Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Fobia: paura dei bagni e alcune cose correlate

Inviata da Anonimo il 3 ago 2018 Fobie

Sono un ragazzo di circa trent'anni e da che io ricordi sono affetto da una specie di fobia che finora sono più o meno riuscito a nascondere alle altre persone.
Usare un bagno che non conosco, ad esempio quello di un albergo, mi provoca un forte senso di inquietudine. Tra le cose che mi provocano maggiore ansia ci sono i bagni ciechi, o quelli grandi dall'aspetto industriale, ad esempio di vecchie piscine pubbliche, e tutta una serie di oggetti che vi si possono trovare, come scaldabagni, docce con comandi dall'aspetto macchinoso, ventole per l'aerazione, sistemi antincendio e pulsanti di emergenza, nonché sciacquoni particolarmente rumorosi.
Credo che la mia sia soprattutto una paura recondita di poter prendere la scossa con qualche apparato dove convivono acqua ed elettricità (da cui gli scaldabagni ecc di cui sopra) o di rimanere chiuso nella stanza da solo, magari durante un blackout oppure, ancora peggio, mentre la stanza si allaga per qualche guasto o perché si attiva l'allarme antincendio. L'effetto si riduce moltissimo se sono in compagnia di un'altra persona, ad esempio la mia fidanzata è nel bagno a lavarsi i denti mentre io mi faccio la doccia.

Devo dire che, se per certi aspetti le cose sono decisamente migliorate negli anni (ad esempio: ogni volta che ho cambiato casa non ci è voluto tanto per abituarmi), tuttora il problema continua a presentarsi in tutti quei casi che stimolano particolarmente queste paure recondite, e la cosa potrebbe avere ripercussioni imbarazzanti in futuro.

Se dovessi azzardare un'analisi direi che la causa probabilmente è in uno specifico episodio un po' traumatico che potrebbe essermi capitato quando ero bambino, tuttavia non ho memoria che nulla del genere sia successo.

Vi ringrazio per l'attenzione.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buon giorno Anonimo, concordo con Te nell'individuare in un episodio traumatico infantile rimosso. Essendo appunto un trauma inconscio potrai certo "disattivarlo" con l'aiuto di un bravo psicoterapeuta ad orientamento psicodinamico. E non credo che sarebbe necessario un lungo lavoro.
Se non hai altri sintomi/problemi vedrai che ce la farai relativamente presto e bene.
Un cordiale saluto
Dr. Marco Tartari, Roatto , Asti

Dott. Marco Tartari Psicologo a Roatto

701 Risposte

402 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno,
credo che sarebbe interessante esplorare cosa hanno in comune tutte le situazioni che descrive e che apparentemente sembrano in alcuni casi molto diverse le une dalle altre. Ad esempio immagino che la ventola e lo scaldabagno per lei abbiano un significato che le permette di associare queste cose laddove per molti sono due strumenti molto diversi. Colto questo aspetto di comunanza tra le varie situazioni la invito a dare valore al suo "azzardare analisi" che permettano di cogliere il significato personale e relazionale che queste esperienze rappresentano per lei. Credo che poter fare questo nell'ambito di una relazione terapeutica potrebbe procurarle giovamento.

Cordialmente,
dr. Vito Stoppa

Dott. Vito Stoppa Psicologo a Padova

27 Risposte

27 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Ciao, la tua ipotesi di un evento traumatici potrebbe essere giusta. Assieme alla possibilità di ritrovare dei ricordi specifici di un evento traumatico, attraverso un analisi si può poi riportare a galla i vissuti familiari in cui sei cresciuto, a volte frasi ripetute nel tempo come pure modalità educative improntate a suscitare paura (ad esempio "non andare nei bagni di altri perché se no...." oppure "stai attento alla corrente nel bagno perché potresti morire....") possono innescare nel tempo delle fobie.
La fobia da specifica va poi allargata e capita: che cosa ti sta comunicando, cosa devi cambiare, da chi devi distaccarti per evolvere, come far crescere la tua capacità a stare solo.
Se hai bisogno contattami pure
Dott. ssa Silvia Rotondi

Dott.ssa Silvia Rotondi Psicologa - Psicoterapeuta Psicologo a Roma

125 Risposte

39 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Fobie

Vedere più psicologi specializzati in Fobie

Altre domande su Fobie

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15500

psicologi

domande 19050

domande

Risposte 77950

Risposte