Ho dedotto bene cio' che era giusto per me?

Inviata da Joon il 15 ott 2012 5 Risposte  · Violenza sessuale

Salve... quando ero piccola non ho avuto una bella infanzia.. stavo sempre sul letto a masturbarmi dicendomi che non mi voleva bene nessuno ( menomale che esiste la masturbazione, al di là delle idee sul pudore).. quando avevo 7 anni o 8.. un pedofilo è diventato amico dei miei genitori, mio e poi ha incominciato ad abusare di me ( non ricordo se mi ha anche penetrata fatto sta che ho fatto una visita e non ero vergine già ai 16 anni, prima che avessi mie esperienze.. lo dico perchè da piccola tutti mi dicevano che alla fine non era successo nulla dato che non ricordavo anche questo. Quello che ricordo è comunque schifoso) .. sono cresciuta e sono diventata piu' forte... ora mi è successa una cosa bella ma che mi ha fatto riflettere: ho conosciuto un ragazzo carino che mi ha fermato per strada per conoscermi.. eravamo entrambi in vacanza quindi la nostra storia è durata 2 giorni.. abbiamo anche fatto l'amore e lui era dolcissimo e generoso in tutti i sensi.. :) io strafelice! Nonostante sembrava che appartenessimo a due mondi diversi (mentalmente) ero felice.. le sue attenzioni mi riempivano.. e mi stavo convincendo è lui l' uomo della mia vita' ..lui è tornato in Marocco ed io in Italia. Abbiamo continuato a sentirci.. io scrivevo di piu' ( per mostrargli che non volevo perderlo dato che di presenza era lui quello piu' presente) e lui risponde.. contatta.. mentalmente non mi ha preso molto.. ma .. fosse stato sempre dolce avrei anche sopportato un po' l assenza via scriptum.. gli accennavo al fatto che sarei voluta andare a trovarlo... lui sempre piu' assente... scriveva poco, di solito come risposta ( un giorno gli ho fatto una specie di scenata di gelosia e lui mi ha chiamato e richiamato dicendomi di stare tranquilla.. allorchè, ero felice ho pensato: siamo entrambi pazzi ed innamorati dell' 'amore', perfetto!).. niente, sempre molto piu' assente di me.. io gli scrivo e lui dopo 5 giorni risponde con 2 righe. (ahaha) .Gli dico di volere andare a trovarlo in Marocco. Lui mi dice che è felice, dice 'sisisi, vieni il prima possibile'. Ma alla fin fine era sempre assente via scritto ( gliel ho sempre detto che vorrei che mi scrivesse di piu', che lo sento lontano). Ottobre (a fine mese gli avevo detto che sarei andato a trovarlo): Mi manda un messaggio un giorno, senza nemmeno aver risposto alla pagina ricca di emozioni che gli avevo scritto e mi dice: 'quando vieni, perchè a Novembre devo studiare sono troppo impegnato...' io che sto cambiando città, ho pochi soldi, dovrei andare a lavorare per pagarmi il biglietto che adesso costa decisamente 'tanto' per me... ho pensato 'non ci vado'. e da un lato ho paura di perderlo e dall' altro mi sento meglio.. secondo me uno cosi' mi ha preso sottogamba, ed avrà capito che siamo mentalmente distanti. che ne dite? l' interesse cosi' si dimostra? dall' altro lato.. lo sto perdendo? lui li ha fatti 300 metri per venirmi a conoscere.. io 300 km non li posso fare? (ahah) Inoltre, il problema del sesso.. io con lui devo scopare? E' stato bellissimo in quei 2 giorni( solo una volta siamo stati insieme causa mia), ma ora che manco mi cerca, che senso ha? ( quando eravamo in vacanza effettivamente mi aveva detto che ci saremmo sentiti non sempre al chè, ricordo, io feci una faccia... e lui mi disse, 'va bene, ogni giorno..' il tutto ornato di baci, carezze, abbracci ... tanti e continui, ai limiti della realtà :)... Mi sembra che la realtà sia apparente

