Forse ho brucciato l'occasione della mia vita. Come rimediare?

Inviata da Fiore · 18 giu 2015 Terapia di coppia

Tra meno pochi giorni mi laureo e non so come farò perché forse non avrò più modo di rivedere il mio amore. Sono innamorata di un professore.
Tutto ebbe inizio nel lontano 2012 quando seguì un corso all'università. Lui teneva il corso e io sedevo ai banchi intenta a capire quella ostia materia che è la sua. Lui fece presto ad accorgersi di me se pure in "negativo". In pratica, abbiamo litigato perché io volevo fare un esame in un appello dei fuori corso e io non lo ero. Alla fine non mi fece fare l'esame ma ora gliene sono grata perché se lo avessi fatto quando volevo io, non avrei seguito il suo corso e non avrei avuto modo di conoscerlo, di sentirmi così tutte le volte che "temo" di incontrarlo, che so di poterlo vedere. Mi sento male alla pancia, sento il mio cuore che batte all'impazzata. Sono felice e sto male allo stesso tempo. Qualche volta l'ho anche sognato...
Fra di noi nacque da subito una simpatia reciproca ma io lo attribuivo a quella litigata. Sentivo segretamente che mi piaceva ma pensavo fosse una cosa passeggera e invece perdura ancora. Turbata dall'idea di non vederlo più alla fine del corso andai da lui ed ebbi il coraggio di chiedergli di aiutarmi con la tesi che avevo già chiesto ad un altro professore. Lui fu molto gentile. Ricordo che quel giorno mi tremò anche la voce. Da quel giorno del 2012 fino ad oggi ci sentiamo per mail e ci siamo visti qualche volta. Durante le nostre chiacchierate parlavamo più di noi che materiale di studio. Lui mi chiedeva come andasse l'università, con chi vivessi, che media avessi, come era andata la sua materia... ha letto anche alcune cose che ho scritto che esulano dall'oggetto di studio della mia facoltà(ho l'abitudine di scribacchiare).
una volta sono andata all'estero. Prima di andare via sono andata a salutarlo. Lui rimase molto meravigliato. Mi ha ringraziato tutto felice e incredulo che fossi venuta "solo" per salutarlo. Durante la mia assenza ci sentivamo per mail se pure raramente. Lui mi aveva chiesto di fargli avere una cosa che ho scritto e che gli interessava leggere. circa sei mesi dopo sono tornata in Italia e sono andata a ricevimento. Quando mi ha visto mi è venuto incontro con le braccia aperte, tutto felice, dicendo il mio nome. Voleva abbracciarmi. Io presa dal panico gli ho semplicemente allungato la mano con la testa bassa. Lui non se lo aspettava. Mi strinse frettolosamente la mano e scappò via indietro. Per qualche istante ci fu un po' di silenzio da parte sua. Io rimanevo ancora alla porta, anzi fuori dalla porta perchè lui mi venne incontro prima di entrare. Io dicevo qualcosa, credo fosse grazie. Ora che ci ripenso avrei dovuto dire scusi(io gli do del lei mentre lui quasi da subito dopo la mia conoscenza mi ha sempre dato del tu). Stavo male per aver rifiutato il suo abbraccio.
Ora ci potrebbe chiedere: perché non lo hai abbracciato se ti piaceva? E poi cosa ci voleva ad abbracciare una persona? Avresti potuto abbracciarlo anche senza nutrire nessun sentimento romantico per lui.
Il fatto è che io non ho mai abbracciato un uomo(non ho voluto avere/non voglio relazione con l'altro sesso prima del matrimonio) e non ho nemmeno avuto un padre che mi avesse mai abbracciato. Il fattoè che per me un abbraccio è tanto soprattutto se proviene da una persona verso cui nutro dei sentimenti. Se io me ne fossi innamorata perdutamente e lui non ci sarebbe stato per me? Io lo amo, credo proprio di sì. A volte mi capitava di passare appositamente di fronte le aule dove sapevo lui teneva lezione. Sentire la sua voce mi causa reazioni che non si possono spiegare a parole se non lo si prova. La sua vista, la sua voce, il suono del nome suscitano in me emozioni che nemmeno la presenza di Dio può provocare.
Adesso i problemi sono due:
1) io da quel giorno in cui ho "rifiutato" il suo abbraccio(metà 2014) non sono più andata a trovarlo. Da allora è passato circa un anno. O meglio sono andata a trovarlo circa un messetto fa e lui era molto freddo. Mi dava del lei e mi ha chiesto perché non fossi più venuta al ricevimento. Io gli ho detto che avevo troppo impegni. Non potevo mica dirgli che avevo paura di innamorarmi troppo di lui, che però avrei tanto voluto venire, vederlo, baciarlo, sposarlo, fare figli con lui, invecchiare con lui.
2) Tra meno di due settimane mi laureo e sono preoccupata dall'idea di non poterlo più rivedere. Lui ha 16 anni più di me, non è sposato e non ha figli. Ma io una volta l'ho visto con una donna con la quale si teneva per mano. Ricordo anche che quel giorno ha deviato, credo pur di non incontrarmi. Io ero con una mia amica in giro per i negozi.
Spero di essere stata abbastanza chiara e di non avervi tediato dilungandomi troppo.
Come posso rimediare? Come posso fargli capire che lo amo senza dirglielo apertamente ed è per questo che sono scappata?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 22 GIU 2015

