Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

ho bisogno di aiuto, sono stata delusa profondamente

Inviata da Dunia · 14 ott 2017 Ansia

Buongiorno, ho bisogno di aiuto e dei chiarimenti se possibile. l'anno scorso sono stata con un ragazzo ma poi ci siamo lasciati. lo contattai i mesi seguenti dicendogli che per me bastava un' amicizia dato che gli volevo bene. lui mi rispose 6 mesi dopo dicendomi che teneva alla mia persona che era stato stupido ad ignorarmi ma distaccarsi faceva bene sia a me che a lui, ed ora era pronto ad avere un'amicizia dato che anche solo la mia presenza cosí nella sua vita lo faceva sorridere e stare bene. mi chiesee di rivederci dopo mesi ma poi quando avevo deciso di vederlo... lui aveva sempre qualcosa da fare e ai rimqnsava ogni volta. in quel periodo si stava frequentando con una ragazza e la lasció perché nonostante lei fosse dolce la trattava male... perché gli era stata diagnosticata una depressione a base ansiosa dovuta al fatto che da piccolo la sua famiglia faceva affidamento su di lui... padre malato di Parkinson sorella che in passato era stata anoressica e il disagio è emerso in questo successivamente. oltre a trattare male la ragazza era freddo anche con me rispondendo poche volte anche quando avevo bisogno del suo supporto (avevo avuto un' otite acuta di cui lui era a conoscenza)... ad Agosto si avvicinò di nuovo dicendomi addirittura che mi voleva come donna della sua vita perché ero quella che si era sempre immaginato....che mi aveva tolto molte certezze di quello che è ma me le avrebbe restituite. a Settembre ritornó sui suoi passi dicendo che avevamo obbiettivi diversi anche se con me sapeva che sarebbe stato bene... il che ho deciso di essergli dopo un momento di trauma iniziale ,dovuto alla sua instabilità relazionale davvero solo amica. capitava che litigavano per la sua assenza ma poi cercavo di sistemare le cose e lui mi diceva che non voleva litigare con me....voleva serenità con me. un giorno gli avevo scritto un messaggio dove gli raccontavo dei miei problemi di autostima... Non mi rispose.. il che gli avevo scritto dicendogli perché non mi aveva risposto. lui mi disse che gli faceva piacere la co divisione della mia problematica ma non sapeva come aiutarmi e gli dava fastidio perché lo portava a pensare alla sua condizione. lui nonostante la depressione ha avuto ottimi voti agli esami che aveva dato... quindi diciamo che non era limitato in tutti gli ambiti. il che mi ero lamentata della sua scarsa presenza... perché mi bastava anche solo un "forza ti sono vicino" non per forza un aiuto concreto.. il che lui mi disse o mi accetti con il contagocce o nulla ! spiegandomi la depressione dal punto di vista clinico (dato che studia medicina) dicendomi che chi è depresso si sente morto dentro, ha k sentimenti piatti ecc... mi disse che mi avrebbe scritto lui ma dovevo rimanere consapevole della sua malattia e che il "Luca " vero (ovvero non malato) lo avrei riconosciuto... che allontanava tutti perché non era in grado di interagire e tutti stavano nel loro solo io insistevo
. e non voleva nessuna ragazza perché non era in grado di gestire una relazione . 2 settimane dopo mi scusai del fatto di essere sembrata opprimente ( perché secondo lui gli scrivevo troppo e insistevo)... è di essermi appoggiata su di lui quando doveva risolvere prima i suoi di problemi. lui mi disse che il mio messaggio gli aveva fatto piacere... che era contento che stavo meglio e pure lui stava meglio perché la sua vita frenetica lo portava a pensare meno alla sua condizione. 2 giorni dopo gli dissi scherzosamente di non sparire per mesi e anni perché mi faceva piacere sapere che stava bene... è gli chiesi se si era trasferito (dato che q ottobre dove cercare casa)... Non mi rispose. 2 giorni dopo ancora... casualmente sulla home del profilo instagram di un'amica comparve la foto con una ragazza. andai con il mio account.. e mi accorsi che mi aveva bloccata per non farmi vedere la foto. in presa allo shock gli scrissi che mi era crollata la sua persona che mi faceva schifo per come si era comportato.... 2 ore dopo gli dissi se ora solo con me la depressione lo bloccava...non riuscendo a rispondermi .. (chiaramente in maniera arrabbiata). mi bloccó su whatsapp, Facebook... ovunque. provai ad andare a casa sua dopo 1 anno e 4 mesi che non lo vedevo.. Non lo trovai. gli scrissi un messaggio la mattina dicendogli che se aveva un minimo di coscienza di rispondermi dato che stavo malissimo. avevo scritto anche al suo amico per avere una risposta... 1 ora dopo mi sbloccó dicendomi che mi aveva bloccata perché non voleva che stessi male per la foto... che gli dava fastidio il fatto di dover dar conto a me della sua vita razionale che si sentiva spiato, giudicato con chissà quale account. che ero ossessionata e voleva vivere tranquillamente. premetto che ha capito cosa mi aveva dato fastidio... ovvero il fatto di aver avuto poca fiducia nei miei confronti dopo che gli avevo chiaramente dimostrato di essermi distaccata. il fatto di aver disegnato questa depressione come un mostro che gli impediva di vivere la vita ed interagire con chiunque soprattutto ragazze... lui mi rispose dicendo che le cose che mi aveva detto erano vere ma questo non vuol dire che non possa stare bene con qualcuna e provare qualcosa di bello. dandomi di nuovo della ossessionata e questa parola mi ha ferita profondamente. poi mi disse che forse era meglio dirmi come stava andando la sua vita sentimentale perché avrei capito... e qua mi sembra che si contraddice... si lamenta del fatto che non vuole farmi conto di nulla ,ma allo stesso tempo doveva darmi conto? già il fatto di avermi bloccata per impedirmi di vedere un contenuto.. indica già il fatto che qualcosa non va. lui mi ha poi detto che dovevo mettermi il cuore in pace ed andare avanti perché non può darmi nulla di quello che voglio (il punto è che non ho preteso nulla se non attenzione una volta ogni tanto per costruire quel rapporto che anche lui ha sempre voluto)... il che dopo averci pensato bene.. gli ho detto che ai suoi occhi ogni mio avvicinamento dovuto al bene che provo lo vede e lo vedrà sempre come una mia ossessione... Non come qualcosa di positivo. che la positività la vedrà solo nel momento in cui dopo mesi e anni gli chiederò come sta e che fine ha fatto... ma chiaramente questo non è un rapporto né di amicizia né di nulla... solo curiosità. gli ho detto che mi dispiaciuto il fatto che non siamo riusciti a costruire quel rapporto che lui stesso voleva. è mi ha ringraziato per i miei sforzi... dicendo però che non dovevano essere rivolti verso di lui... che ho ragione, non se li merita perché infondo non li vuole fino infondo... e mi ha ringraziato di non averlo insultato più del dovuto... il che gli ho detto che io ho provato ad andare fino infondo. e ad ognuno la sua coscienza. ora sto male perché i miei sforzi non sono serviti a nulla... sento un peso dentro... e il bisogno di vederlo in faccia... dovuto al fatto che non l'ho più visto da quando ci siamo lasciati (ci siamo lasciati per motivi culturali/religiosi... per sua scelta... ) ed è passato davvero tanto tempo... la cosa mi calmerebbe un po'. però ovviamente a meno che non lo colgo alla sprovvista non riuscirò mai a vederlo.. c'è chi mi dice che se me la sento di provare a incontrarlo....c'è chi mi dice che sembrerei pazza. poi non capisco fino a che punto sia depresso.. perché alla fine mi sembra depresso con chi vuole. sa fine si sta frequentando con la ragazza... vi sottolineo che voglio così bene a questa persona che sono andata oltre l'idea del rapporto di coppia pur di averlo vicino come amico. gli voglio bene nonostante il male che mi ha dato e sono 3 giorni che non riesco a mangiare e mi sento male... aiutatemi

