Ho dei problemi riguardo il sesso in sè, non riesco a vivere pacificamente

Inviata da vanebarb · 18 mar 2021

Ciao a tutti,
sono una ragazza di 20 anni con molti dubbi e un grande bisogno di aiuto...
Sono da poco fidanzata con un ragazzo, da tre di mesi, io e lui ci conosciamo da più tempo perché era un mio amico, a me piace molto e abbiamo sempre vissuto questa storia in modo un po’ platonico. Io mi sono sempre definita eterosessuale, ma ho sempre avuto dei problemi riguardo il sesso. Le mie amiche già a sedici/diciassette anni avevano voglia di sperimentare e fare esperienze, io sono sempre stata quella più paurosa del gruppo, mi vergognavo continuamente. Mi sentivo in qualche modo “sporca dentro”. Quando sono con lui, soli, in un momento intimo e travolta dalla passione, mi blocco quando andiamo un po’ oltre al bacio. Divento completamente rossa in viso, divento impacciata e finisco con l’abbracciarlo e non far nulla. Lui un po’ mi pressa, mi dice che gli manca quel lato sessuale che non abbiamo mai avuto. Io non ho mai avuto esperienze di alcun tipo, mi vergogno, mi fa ribrezzo solo al pensiero dell’atto in sè, mi blocco ogni volta che andiamo un po’ oltre. Non ho avuto traumi di alcun tipo, con lui (e con gli altri ragazzi precedenti, alcune cotte adolescenziali) provo solo un “amore affettivo”, è come se avessi paura di spingermi oltre. Non capisco se può dipendere da una forma di asessualità o semplicemente è ancora troppo presto e pian piano mi scioglierò con lui.
Molte volte mi sento unica, ed incompresa.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 19 MAR 2021

Buongiorno Vane,
Dipende da quale significato dà all'atto sessuale. Mi sembra che la fa sentire sporca come se chi facesse sesso, è una persona cattiva? In famiglia chi è rigido? e chi si lascia andare ai piaceri?
Dall'altro lato è insieme a questa persona da soli tre mesi, quindi è probabile che ci vuole più tempo per potersi fidare e affidare e quindi concedersi. Se vuole aspettare, ne ha tutto il diritto. Ascoltarsi non è mai un male!
Tuttavia, se questo persiste e le causa disagio, le consiglio un percorso psicologico per avere maggiore consapevolezza di sé.
Dott.ssa Antonella Bascià
-Ricevo Online e in studio a Milano, Sesto S. Giovanni-

Dott.ssa Antonella Bascià Psicologo a Milano

122 Risposte

84 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18350

psicologi

domande 29050

domande

Risposte 99300

Risposte