesso alla mia psicologa del mio sospetto e mi vergogno a chiederle una diagnosi ma ho bisogno di capire se ho solo dei problemi che sono di norma per tutti o c'è un disturbo concreto dietro. Prima di parlare con una psicologa non so se sarei stata in grado di riconoscermi in alcuni dei sintomi, e il fatto che io riesca a farlo è secondo me dovuto all'accettazione e la capacità che ho acquisito grazie a lei di riconoscere i miei comportamenti.

Prendendo da internet i sintomi vi spiego in quali e in quale maniera sento mi rispecchino.
1.sforzi disperati di evitare un reale o immaginario abbandono: questo è per me il principale problema. Durante le prime sedute di anni fa ho capito che questa cosa deriva dal fatto di essermi allontanata anni prima dalle uniche amiche che avevo perché mi sentivo rifiutata da loro, trovandomi quindi in una solitudine che mi ero provocata da sola. A 16 anni quando sono riuscita ad avere di nuovo delle belle amicizie la paura che tutto si ripetesse si è ripresentata. Ho costantemente paura che le persone a cui voglio bene o che amo si allontanino da me per colpa mia, e ho la certezza che succederà. In questo periodo sto vivendo una situazione difficile con il mio ragazzo, il quale è molto giù di morale, forse anche depresso e ha deciso di prendere le distanze da me per riflettere sulla sua vita in solitudine. Nemmeno a dirlo ho avuto una reazione eccessiva. Ho pensato a fare mille cose per fargli cambiare idea, perché è l'unico modo per me per essere felice. Sarei capace di qualsiasi cosa piuttosto di essere abbandonata da lui in certi momenti.

2.un quadro di relazioni interpersonali instabili e intense, caratterizzate dall’alternanza tra gli estremi di iperidealizzazione e svalutazione: non riesco a relazionarmi con nessuno che non conosco. Se devo fare amicizia aspetto che l'altro mi rivolga la parola. Molto spesso sono sospettosa nei riguardi delle nuove persone e mi sento messa sotto una radiografia. Questo molte volte mi porta a non sopportare nemmeno i compiti più semplici della quotidianità, come chiedere informazioni o parlare con un commesso. So di essere giovane, ma nonostante tutti i ragazzi della mia età siano capaci di uscire con qualcuno, quella con il mio ragazzo (ex diciamo) è stata la più lunga e vera. Prima uscivo con qualcuno una settimana poi al primo difetto che percepivo preferivo chiudere, cambiavo immediatamente idea. Da un ragazzo carino e simpatico poteva ribaltarsi in uno schiocco di dita in una persona disgustosa, finendo poi con non uscire più con nessun ragazzo e classificare direttamente i tipi di persone da "accettabile" a "mai e poi mai ci parlerò" semplicemente dopo una conversazione o averlo sentito parlare.

3. alterazione dell’identità: immagine di sé e percezione di sé marcatamente e persistentemente instabili: come ho detto per il sintomo precedente, per me non esiste mai una via di mezzo. Ci sono giorni o addirittura solamente alcune ore in cui mi sento invincibile, determinata, bella, sicura e capace di essere all'altezza di ogni situazione. Basta un minimo elemento a fare cambiare la mia percezione di me stessa, che è poi quella che prevale di solito, cioè di essere insignificante, di non essere abbastanza per nessuno, di sbagliare qualsiasi cosa, che nessuno mi vuole come amica, che sono pazza e che nessuno mi capirà mai e tutti continueranno a definirmi strana.

4.impulsività in almeno due aree che sono potenzialmente dannose per il soggetto (quali spendere oltre misura, sessualità promiscua, abuso di sostanze, guida spericolata, abbuffate etc.): questo è il sintomo che meno mi rispecchia. Mi posso definire soggetta a impulsività verso abuso di alcol, droga, sigarette e anche guida spericolata a volte, quando sono nei miei momenti di malumore, ma non sono cose esagerate e persistenti in lunghi periodi.

5.ricorrenti minacce, gesti, comportamenti suicidari o comportamento automutilante: fin dagli inizi dei miei problemi i comportamenti con cui mi sono fatta del male sono stati soprattutto provocarmi il vomito e graffiarmi fino a scorticarmi le braccia con le unghie. Nel caso di entrambi sono dovuti alla forte sofferenza che provo e non so perché farmi del male fisicamente è come se temporaneamente mi facesse soffrire di meno, come se mi potessi liberare. Riguardo al vomito quando sto male è come se sentissi una roccia che mi preme lo stomaco e mi viene da vomitare e quindi l'unica maniera che mi può aiutare è vomitare. Penso quasi tutti i giorni a come sarebbe morire. Se penso ad una morte accidentale o per malattia sto male, penso di essere ancora giovane. Ma quando penso al suicidio penso a come starebbero gli altri e sono certa che starebbero bene lo stesso e a volte penso che piuttosto di vivere con una personalità come la mia potrei anche ammazzarmi e arrivo a pensare anche al modo in cui lo potrei fare che di solito è legato a ingerire tutti i medicinali che trovo per casa, cosa che una volta sono quasi arrivata a fare.

