Ho 19 anni e ho avuto un attacco di panico per la prima volta ad agosto ero

Inviata da Alm · 27 ott 2020

Ho 19 anni e ho avuto un attacco di panico per la prima volta ad agosto.
Ero convinta di morire di infarto e i giorni seguenti, prima di scoprire cosa fosse un attacco di panico, ho continuato ad avere questa convinzione.
Sono due mesi che convivo con l'ansia di sentirmi male o morire e ho anche sintomi fisici come indolenzimento al braccio, dolore al petto e più raramente tachicardia e tremori. Molto spesso ho mal di testa, mi viene difficile studiare (cosa che mi è sempre piaciuta fare) perchè ho difficoltà a concentrarmi, ho difficoltà ad addormentarmi o mi sveglio nella notte con le dita addormentate,piango spesso senza motivo e ho paura di rimanere sola in casa.
Avverto questi sintomi da quando mi è successo quell'attacco però variano di giorno in giorno e non sono costanti. Nonostante io abbia capito che si tratti quasi sicuramente di un disturbo di ansia (perchè in questi tre mesi ogni volta che mi sono allarmata di fatto non mi è mai successo nulla) il tutto non migliora..si tratta di ansia? cosa dovrei fare?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 28 OTT 2020

Gentile Alm, i meccanismi che innescano l'ansia vanno ricercati nel profondo di noi stessi. Per sapere e capire cosa bisogna fare è necessario iniziare un percorso terapeutico che la aiuti a capire perchè il suo corpo le lancia questi segnali, a maggior ragione se quest'ansia intacca la qualità della sua vita, lei stessa dice che studiare è diventato difficile.

Le auguro di trovare la forza di iniziare al più presto un percorso.
Cari saluti
Dr.ssa Manuello Maria Cristina

Dottoressa Maria Cristina Manuello Psicologo a Bolzano

44 Risposte

15 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 OTT 2020

Salve, il fatto di capire che si tratta di ansia di per se non è una risoluzione. Il punto è comprendere in quali contesti, situazioni, modi di essere del mondo e con l'altro questo si verifica per comprenderne i motivi e poter impostare un percorso volto a risolvere la sintomatologia. L'ansia di per sé è solo una spia di un qualcosa che in quel momento La sta mettendo in difficoltà. Lei dice molto bene: si allarma. L'ansia infatti è un meccanismo molto utile e naturale che ci segnala ciò che noi viviamo come potenziale pericolo. Il punto è proprio capire come mai in quei momenti Lei ne percepisce uno. Valuti la possibilità di iniziare un percorso terapeutico con un professionista che aiuti a mettere a tema cosa avviene in quei momenti e cosa lo spaventa, per impostare un percorso che rimuova la sintomatologia. In bocca al lupo, DP

Dott. Daniel Michael Portolani Psicologo a Brescia

968 Risposte

965 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 OTT 2020

Buongiorno, tendiamo tutti ad associare certi sintomi da panico ad un evento, una crisi o un disturbo fisiologico. Questo può essere vero, ma questa associazione disfunzionale porta a peggiorare l'ansia stessa e non ci aiuta ad uscirne. Qualsiasi sia la causa, l'obiettivo ora è aiutarla nel recuperare le risorse per gestirla e proseguire la sua vita con più serenità. In seguito potrà rivedere la propria storia personale e modificare ciò che sente come non più in sintonia con il proprio benessere. Per questo un aiuto psicologico anche breve che le dia gli strumenti per venirne fuori sarà essenziale. Le consiglio di attendere ancora un mese perché i traumi hanno bisogno di tempo per essere elaborati, ma se se il problema persiste contatti un professionista anche online.

Monticone Alessandra Psicologo a Asti

268 Risposte

107 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 OTT 2020

Carissima, le consiglio di rivolgersi il prima possibile ad uno specialista della sua zona. Gli attacchi di panico sono dovuti ad un ansia intensa, ma bisogna capire da dove nascono per imparare anche a gestirli. Dunque, le consiglio di informazi sulle varie specializzazioni degli psicologi della sua zona e decidere quale fa al caso suo. Magari si faccia consigliare da chi c'è già stato o provi a farsi consigliare presso un Centro per la Salute Mentale, che ci sarà sicure te dalle sue parti e poi decida.
Resto a disposizione. Cari saluti.
Dott.ssa Barbara De Luca

Dott.ssa Barbara De Luca Psicologo a Catanzaro

463 Risposte

219 voti positivi

Fa terapia online

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 OTT 2020

Salve Alm. Grazie per aver condiviso la sua esperienza. Inizio subito rispondendo alla sua domanda e dicendole che si, l'ansia si tratta e si può assolutamente imparare a gestirla. Sarebbe bene pero dedicare tempo alla sua situazione, capire cosa sia avvenuto che possa aver scatenato il suo attacco di panico, lavorare sull'insieme di sensazioni, pensieri, emozioni e comportamenti che si è creato e che alimenta e mantiene la sua ansia, ovvero su quello che si chiama "circolo d'ansia/panico". Quello che le consiglio di fare è iniziare un percorso con uno psicologo/psicoterapeuta con il quale lavorare insieme sul suo sintomo , un professionista che abbia gli strumenti per aiutarla a capire in modo pratico come gestire la situazione. Sull' ansia si può davvero lavorare in molti modi, ci vuole solo un po di pazienza, motivazione e decisione a dedicarsi del tempo per affrontarla prima che diventi troppo protagonista della nostra vita. Vedra scoprirà tante sue risorse. Rimango a disposizione anche in privato per altre domande sul suo problema o informazioni rispetto un possibile percorso. Le auguro davvero una buona giornata, saluti Dott.ssa Laura Paniccià

Dott.ssa. Laura Paniccià Psicologo a Porto Sant'Elpidio

32 Risposte

17 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 OTT 2020

Cara Alm, sarebbe utile per Lei capire la causa di questo Suo malessere. Bisogna riflettere sul come mai il Suo corpo Le invia questi segnali, questi sintomi. C'è qualcosa di inconsapevole (qualche evento/esperienza/vissuto che l'ha segnata, prima di provare l'attacco di panico vero e proprio- che è una conseguenza-, e che è rimasto in quella parte di mente, inaccessibile alla Sua consapevolezza, ma che è necessario affrontare per poter eliminare la fonte del disagio) che Le causa vissuti negativi. Chieda un aiuto psicologico che possa accompagnarLa nell'elaborazione della Sua sofferenza, portandoLa allo sviluppo di risorse che può utilizzare per raggiungere il Suo equilibrio personale, caratterizzato da benessere e serenità.
Le auguro buona fortuna.
Dr.ssa Amanda D'Ambra.

Dr.ssa Amanda D'Ambra Psicologo a Torino

626 Risposte

484 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17300

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88550

Risposte