Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Ho dovuto lasciare la mia fidanzata

Inviata da davitav92 · 1 apr 2020 Terapia di coppia

Buonasera mi chiamo Davide e ho 28 anni, e per l’ennesima volta ho fallito ancora in amore.
Ho avuto molte storie e tutte sono finite bene o male allo stesso modo.
Ho visto piangere tutte le donne con cui sono stato, e non c’è dolore più grande per me che vedere la propria donna piangere.
Ho sempre cercato di trovare l’amore vero quello che mi stravolgesse la vita, quello che mi farebbe urlare di gioia, ma ho solo trovato casini o false illusioni.
Ho chiuso con l’ultima ragazza con cui sono stato proprio oggi, ho dovuto farlo..
Non potevo andare avanti e far finta di niente, era 1 anno che stavamo insieme, non ho mai tradito e non ho mai pensato di farlo.
Convivevamo (a casa sua) da circa 6 mesi, all inizio ero contento mi trovavo bene ero felice, però poi appena ho riscontrato che venivano a mancare i miei spazi, mi sentivo soffocare, lei era troppo opprimente..
Vedevo meno gli amici, dovevo tornare subito a casa da lavoro non potevo farmi i cavoli miei al computer perché dovevo stare con lei in casa (ecc)
Poi in quanto ad attrazione, a me non andava molto di fare L amore a volte, ma non perché era brutta o perché non mi piacesse, ma per il semplice fatto che mancava quella cosa in più .
Mi capitava con altre ragazze di mettermi nel letto e solo con un bacio di avere in erezione, mentre con lei invece vedevo proprio che bisognava lavorarci su...
Lei mi ama e lo so, mi ha detto che vorrebbe passare la vita con me fare dei figli ecc...
Io in cuor mio ormai mi ero fissato in testa che ero dentro ad una relazione che era destinata a finire, mi ha chiesto un ultima possibilità ma io non riuscivo neanche a pensare di mettermi nel letto abbracciato con lei, e poi non avrei dovuto dare alcuna possibilità dato che il problema sono io.
Le ho detto che sarei tornato a casa mia e che magari se non ci vedessimo per un po’ le cose si aggiusteranno.
Ma io so già che non è così, perché non è quello che voglio, il mio è stato solo un prendere tempo... perché non ho gli attributi di sbattergli tutto in faccia, ovviamente non sa che sessualmente parlando mi sento poco attratto da lei, è una persona fragile e non mi va di ferirla, anche se L ho già ferita abbastanza.
Lei ha ammesso le sue colpe e mi ha detto che cambierà, ma io non la amo e non mi vedo con lei in un futuro.
Sono uscito dalla porta di casa , e vederla piangere sdraiata sul divano mi ha spezzato il cuore, ho chiuso la porta e mi precipitai giù ma alla prima rampa di scale mi sono fermato, sentivo le sue urla e i suoi pianti rimbombare sui muri.
Avrei voluto tanto correre da lei abbracciarla e stringerla forte, ma a cosa sarebbe servito ?
Io ora ovviamente mi sento una merda e penso solo che sono soltanto capace di rovinare tutto, e che non troverò mai la persona giusta.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 2 APR 2020

Buongiorno Davide,

mi colpisce molto la sua frase " tutte le storie sono finite allo stesso modo", probabilmente utilizza un comportamento, pensiero disfunzionale che accomuna le relazioni. Sarebbe utile , al fine di stare meglio ed avere relazioni sane, di comprendere il meccanismo e l'origine.
Le consiglio di intraprendere un percorso psicologico, online o da un professionista della sua zona.
Resto a disposizione per eventuali chiarimenti, se vuole mi può contattare
Cordiali saluti
Dott.ssa Alice Noseda

Dott.ssa Alice Noseda Psicologo a Lecco

1649 Risposte

1170 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 APR 2020

Caro Davide è molto toccante l'ultima parte in cui scrivi di averla sentita piangere ma esserti fermato e non essere tornato da lei. Leggendoti ho percepito il tuo reale dispiacere. Non sei una persona capace di rovinare tutto, bensì sei riuscito a fermarti e comprendere ciò che volevi per te e ciò che non ti faceva stare bene. Non è semplice trovare una persona che sia in grado di amarci che noi possiamo amare. L'amore è un sentimento che oltre ad essere sentito nel profondo, al di là dell'attrazione sessuale, deve essere coltivato e curato nel tempo. Uso sempre un esempio con le persone che seguo in terapia, quella dei due cerchi che si incontrano. La coppia è come due cerchi che si incontrano, al centro condividono una parte, ma il resto rappresenta l'individualità del singolo. La persona che sceglierai al tuo fianco dovrà completarti e non ostacolarti.
Ti auguro di vivere questa scelta.
Dott.ssa Ortensia Posa

Dott.ssa Ortensia Posa Psicologo a Chieti Scalo

16 Risposte

18 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 21700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16200

psicologi

domande 21700

domande

Risposte 82150

Risposte