Guarire dal narcisismo. É possibile?

Inviata da Lu · 15 gen 2018 Psicologia risorse umane e lavoro

Buongiorno, sono piuttosto disperata. Ho problemi di narcisismo, e ciò mi porta un sacco di problemi nelle relazioni interpersonali e sul lavoro...pure negli studi ho avuto problemi con i miei compagni in tutti i livelli di studio, fino all'università. Sto cercando di trattenermi dall'arroganza, ma pur essendo consapevole è molto difficile. Ogni volta mi prometto di non arrabbiarmi cosi facilmente, e a non farmi salire un embolo se ricevo critiche o mi dicono cose non carine, ma mi capita di ricascarci e poi me ne pento. Sto cenrcando di non attirare l'attenzione e di non fare la splendida...e di non tirarmela ogni secondo, ma è dura. È possibile cercando di autocontrollarsi uscirne? Non so come fare con l'emozioni...non provo molto, e ho sempre paura che gli altri se ne accorgano...ho paura di essere odiata e maltrattata....ho paura che finirò sotto i ponti se non mi do una regolata. Come è possibile che pur essendo consapevole, io faccia fatica a controllarmi? Eppure so benissimo cosa mi fa arrabbiare e perché...o perché faccio certe cose. Riuscirò mai?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 16 GEN 2018

Cara Lu,
Proprio alla fine, si domanda come mai fa così fatica a controllarsi nonostante una qualche consapevolezza: perché la consapevolezza è questione di testa, di intellettualizzare, legata al cognitivo, ma essa serve solo fino a un certo punto se c'è una qualche emozione intollerabile sottostante che non viene individuata, capita, gestita.
Come afferma lei stessa, "non sa come fare con le emozioni" perché "non prova molto", ma contemporaneamente l'unica emozione che sicuramente conosce e riconosce e manifesta apertamente è la rabbia. Sappia però che la rabbia spesso è protettiva di una qualche emozione o sensazione spiacevole, che non si tollera o non ci si riesce a permettere di provare: tristezza, colpa, vergogna, umiliazione, ecc.
Il narcisismo sembra, per i più, essere un modo spocchioso e sicuro di sé di affrontare gli eventi e le relazioni, quando invece, come prima la rabbia, è solo protettivo di un senso di insicurezza, di non accettazione, di paura del giudizio che necessita di esser celato per non farlo vedere, come se, qualora qualcuno lo vedesse, potesse divenire un punto debole da attaccare.
Non è così, non funziona così.
Inoltre teme il rifiuto ed essere maltrattata dagli altri, ma, da quello che scrive, pare che per non far sì che avvenga ciò, lo attua lei per prima, come per proteggersi: attaccare per prima come difesa per non venir attaccata.
Teme le critiche, come se tutto debba essere perfetto e non ci si può concedere dei limiti umani che sono propri dell'uomo, non siamo macchine, siamo uomini e donne dotati di sentimenti, emozioni, dubbi, imperfezioni, limiti e che, per questo, possono fallire, sbagliare.
La non accettazione di ciò, che è sicuramente spiacevole e per qualcuno intollerabile fa sì che anche le critiche risultino solo una conferma esterna di quando siamo imperfetti. Ma lo siamo comunque. Con o senza critiche più o meno manifeste degli altri.
E a proposito di limiti, può pensare di farsi aiutare da uno psicologo psicoterapeuta che la possa aiutare a indagare tali aree e tali aspetti, per darle un senso non solo "di testa", ma soprattutto emotivo.
Resto a sua disposizione per qualunque bisogno o chiarimento.
Dott.ssa E. Parise
(Pontedera - Firenze - Milano)

Dott.ssa Elena Parise Psicologo a Pontedera

55 Risposte

193 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 GEN 2018

Gentile Lu,
le difficoltà che lei riporta sono molteplici e meritano un approfondimento adeguato. Se da una parte, parla di narcisismo, dall'altra si evidenziano delle difficoltà a livello di gestione delle emozioni, in particolar modo nella sfera della rabbia e probabilmente dell'aggressività. Potrebbero essere aspetti diversi e/o avere una relazione tra loro.Sarebbe interessante indagare aspetti della sua personalità e le sue relazioni interpersonali. Le consiglio vivamente di consultare un professionista per intraprendere un percorso di conoscenza autentica di se stessa.
Resto a disposizione per ulteriori chiarimenti.
Cordiali saluti.
Dr Andrea Leone (Parma - Cremona)

Dr. Andrea Leone Psicologo a Parma

9 Risposte

8 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia risorse umane e lavoro

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia risorse umane e lavoro

Altre domande su Psicologia risorse umane e lavoro

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18850

psicologi

domande 30050

domande

Risposte 102350

Risposte