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buongiorno Dunia,
mi sembra che questa persona pur comportandosi in modo ambivalente le abbia inviato un messaggio chiaro: non chiedermi aiuto e sostegno perchè non sono in grado di darlo, non chiedermi e non darmi attenzioni perchè in questo momento non so dove collocarle, tanto che non è neppure in grado di incontrarla.
mi chiedo: Cosa accadrebbe se improvvisamente non fosse più curiosa nei confronti di questo ragazzo? cosa scoprirebbe dentro di sè e fuori nel mondo esterno che in questo momento non vede perchè è impegnata a guardare nella direzione di questo amico?
forse investire molto in questo rapporto in qualche modo l'ha tenuta al riparo da altro e se viene meno l'idea della relazione con lui, non relazione di coppia ma solo amicale, viene a mancarle una certezza che l'ha comunque accompagnata per molto tempo. mi sembrerebbe opportuno indagare su quello che le verrebbe a mancare se improvvisamente lei non avesse più bisogno di lui, non tanto su quello che guadagnerebbe, questo penso che le sia chiaro. in bocca a lupo
Paola Gambini
Padova

Dott.ssa Paola Gambini Psicologo a Cadoneghe

57 Risposte

33 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16100

psicologi

domande 20850

domande

Risposte 80600

Risposte