Fobia di amare: esiste e la partner come si deve comportare?

Inviata da Gio · 31 mag 2021

Dopo mesi di corteggiamento e di amicizia (ma l'attrazione fisica era fortissima), siamo finiti a letto. Una relazione extraconiugale con un collega molto più giovane: primi mesi intensi e passionali, poi lui cambia sede e poco dopo lascia la fidanzata, con cui non riesce più, dopo il nostro inizio, ad avere rapporti intimi. Tutto si complica. Inizia ad allontanarsi, provocarmi, invitarmi a casa annullando all’ultimo, ma continua a chiamarmi. Chiedo spiegazioni, mi arrabbio più volte, non capisco quest'inversione di rotta, lui ribadisce che mi vuole bene, è colpa del nuovo lavoro.

Decido di chiudere, lui si apre: la mia situazione è complicata, gli procura forte ansia, perché ho una famiglia, una figlia, ha paura che per colpa sua lascio mio marito, dice che tra noi non può esserci una storia e che io ho perso la lucidità, non possiamo proseguire (gli parlavo di alcuni problemi con mio marito, spesso me lo chiedeva lui... ho sbagliato). Ribadisce che mi vuole veramente bene, mi desidera, ma ha l'ansia, che non possiamo più fare sesso perché c’è troppo coinvolgimento, se andiamo avanti si fa sul serio e non possiamo.

Penso alle solite scuse degli uomini che scappano. Ma in queste settimane, continua a chiamarmi con dolcezza, a volte anche per cose assolutamente non necessarie e scuse di lavoro, a volte più volte al giorno. Lo sento vicino, che ha bisogno ed è felice di sentirmi.

Perché un uomo continua a chiamare una donna che sa essere innamorata, se la sta lasciando? È un uomo che ama e ha paura di amare o un uomo con i sensi di colpa per aver sedotto una donna sposata? Lo sento così fragile.

Sono una donna razionale e forte, decisamente consapevole: amo quest’uomo, so razionalmente di sbagliare e sto cercando di risolvere i problemi emersi con mio marito anche grazie a questo tradimento (l'unico in 20 anni). Ho provato a evitare ogni contatto col mio amante. In passato ho chiuso sempre con decisione storie con uomini che non mi amavano: il dolore passa. Con lui non riesco, semplicemente perché sento che c’è un uomo che prova sentimenti forti, ma che vuole affogarli. Non vuole una storia con me, ma mi cerca. Dice di voler mantenere l'amicizia speciale tra noi. Fin dall’inizio non sono stata appiccicosa, facevo in modo che mi chiamasse e cercasse sempre lui, fosse lui a decidere quando vedermi. Sapevo di avere davanti un uomo libertino, giovane e intraprendente, che non ama veder limitati spazi e libertà. Nelle ultime settimane non l'ho mai, mai cercato, mi chiama lui, ma io gli faccio sentire e capire che per lui ci sono.

E' un uomo giovane che scappa da un possibile amore complicato? Razionalmente, che torto dargli? Da una "bravata" si è ritrovato coinvolto.
Ma è giusto soffocare i nostri forti sentimenti?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18850

psicologi

domande 30050

domande

Risposte 102450

Risposte