Grande vergogna

Inviata da Giulia · 15 apr 2022 Trauma psicologico

Salve,
Non so bene come esporre il problema, ma ho bisogno di parlare perché mi crea grande disagio da molti anni.
Quando ero piccola i miei genitori hanno scoperto che nascondevo le mie mutande usate, e per questo motivo sono stata sgridata. Nessuno mi mai chiesto il perché l’avessi fatto.
L’ho fatto semplicemente perché mi vergognavo di mettere a lavare le miei mutandine usate, per questo motivo una volta mia mamma mi aveva rimproverata dicendomi “cambiale più spesso” io già lo facevo, ma essendo in periodo pre-adolescenziale il mio corpo stava cambiando…
Questo commento mi ha fatto vergognare, è da quel giorno ho iniziato a “nascondere le tracce”, spesso per la vergogna lavavo le mie mutande a mano e le mettevo a lavare pulite… a dir poco assurdo.
Fino a quando siamo partiti per un viaggio, e al momento di fare la mia valigia non avevo mutande… i miei genitori arrabbiati dalla situazione si sono innervositi e io ho detto la verità; ma ripeto, senza mai avere un riscontro e del perché lo avessi fatto, sono stata semplicemente rimproverata.
Questo avvenimento ha innescato in me una grandissima vergogna, di cui ancora oggi a distanza di anni ne soffro.
Spesso, quando si parla di quel viaggio, l’altro discorso è inevitabile.. e io ci soffro perché me ne vergogno tantissimo.
Probabilmente non è un grande problema di cui preoccuparsi, ma la cosa mi crea grande disagio e vergogna anche perché riconosco che sia un argomento abbastanza imbarazzante e schifoso sia per parlarne, sia per me stessa e per i miei genitori da ricordare.
Spesso penso che vorrei che questo avvenimento non sia mai successo.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 16 APR 2022

Gentile Giulia,
da quanto racconta emerge come cosa rilevante un rapporto con sua madre caratterizzato probabilmente da scarsa empatia mentre la vergogna che prova è da collegare ad un inappropriato senso di colpa.
Una consulenza psicologica può aiutarla a ridimensionare il tutto e magari migliorare la qualità della relazione con sua madre.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

8080 Risposte

22159 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 APR 2022

Gentile utente,
la tematica della vergogna, del senso di colpa, della punizione, di come si manifesta il proprio sè, andrebbero esplorate ed elaborate all'interno di un contesto terapico.
Abbiamo l'impressione che gli aspetti che ha condiviso si siano strutturati e questo può influenzare anche il modo relazionarsi all'altro, nell'intimità e nella relazione.

Cordialmente,
Studio Associato Dott. Diego Ferrara Dott.ssa Sonia Simeoli

Dott. Ferrara Dott.ssa Simeoli Psicologo a Quarto

573 Risposte

300 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 APR 2022

Cara Giulia, grazie per aver condiviso questo tuo vissuto che ti provoca, ancora oggi a distanza di tempo, tanta vergogna e malessere.
Ti consiglio di intraprendere un percorso psicologico per indagare il perché di tanta vergogna provata in passato ed ora.
Inoltre il non aver ricevuto sostegno in quei momenti dai tuoi genitori credo abbiano aumentato il tuo senso di colpa e la sensazione di star commettendo qualcosa di sbagliato.
Sarebbe interessante capire, attualmente, quali sono le dinamiche e le modalità di comunicazione tra te e tua madre in particolare.
Resto a disposizione, anche online
Dott.ssa Barbara Piscitelli

Dott.ssa Barbara Piscitelli Psicologo a Napoli

49 Risposte

23 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 APR 2022

Cara Giulia, come è doloroso sopportare tanta vergogna!
L'incomprensione dei suoi genitori per i suoi sentimenti, ma soprattutto l'ascolto frettoloso di essi che lei descrive, non l'hanno aiutata ad approfondire le ragioni di un sentimento tanto fastidioso e persistente.
In realtà nella sua narrazione non si evince vi sia mai stato un momento dedicato alla risoluzione di questo tormento interiore. Le suggerisco di dedicarsi Lei un po' di tempo a tal proposito! Le suggerisco di trovare un buon psicoterapeuta che sappia ascoltarla e la aiuti a trovare i significati di tale situazione e quindi una strada per pacificare il suo tormento ed il senso della vergogna che ne deriva.

Dott.ssa Lorenza Tosarelli Psicologo a Castel San Pietro Terme

4 Risposte

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 APR 2022

Salve Giulia, mi dispiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio che può sperimentare e quanto sia impattante sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che le impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto e possa soprattutto aiutarla a parlare con se stessa utilizzando parole più costruttive.
Credo che anche un approccio EMDR possa esserle utile al fine di rielaborare il materiale traumatico connesso ad eventi del passato che possono aver contribuito alla genesi della sofferenza attuale.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL

Dott. Francesco Damiano Logiudice Psicologo a Roma

1657 Risposte

493 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 APR 2022

Cara Giulia,
mi spiace per il senso di vergogna che prova riguardo a questa esperienza passata. Comprendo che si sia sentita poco compresa e affettivamente non supportata dai suoi genitori.
Non è chiaro se, ancor oggi, si vergogna della sua biancheria intima usata. Penso che l’aiuto di uno psicoterapeuta possa esserle utile a superare questo suo senso di vergogna.
Un caro saluto
Dr.ssa Anna Capriati

Dott.ssa Anna Capriati Psicologo a Trieste

110 Risposte

158 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Trauma psicologico

Vedere più psicologi specializzati in Trauma psicologico

Altre domande su Trauma psicologico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 34550 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 20550

psicologi

domande 34550

domande

Risposte 117950

Risposte