amore

Miglior risposta

Ciao, scrivi tante cose in questa lettera, una infanzia faticosa, la pedofilia, ricordi dolorosi, un nuovo incontro...un mix di eventi duri. Racconti di una nuova relazione che caratterizzi con lucidità, come mostrano alcune frasi "lui sempre molto piu' assente di me.. lui risponde con 2 righe.." e soprattutto caratterizzi con cinismo " (ahaha)", dove mi sembra che ti stai dicendo "questo non va affatto" e chiedi conferma a noi, di qualcosa di doloroso che stai vivendo tu. Sai fare una autocritica serrata, che non ti lascia scampo. In fondo hai già deciso cosa è bene per te, ti fa male, vorresti che le cose fossero andate in modo diverso, ma penso che tu stia ascoltando quello che provi.
E' preziosa questa tua capacità di leggerti dentro, di ascoltarti, non lasciarla dissolvere.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Grazie a tutti, effettivamente non è chiaro cosa chiedessi... il mio dubbio è questo: non sono sicura della scelta che ho preso, poichè ho paura di perdere questo ragazzo, che, chissà, potrebbe rivelarsi qualcosa di importante.. !!? Ho sempre avuto paura di prendere decisioni che comportassero l' allontanarmi da possibili figure 'punti di riferimento' .. inoltre spesso mi è capitato di stare fisicamente con ragazzi solo per non deluderli e tutto cio' mi ha fatto male... mi chiedo dunque se sia giusto quello che sto deducendo e cioè che devo pensare esclusivamente a me in base a cio' che provo, se pur cercando di non essere avventata.. Ci sono 'esercizi' che sviluppino la sicurezza (per carità vorrei essere capace di affrontare le situazioni in modo completo, cercando di non dare giudizi avventati)nel prendere decisioni? GRAZIE A TUTTI PER LE RISPOSTE CHE MI AVETE DATO!!!

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

17 OTT 2012

Joon

Buongiorno Joon. La sua mail è lunga e particolareggiata per quanto riguarda la relazione con quest'uomo, ma è ugualmente complesso comprendere cosa sta effettivamente chiedendo: una conferma alla bontà della sua scelta, una conferma all'idea che la realtà è solo apparente e che il mondo è "brutto". Credo che avere iniziato il messaggio con l'evento dell'abuso, ma soprattutto della confusione nel ricordare cosa sia effettivamente accaduto, seppure presente lo schifo e il dolore, ponga l'origine della sua confusione attuale proprio in quell'evento delicato nel quale sembra essersi sentita lasciata sola. Sarebbe importante che oggi lei potesse riprendere in mano la sua vita in un percorso terapeutico e analitico per poter vedere con maggiore chiarezza gli eventi e le decisioni di oggi.
Cordialmente.
Elisabetta dr.ssa Romanò

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

17 OTT 2012

Logo Centro Di Psicoterapia Dr.ssa Elisabetta Romanò Centro Di Psicoterapia Dr.ssa Elisabetta Romanò

19 Risposte

3 voti positivi

Grazie.. devo dire che ho già visto varie figure professionali di questo tipo.. sono stata aiutata per 7 anni ora preferisco prendere un momento per farcela da sola e poi credo che ritornerò' presso qualche psicologo che fa sempre bene:)
Lei crede dunque che io abbia preso momentaneamente la scelta giusta?

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

17 OTT 2012

Joon

Gentile Joon,
le sue parole sono piene di dolore, di delusione e di dubbi rispetto alla situazione sentimentale con questo ragazzo, ma ciò che più colpisce è il fatto che lei inizi a raccontare a partire da un trauma antico: si comprende così che il suo dolore ha radici profonde e che il non sentirsi amata ma "usata" e non creduta si ripropone ora così come in passato. Quanto ha dovuto subire da bambina è un trauma che necessita di essere affrontato ed elaborato per evitare che i suoi effetti si protraggano anche al presente e nelle relazioni che lei vive attualmente. Le suggerisco perciò di rivolgersi ad un professionista o ad una struttura pubblica che si occupi di supporto psicologico, per trovare uno spazio di ascolto e sostegno e che con il tempo la possa aiutare ad affrontare anche i dolorosi eventi del suo passato. Un cordiale saluto, dott.ssa Lucia Mantovani, Milano

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

16 OTT 2012

Logo Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani

992 Risposte

454 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
mi sento diversa da ciò che vorrei essere : cioè me stessa???

3 Risposte, Ultima risposta il 04 Novembre 2012

È la persona giusta per me?

5 Risposte, Ultima risposta il 15 Ottobre 2015

Lo amo, ma non è la persona giusta per me.

4 Risposte, Ultima risposta il 07 Gennaio 2019

Sono una ragazza di 21 anni. Qualcosa non va bene in me

6 Risposte, Ultima risposta il 15 Gennaio 2016

La mia fidanzata credo sia depressa, non sta bene nemmeno con me

2 Risposte, Ultima risposta il 31 Marzo 2019

Non sto mai bene con me stesso

3 Risposte, Ultima risposta il 15 Febbraio 2018

Non so più se diventare medico sia la strada giusta per me

2 Risposte, Ultima risposta il 20 Luglio 2016

La strada giusta per me?

2 Risposte, Ultima risposta il 19 Settembre 2017

Non so se é l'uomo giusto per me

4 Risposte, Ultima risposta il 16 Settembre 2017