Gentile Fiore,
dalla sua mail emerge chiaramente la sua confusione attuale ed il suo essere in difficoltà. Ma molto probabilmente la mancanza di chiarezza che ha contraddistinto sin dall'inizio i rapporti con questo professore hanno generato ed alimentano confusione e difficoltà. Sin dall'inizio non c'è stata occasione di parlare e dare un significato a ciò che stava accadendo tra voi, al motivo per cui vi siete comportati in un certo modo e vi siete concessi certi gesti reciprocamente. Questo inevitabilmente lascia spazio alle interpretazioni personali, ad una attribuzione di significati che risponde ai propri bisogni e desideri. Il cercarsi, il sentirsi, il crearsi degli spazi, l'abbracciarsi sono azioni e gesti che possono essere letti ed interpretati in modo differente. Così come le reazioni che lei descrive nel momento in cui lo cerca, sente e vede. Per disambiguare la situazione è fondamentale che parliate chiaramente ed in tutta sincerità definiate la natura del vostro rapporto e di ciò che accade tra voi.

Cordiali saluti,
Dott.ssa Stefania Valagussa

Dott.ssa Stefania Valagussa Psicologo a Concorezzo

251 Risposte

1038 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 GIU 2015

Buongiorno, è chiaro che Lei è innamorata e fa fatica a gestire questo innamoramento. Confessarlo vuol dire esporsi al rischio del rifiuto, ma potrebbe anche dirle di si (anche se 16 anni di differenza sono tanti e fanno un po' pensare), ma anche dicesse di no potrebbe ricostruire un rapporto sul piano dell'amicizia (che è sempre una bella cosa). Ritrovare la propria serenità e il proprio equilibrio è però il suo obiettivo principale, cordiali saluti, dott. Daniele Malerba

Dott. Daniele Malerba Psicologo a Mestre

110 Risposte

32 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 GIU 2015

Ciao Fiore, da quanto tu scrivi mi sembra di aver capito che lui sia un professore molto garbato e gentile, che tende ad una composta confidenzialità, ma io non ho riscontrato sentimenti particolari nei tuoi confronti. Per di più, tu sei sicura si tratti di amore e non soltanto di stima e adorazione per il suo fare paternalistico che non hai mai avuto?
Prima di dirgli che lo ami poniti queste domande.
Lui si è raffreddato dopo aver visto che la confidenza crescente che ti ha dato è stata bloccata da un rifiuto del suo abbraccio, tenuto a distanza da una diplomatica stretta di mano.
Io non credo ce l'abbia con te, ma si è solo ripreso la distanza che naturalmente esiste tra docente e studente.

Se, valutando bene il tutto, sei veramente convinta di amarlo per quello che è e non per quello che rappresenta (l'ideale di un padre) e pensi lui possa corrisponderti, non hai che da inviargli una mail, una delle tante che lui ha sempre apprezzato!

Tantissimi auguri per tutto.
Dott.ssa Annalisa Iovane

Dott.ssa Annalisa Iovane Psicologo a Roma

138 Risposte

109 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 GIU 2015

Cara Fiore,
quello che manca è proprio chiarezza.
Ho l'impressione che il mancato abbraccio abbia confuso anche il professore che, forse, immaginava, un rapporto sereno e chiaro. Potrebbe anche essersi preoccupato che tu possa aver frainteso il suo abbraccio e per un docente non è buona cosa che si parli di li come di una persona che "ci ha provato" con una ragazza che non se lo aspettava.

Vedi bene come i fraintendimenti possono essere di diversa origine.
Quindi, se desideri far sapere i tuoi sentimenti, ci vuole chiarezza. Una mail per accordare un appuntamento, un caffè in posto neutro (non il suo studio) e tanta sincerità. Come andrà, non lo possiami sapere.

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2064 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 GIU 2015

Cara Fiore,
gli stati d'animo che descrivi sembrano quelli di una infatuazione. Spesso sono più caratteristici del periodo adolescenziale piuttosto che a quello adulto ma la tua poca esperienza nei rapporti con l'altro sesso forse ne sono la causa. Tu chiedi come puoi esprimere il tuo sentimento senza dirlo apertamente a lui e questo è qualcosa che non riesco a spiegarmi. Se veramente vuoi dichiarare il tuo amore, perchè non parlarne a quattr'occhi con lui? questo ti aiuterebbe a fare chiarezza e capire se anche lui prova qualcosa nei tuoi confronti e, nel caso, iniziarvi a conoscere per instaurare una vera e prorpria relazione. "Farglielo capire senza dirlo apertamente" potrebbe dare adito a situazioni poco chiare e non gioverebbe alla relazione che tu vuoi intraprendere con lui.
Cari saluti
Dott.ssa Carla Francesca Carcione

Dott.ssa Carla Francesca Carcione Psicologo a Capo d'Orlando

263 Risposte

414 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24150 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24150

domande

Risposte 86900

Risposte