Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Gestire l'ansia del partner

Inviata da Anto.99 il 20 dic 2019 Ansia

Salve scrivo per il mio ragazzo. Lui circa 8 anni fa ha avuto un incidente d'auto e da lì, mi ha raccontato ha iniziato a soffrire d'ansia. Noi stiamo insieme da 3 anni ma questa cosa gli impedisce di fare qualunque cosa insieme a me...dal semplice pranzo o cena in un ristorante o qualsiasi giretto che si fanno durante i week end, andando a fare sempre le solite cose, e cioè prendere un caffè al bar della nostra città. Questa cosa influisce molto sul nostro rapporto. Ho provato ad aiutarlo cercando di convincerlo e di pensare ad altro. Cosa posso fare per aiutarlo?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Anto.99,
invitare il suo ragazzo a "pensare ad altro" ricalca una scelta di evitamento e non è un buon consiglio perchè inefficace.
Occorre invece fare l'esatto opposto cioè lavorare sul trauma originario e su eventuali altre situazioni che hanno fatto emergere l'ansia e probabilmente anche gli attacchi di panico.
Ovviamente il suo ragazzo non può fare da solo questo lavoro e nemmeno lei può fare molto per risolvere il problema tranne che provare a incoraggiarlo ad affrontare gradualmente le sue paure.
Pertanto, è necessario che lui intraprenda un perrcorso di psicoterapia (meglio se di tipo cognitivo-comportamentale) per essere aiutato in maniera professionale a superare questo disagio che pesa in modo rilevante anche sulla vita di coppia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6673 Risposte

18711 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Anto,
l'evento traumatico iniziale sembra aver lasciato una traccia indelebile nel suo partner, da allora soffre d'ansia persistente; cio' ha causato notevoli restrizioni nella qualità di vita. Occorre elaborare il trauma iniziale e gestire l'ansia cronica con opportune strategie mirate. Purtroppo lei puo' solo avere pazienza e sostenere la persona nei momenti di difficoltà con affetto, per il resto è necessario un intervento terapeutico specifico. Si proponga di accompagnarlo eventualmente alla prima visita, anche solo per avere un punto di vista differente o un parere rispetto alla situazione. Forse si deciderà a far qualcosa, non puo' vivere perennemente con limitazioni cosi' elevate...
Cordialmente,
dr.ssa Donatella Costa (Brescia e provincia)

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2488 Risposte

2084 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buonasera,
il mio consiglio è quello di suggerire al suo compagno di intraprendere un percorso psicologico. E' molto importante che lui si faccia carico di questo problema quanto prima, per iniziare a lavorare sulla sua storia con un professionista.
L'ansia è assolutamente curabile, ma ci va un lavoro costante. Consiglio anche a lei di ricercare il suo benessere e di fare solo il suo 50%, non di più. L'ansia è un problema del suo compagno e deve farsene carico lui.

Rimango a disposizione.
Cordiali Saluti
Dott. G. Gramaglia

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

362 Risposte

131 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve,
Le persone che soffrono d'ansia sono spesso circondati da amici, parenti, persone care, che si prendono cura di lui a tal punto da farsi carico del suo stato. Lui come vive questa sua condizione? È disposto a intraprendere un percorso terapeutico?
Intanto le invio i miei saluti in attesa di sue risposte.

Dott.ssa Di Fiore Psicologo a Roma

36 Risposte

10 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Anto.99, grazie per avere scritto.
E' veramente poco quello che hai scritto. Può essere che in seguito all' incidente d'auto il tuo ragazzo ha cominciato a
soffrire di ansia. Ma si riferisce solo a guida? Da quello che riferisci può essere che il tuo ragazzo soffra di attacchi di panico.
Con queste problematiche non basta solo convincerlo a pensare ad altro. Visto che il tuo rapporto è influenzato pesantemente dalle queste sue ansie, perchè non gli dici di consultare uno specialista. Purtroppo le ansie non vanno via da sole, senza un aiuto lui eviterà di uscire sempre più, in più a risentirne sarà il Vs. rapporto affettivo.
Un cordiale saluto.
Dott. M. Di Nunzio

