Ho 21 anni, e mi dicono di essere ipocondriaca. Cosa debbo fare?

Inviata da Chiara · 3 mar 2016 Ipocondria

Ho 21 anni. Fino a 5 mesi fa la mia vita procedeva normalmente. Sono sempre stata una ragazza super attiva e sportiva. Cinque mesi fa ho avuto un attacco di panico forte(così è stato definito), e avendo superato la frequenza cardiaca di 200 battiti al minuto, e avendo subito un'ablazione all'età di 7 anni, sono stata trasportata per accertamenti in un centro di cardiologia. È risultato tutto nella norma, o meglio nulla di di mortale, e mi è stato detto di avere la tachicardia sinusale. A me non è mai capitato nella del genere, per questo non mi capacito che sia la verità. Ho condotto una vita difficile, ho visto mia madre parecchie volte giocare con la vita, ed è per questo che penso di aver capito fortunatamente quale è il bene e quale è il male. Mi dicono tutti che sono state queste cose che mi hanno portato a questi attacchi di panico improvvisi. Io da quel giorno non sto vivendo più bene. Dopo poco tempo che sono uscita dall'ospedale è iniziato qualcosa nella testa. Come delle vertigini, che ho provato a curare con sei medicinale ma senza alcun effetto. Adesso ho capito che non si tratta di vertigini, ma di pesantezza alla testa che dura 24h su 24 da 5 mesi ormai. Aggiungiamo anche la tachicardia. Poi ho sempre pensieri negativi, penso sempre di avere qualche male brutto, mi sento sola e non mi riconosco più. Ho fatto anche una risonanza in testa, ma non è risultato nulla. E io continuo ad avere la convinzione di morire da un momento all'altro. Potete consigliarmi cosa fare? Cordiali saluti

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 4 MAR 2016

Gentile Chiara,
sembra che dal punto di vista cardiologico non vi sia nulla di preoccupante.
In realtà quel momento di tachicardia parossistica è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso nel senso che ha innescato in te quell'ansia acuta rappresentata dall'attacco di panico, esperienza che viene vissuta in genere in modo amplificato e drammatico.
Anche i sintomi delle vertigini e della instabilità dell'equilibrio sono correlabili all'ansia e alla paura di potersi sentire male senza possibilità di aiuto.
A questo punto è necessario intraprendere un percorso di psicoterapia in modo da poter elaborare tutti quei vissuti traumatici che hanno poi portato ai sintomi attuali.
Il lavoro di terapia, se portato avanti in modo congruo, ti farà acquisire maggior senso di autoefficacia e sicurezza personale in modo da non cadere nel vortice dell'attacco di panico per banali sintomi corporei senza significato patogeno.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico,psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno):

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7048 Risposte

20149 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 MAR 2016

Cara Chiara
per poter correggere la tua tendenza a "fissarti" sui sintomi fisici negativi e per poter arginare le crisi d'ansia e gli attacchi di panico, sarebbe molto utile per te apprendere una tecnica come il Training Autogeno di J. H. Schultz che ha un alto valore terapeutico e anche di riequilibrio emozionale e fisico.
Un caro saluto Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta.

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6997 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 MAR 2016

Buongiorno gentile Chiara,
forse è giunto il momento per Lei di affidarsi ad uno/a psicologo/a psicoterapeuta per un percorso psicologico che l'aiuti a smantellare l'angoscia profonda che si cela dietro questi malesseri così pervasivi. E' come se il suo corpo le stia mandando messaggi di disagio che andrebbero letti in un ottica psicodinamica.
Spero di averle fornito una ulteriore chiave di lettura.
Cordiali saluti
Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Roma

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2825 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 MAR 2016

Cara Chiara,
Alcune sofferenze che ci attanagliano talvolta vengono comunicate dal nostro corpo con una serie di modificazioni fisiologiche che vengono interpretate dalla persona in termini prettamente medici. Poiché esami ed accertamenti mi pare di capire abbiano escluso cause organiche per il suo malessere, le consiglio (come già fatto dalle colleghe che le hanno risposto) di rivolgersi ad un terapeuta della sua zona. In questo modo potrebbe dedicarsi del tempo per ragionare su qualcosa che potrebbe avere a che fare con la sua vita emotiva e relazionale che magari la preoccupa e che il suo corpo in maniera così chiara le comunica.
Se la leggiamo in termini medici capisco che il suo dubbio possa essere, come esplicita nella sua domanda, se sia diventata "ipocondriaca".
...E se scegliessimo altre lenti per leggere la situazione, che narrazione potrebbe costruire del suo periodo di vita attuale?
In bocca al lupo!
Dott.sia Ilaria Giuntini
Padova

Anonimo-145389 Psicologo a Padova

18 Risposte

26 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 MAR 2016

Salve Chiara,
i sintomi che descrive potrebbero essere dovuti anche ad un carico emotivo di preoccupazioni ed ansia eccessivi.
Sarebbe utile per lei rivolgersi ad uno/a psicoterapeuta che la possa aiutare a trovare e lavorare sulle cause del suo malessere.
Saluti
Dott.ssa Sara Vassileva psicologa psicoterapeuta Genova

Dott.ssa Sara Vassileva Psicologo a Genova

107 Risposte

40 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 MAR 2016

Buongiorno Chiara,
mi sento di consigliarle di rivolgersi ad uno Psicologo con il quale affrontare questa situazione per lei evidentemente problematica. Credo sia necessario per lei lavorare sulle cause scatenanti di questa "modificazione di rotta" al fine di ritrovare una condizione di benessere.
Cordialmente,
Dott.ssa Martina Valdemarca

Dott.ssa Martina Valdemarca Psicologo a Torino

6 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ipocondria

Vedere più psicologi specializzati in Ipocondria

Altre domande su Ipocondria

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16900

psicologi

domande 23750

domande

Risposte 85900

Risposte