6.instabilità affettiva dovuta a una marcata reattività dell’umore (es. episodica intensa disforia o irritabilità e ansia, che di solito durano poche ore e, soltanto più raramente più di pochi giorni): ho moltissimi e sbalzi di umore, basta una minima cosa per farmi deprimere al punto di piangere o farmi infuriare, il tutto alternato a una fase tranquilla o addirittura euforica. Molte volte ho pensato di essere bipolare ma essendo i miei cambiamenti di umore più brevi anche se ugualmente intensi mi sono molto riconosciuta in questo sintomo quando l'ho letto. Sono consapevole di questo mio umore instabile solo perché me lo hanno fatto notare gli altri. Molte volte mi sono infuriata o sono rimasta male per delle sciocchezze tanto che gli altri non sapevano perché stessi reagendo così, dicendomi che sono esagerata e che quando qualcuno mi conosce bene sta molto attento a come si confronta con me per la paura di come potrei reagire. Per questo quando poi mi calmo mi sento molto in colpa per aver messo l'altra persona in questa situazione di disagio a causa della mia reazione, o che a causa di questa nessuno mi vorrà più come amica.

7.sentimenti cronici di vuoto: sentirmi vuota è una sensazione che riscontro spesso, ma è molto difficile da spiegare.. a volte pare sia legato all'insoddisfazione, altre volte alla solitudine altre ancora non so proprio perché.

8.rabbia immotivata ed intensa o difficoltà a controllare la rabbia (es. frequenti accessi di ira o rabbia costante, ricorrenti scontri fisici etc.): questo sintomo penso di averlo già esposto nel punto 6. è una cosa che mi rimproverano tutti, dagli amici, ai professori e i miei genitori. Basta una piccola accusa o un leggero tono di voce alterato a farmi scattare e farmi perdere le staffe diventando aggressiva, più che altro verbalmente. A volte semplicemente mi sveglio la mattina e sono già infuriata con tutto e tutti e niente va bene.

9.ideazione paranoide o gravi sintomi dissociativi transitori, legati allo stress: mi dispiace ma di questo sintomo non colgo il significato..

spero possiate darmi delle delucidazioni a riguardo,
grazie dell'attenzione

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Cara Elisa
comprendo bene la tua voglia di sapere e di conoscere cosa sono le "cose" che provi però devi trovare un argine a questa voglia di conoscenza, altrimenti non ne esci più fuori. Sì perché vedi poi entra in gioco la suggestione e ci si identifica in quello che si legge.
Tu hai una psicoterapeuta che ti segue e il suo parere è quello che deve bastarti a comprendere e, non tanto in che categoria catalogarti, ma a comprendere come sei e come raggiungere un equilibrio relazionale e comportamentale.
Quindi ti consiglio di lasciare perdere la navigazione su internet alla ricerca di questi temi. Piuttosto concentrati sui tuoi interessi e sulle cose che ti piacciono.
Sai che pure noi psicologi quando studiavamo psicopatologia credevamo di avere tutti i disturbi e le patologie che stavamo studiando? :-)
Spero averti fatto sorridere un poco.
Un caro saluto Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6783 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Elisa,
cosa ti cambia sapere se hai il disturbo borderline o un altro disturbo di personalità?
La diagnosi è spesso solo una etichetta usata convenzionalmente per definire la prevalenza di certi sintomi in un particolare quadro clinico.
Quello che veramente conta è il prendere in carico il paziente e mettere in atto tutti gli interventi terapeutici per eliminare o almeno ridurre la sua sofferenza.
Non ci dai informazioni sull'esperienza terapeutica di due anni fa ma hai fatto molto bene a tornare in terapia e la raccomandazione che ti faccio è di non interrompere prematuramente il trattamento giacchè questo percorso non è semplice ma è l'unico possibile per ottenere miglioramenti stabili.
La tua consapevolezza,comunque, è un buon punto di partenza.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6680 Risposte

18719 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Elisa,
io ti consiglierei di non affidarti alle diagnosi fai da te e poi da internet. Non hai necessità di sapere se hai un disturbo borderline o altri disturbi. Parla apertamente con la tua psicologa e dille tutto quello che ti affligge. Hai 18 anni e hai ancora una lunga strada di cose belle da sperimentare. Vivi le relazioni con tranquillità, sii te stessa e non focalizzarti sulle tue debolezze ma sui puoi punti di forza.

Dr.ssa Sonia Rossetti.

Dr.ssa Sonia Rossetti Psicologo a Lizzano

73 Risposte

238 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Elisa, hai detto tu stessa che senza il lavoro fatto insieme alla tua psicologa non saresti forse stata in grado di descriverti come hai fatto, allora io credo che la cosa più opportuna da fare in questo momento sia quella di affrontare con lei questo argomento che ti sta molto a cuore. Non temere, ti saprà accogliere come ha fatto finora.
cordiali saluti
Claudia Vian

Dott.ssa Claudia Vian Psicologo a Mirano

49 Risposte

50 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Disturbi della personalità

Vedere più psicologi specializzati in Disturbi della personalità

Altre domande su Disturbi della personalità

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15700

psicologi

domande 19850

domande

Risposte 79250

Risposte