Dott. Mario Di Nunzio Psicologo a San Salvo

10 Risposte

6 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Anto.99, purtroppo come Lei ha ben sperimentato la distrazione non è una tecnica utile alla risoluzione delle sintomatologie ansiose. Questo perché quando accade il Suo ragazzo ha un modo di essere nel mondo, preriflessivo, in cui fa esperienza del mondo in un'atmosfera di minaccia incombente: non può semplicemente "Pensare ad altro" perché l'ansia non è un pensiero, ma una attivazione minacciosa che si esplicita poi (anche) in un pensiero. Ciò che Lei può fare è stargli accanto con pazienza e senza giudizio, ma al contempo, per il suo bene, provare a proporgli di andare da uno psicoterapeuta. La limitazione di mondo e di vita di cui soffre sembra notevole, che Lei sappia ha mai pensato di rivolgersi a qualcuno? Se no, perché? Vive la situazione con sofferenza? La sintomatologia emerge anche in altri momenti di vita/relazioni? La relazione è sempre stata così, o la riduzione di esperienze è stata progressiva? La psicoterapia mette a tema queste e altre domande, consente di indagare quei motivi che hanno condotto l'instaurarsi delle difficoltà e, riconfigurando secondo identità le esperienze che non vengono afferrate, di risolverle. Naturalmente non è Lei a poterle fare, ma devono essere poste nel modo corretto da un professionista che disponga di un metodo per arrivare all'obiettivo prestabilito secondo una tecnica ben chiara. Nel frattempo, provate assieme piccole esperienze nuove, controllate e contestualizzate, di breve durata e con possibilità di "uscita" rapida se si sente poco bene. Ma la cosa migliore che Lei possa fare è provare a convincerlo a cominciare un percorso individuale - che, beninteso, funzionerà solo se lui per primo è motivato ad affrontarlo. In bocca al lupo, cordialmente. DMP

Dott. Daniel Michael Portolani Psicologo a Brescia

115 Risposte

52 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Anto, confermo il parere della Collega dr.ssa Fossati. Il suo ragazzo potrebbe imparare anche la mindfulness, che è una meditazione laica clinicamente testata per imparare a raggiungere da solo la calma. Ci sono molti gruppi nelle città, oltre alla terapia individuale. Un cordiale saluto
LT

Dott. Leopoldo Tacchini Psicologo a Firenze

837 Risposte

335 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve tante volte bisogna rendersi conto che da soli non si può risolvere tutto. Credo sia importante consigliare al tuo ragazzo di accettare l'aiuto di uno psicologo che possa indirizzarlo verso un percorso psicoterapeutico di ricerca delle cause, degli eventi che hanno provocato il fattore ansioso.
Cordiali saluti dott.ssa Peri Bonaria psicologa psicoterapeuta Massa-Carrara

Studio di Psicologia dott.ssa Peri Bonaria Psicologo a Marina di Massa

66 Risposte

16 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Antonella,
l’ansia è un segnale di un disagio interiore che va conosciuto nella sua origine e significato, mi sembra che il suo ragazzo conviva da tempo con un disagio che invalida la qualità della sua vita nei suoi aspetti compreso la vostra relazione. Credo valga la pena di pensare a un aiuto psicoterapeutico per affrontare la sua condizione.
Se avesse un problema a un ginocchio le consiglierebbe di rivolgersi a un professionista (ortopedico), e di non spostare il pensiero su altro, perché il dolore c’è, le propongo questa similitudine perché la possibilità di riconoscere e di orientarsi nel dare valore a ciò che è psichico è nella stessa direzione, ma spesso non lo si pensa.
Disponibile per approfondimenti
Dr.ssa Elisabetta Ciaccia

Dott.ssa Elisabetta Ciaccia studio di psicologia Psicologo a Milano

269 Risposte

69 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Anto, I disturbi d'ansia devono essere trattati da uno specialista, sono complessi e richiedono un trattamento preciso.
Purtroppo pensare ad altro serve a poco se la radice del problema resta.
Le suggerisco di proporre al suo fidanzato di iniziare un percorso psicologico con un terapeuta della sua zona. Ovviamente lui deve essere motivato a iniziare un percorso.
La terapia EMDR è molto efficace su traumi come quello subito dal suo compagno, sul sito EMDR Italia c'è l'elenco dei terapeuti abilitati divisi per regione e e provincia.
Poi, la terapia EMDR non è l'unica possibile, può scegliere anche altri percorsi se si trova bene con il terapeuta.

Un caro saluto,


Luisa Fossati

Dott.ssa Luisa Fossati Psicologo a Firenze

334 Risposte

390 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Ciao Antonella,
il tuo ragazza trattavcome “pre-testo” della sua ansia l’unico evento che gliel’ha fatta emergere,uscir fuori!
l’unico aiuto che puoi dargli è indicargli un percorso terapeutico,attraverso il quale comprenderà non solo come gestire la sua ansia ma soprattutto da dove ha preso origine.
saluti, dottssa Guerra Mariangela

Dott.ssa Mariangela Guerra Psicologo a Policoro

11 Risposte

5 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15700

psicologi

domande 19800

domande

Risposte 79150

Risposte