Ho ansia e vorrei parlare con qualcuno

Inviata da ark · 14 dic 2015 Ansia

Io non ho mai avuto modo di parlare dei miei sentimenti: mia madre sa che non sono forte ma mi fa sentire peggio dicendomi come "altre persone vorrebbero essere al mio posto", facendomi sentire ancora peggio, in alcuni momenti anche in modo molto brutale e disonesto. Ho questo problema da quando ero bambino e praticamente ho sempre tenuto le emozioni dentro di me per paura di causare altri problemi. Vorrei sapere cosa sia giusto fare, ma possibilmente senza dover chiamare un vero dottore (purtroppo vivo ancora con i miei familiari e vorrei evitare di chiamare dottori o visitarli, dato che la mia situazione causa un enorme disturbo per loro e non vorrei stare peggio di come sto ora).

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 14 DIC 2015

Gentile utente,
innanzitutto dovrebbe spiegare meglio qual'è il suo concetto di forza per cui sua madre la considera debole e forse anche ingrato.
Lei ha paura di creare altri problemi dando voce e mettendo parole alle sue emozioni ma purtroppo non ci sono molte possibilità per far capire a sua madre che il suo stile educativo è stato infelice e le ha causato problemi.
Questa restituzione può e deve avvenire senza aggressività ma con assertività e siccome lei non è ancora una persona assertiva dovrà fare uno sforzo in tal senso.
Quanto al non volersi rivolgere ad un "vero dottore" (immagino che lei intenda uno psicologo) per paura di disturbare i suoi e stare peggio, potrei risponderle che nulla si ottiene senza impegnarsi e rimanendo passivi.
D'altra parte credo che non ci sia nessun altro all'infuori di un bravo psicoterapeuta che possa aiutarla a guadagnare assertività e autostima.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7048 Risposte

20149 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 DIC 2015

Salve Ark
Questo mondo di sentimenti ed emozioni ha bisogno di essere tradotto in parole, in espressione, in sguardi e in racconti.
Hai bisogno, come cura, di entrare in rapporto con qualcuno che possa ascoltarti attentamente.
Mi appare che tu sia invece forte, pur non sapendolo, e non è la debolezza il tuo problema ma la mancanza del dire, appunto.
Tu hai bisogno di quello che Thomas Moore chiama "cura dell'anima".
(Thomas Moore nell’introduzione al suo volume "La cura dell’anima" inizia con questa riflessione:
"La grande malattia del ventesimo secolo, che ha a che vedere con tutti i nostri problemi e che ci colpisce sia in quanto singoli individui sia in quanto società, è la «perdita d'anima». Quando l'anima è trascurata, non si limita ad abbandonarci; essa ricompare in modo sintomatico nelle ossessioni, nelle dipendenze di ogni genere, nelle forme di violenza e nella perdita di significato. Noi siamo tentati di isolare questi sintomi o di sradicarli uno per uno; ma il problema di fondo è che abbiamo perso il nostro sapere relativamente all'anima e non ci interessiamo neppure più a esso".)
Questa tua mancanza di espressione e di scambio non ti ha permesso di nutrire nel modo giusto la tua anima.
Assicurati di avere qualcuno che possa ascoltarti.
Possono anche essere contatti telefonici, skype, o scritti.
Certo uno psicoterapeuta "dal vivo" sarebbe meglio, vedi come puoi fare, ma valuta anche altre possibilità.
Sinceri auguri
Dott Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta.


Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6996 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 DIC 2015

Gentile ark, proprio lei ha detto che vorrebbe parlare con qualcuno, quindi il mio consiglio e' proprio di assecondare il suo desiderio parlardo con uno psicoterapeuta, che e' un esperto in materia. Questa scelta la potra' aiutare a trovare delle vie di comprensione di se' e di dialogo con la sua famiglia. Si puo' rivolgere ad un terapista privato o puo' fare riferimento ai servizi territoriali come i consultori, cercando la soluzione migliore per lei.
La consapevolezza e l accettazione delle proprie emozioni insieme alla capacita' di gestirle sono aspetti importanti per stare bene con se stessi e con gli altri
Un caro saluto

Letteria Spadaro

Un caro saluto
Letteria Spadaro

Anonimo-153751 Psicologo a Messina

5 Risposte

3 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 DIC 2015

Gentile Ark, la situazione che sta vivendo è comprensibile, tuttavia è importante valutare la possibilità di rivolgersi ad un terapista che sia in grado di aiutarla a superare queste difficoltà che le stanno causando problemi nella costruzione della sua personalità. Ciò che lei descrive corrisponde ad una bassa autostima e insicurezza in se stessi che, se non trattati tempestivamente, rischiano di minare negativamente il suo percorso di vita. Occorrerebbe comprendere inoltre, quali possano essere le motivazioni che spingano sua madre a giudicarla in questo modo, cosa fa lei per "meritare" questo trattamento? Nel messaggio non trapela la sua età. Se lei è maggiorenne, e se ha difficoltà economiche, può benissimo rivolgersi allo psicologo della sua asl di riferimento, il quale, oltre ad aiutarla, ha anche il compito di tutelare la sua privacy ed il trattamento dei suoi dati sensibili affinchè nessun altro possa venire a conoscenza di ciò che viene detto in seduta.
La saluto cordialmente
Dr.ssa Godioli
Pavia

Dr.ssa Gloria Godioli Psicologo a Pavia

31 Risposte

13 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 DIC 2015

Gentile Ark,
forse non ha considerato che consultare uno psicoterapeuta potrebbe farla stare meglio, e magari migliorare anche i rapporti con i suoi familiari, anziché peggiorarli.
A volte nella vita bisogna farsi coraggio ed affrontare di petto le situazioni, anche quelle che ci spaventano di più o ci sembrano più problematiche.
Alla fine, potrebbe essere meno complesso di quello che sembri apparentemente.
Al contrario invece, i frutti di un percorso personale porterebbero un miglioramento progressivo e duraturo. Potrebbe finalmente aver modo di parlare dei propri sentimenti e delle proprie emozioni, e dar loro un senso, un ordine. La vera causa dei problemi ha origine proprio nell’impedimento di queste espressioni personali. Ci pensi.

Cordialmente,
Michela Vespa
Psicologa Psicoterapeuta Roma

Dott.ssa Michela Vespa Psicologo a Roma

74 Risposte

295 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16900

psicologi

domande 23750

domande

Risposte 85850

Risposte