Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Fino a quando si può allattare?

Inviata da Roberta il 28 ott 2014 Psicologia sociale e legale

Buona sera
Sono mamma di una bimba di 9 mesi. La piccola cresce bene e in salute. Mangia pappe e assaggia di tutto e oltre a questo la allatto ancora quando lei me lo richiede. La sera per addormentarsi chiede sempre il seno e di notte si sveglia ancora 2/3 volte per una poppatina vorace e veloce. Non ha mai voluto nè ciuccio nè biberon di latte artificiale.
Volevo sapere se faccio bene ad allattarla ancora e quando sarebbe bene cominciare a farla dormire senza seno. Concludo dicendo che io sono una mamma serena, ancora a casa dal lavoro e non risento particolarmente dei risvegli notturni. Pongo queste domande perché alcune persone che mi circondano ritengono esagerato che io allatto ancora così tanto e che la bimba abbia ancora dei ritmi da neonato per quanto riguarda le poppate notturne..mi dicono che ormai è una dipendenza e non più nutrimento e che ormai sono diventata il suo ciuccio personale.
Come posso gestire al meglio la crescita di mia figlia? sto sbagliando qualcosa?
Grazie
Attendo ansiosa una vostra gentile risposta.
Roberta

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Più che di dipendenza pare sia una vostra routine interattiva che continua a legarvi molto come nei primissimi mesi di vita della piccola.
Un'alternativa potrebbe essere la graduale riduzione della frequenza delle poppate che possa portare la bambina a dormire senza interruzioni di notte; facilitando la conquista di sempre più autonomie.
Non piacerebbe anche a voi genitori dormire otto ore filate?

Saluti,
Emanuele Cananzi

Emanuele Cananzi - Studio Di Psicologia Psicologo a San Giovanni in Persiceto

5 Risposte

33 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Grazie mille per la vostra attenzione

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Roberta, non c'è un momento preciso per smettere di allattare. Parlando con altre mamme avrà capito che ogni bimbo e ogni mamma hanno tempi diversi per superare fasi evolutive. per cui segua quello che sente essere il suo "istinto" materno e si confronti con il pediatra. Saluti

Alessandro Degasperi Psicologo a Trento

91 Risposte

55 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Il seno è contamporaneamente lo strumento per allattare e una zona erogena nella comunicazione sessuale della coppia.
"Per quanto allattare?" si potrebbe quindi ritradurre così: tengo conto contemporaneamente delle esigenze di mia figlia e di quelle del mio compagno? E come opero una mediazione tra le due?
Infatti è rarissimo che il seno riacquisti la sua valenza erotica di coppia finchè si allatta.

Dr.Brunialti, psicoterapeuta, sessuologa, psicologa europea Psicologo a Rovereto

212 Risposte

674 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Roberta,
l’allattamento non è solo nutrimento, ma relazione. Se, da come ci scrive, l’allattamento è motivo di soddisfazione reciproca per lei e per la sua bambina non c’è motivo di interromperlo. Ciò accadrà molto probabilmente in modo naturale, fisiologico e graduale, quando sia lei sia la sua bambina vi sentirete sufficientemente sicure del legame che vi unisce per potervi “distaccare”, sapendo di essere ormai punti di riferimento imprescindibili l’una per l’altra.
Un cordiale saluto
Dott.ssa Silvia Roberta Villa

Dott.ssa Silvia Roberta Villa Psicologo a Torino

18 Risposte

21 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Roberta!! Ogni rapporto tra una mamma e il suo bambino e' unico e non esistono (fortunatamente) ricette preconfezionate che siano giuste per tutte. La cosa principale e' che lei ascolti se stessa e il suo bambino e non ciò che dicono gli altri che non possono avere esperienza della relazione che lei ha col suo bambino. L'allattamento e' una fase delicata e importante in cui bimbo e mamma si coccolano oltre a nutrirsi con il contatto. Allatti fino a quando lei sente che sta bene e che non le pesa.
Un saluto.
Dott.ssa Mordini

Dott.ssa Serena Mordini Psicologo a Siena

16 Risposte

22 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Roberta
io ho allattato mio figlio per 2 anni.
Nessun problema. Mio figlio che pure è andato al nido dall'età di 1 anno, non si è mai ammalato e non ha mai sofferto di alcun distacco. E' molto sereno. Molto autonomo fin da piccolo. Adesso ha 22 anni e non ha mai preso antibiotici in vita sua.
Cari saluti
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6777 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile signora, mi sembra che lei stia vivendo un rapporto positivo e soddisfacente per entrambe, quindi non ha senso interromperlo perché altri pensano che sia necessario. L'Oms raccomanda l'allattamento, anche integrato con alimentazione dopo i 6 mesi di età, per lo sviluppo del bambino, delle sue difese, e per una buona relazione madre-bambino. Non vi è poi un legame tra autonomia e allattamento. Bambini allattati per vari mesi o nei primi anni possono comunque compiere i loro progressi, le loro acquisizioni e diventare autonomi. Anzi, tutto ciò che a che fare con l'alto contatto (allattare, portare in fascia..) pare rendere il bambino più sicuro e quindi più capace di affrontare la vita man mano che cresce.
Finché lei non patisce i risvegli notturni e ha energia per tutto, vivendo con benessere la situazione attuale, si dedichi a sua figlia in questo modo meraviglioso.
Cordialmente,
Mara Gallo

Dr.ssa Mara Gallo - Psicologa Psicologo a Torino

32 Risposte

46 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Roberta,
in generale si raccomanda di allattare al seno fino a due anni di età per motivi nutrizionali (il latte materno contiene importanti componenti che migliorano la risposta immunitaria del bambino) e per motivi relazionali (l'allattamento è un mezzo importantissimo di comunicazione madre/figlio). Poi si scende nel particolare, cioè ogni donna adatta il proprio stile di allattamento alle esigenze di vita.
Nel suo caso mi pare che non ci siano controindicazioni nel continuare perchè lei sta bene, la bambina sta bene e non ci sono particolari motivi che richiedano un cambiamento.
Nel momento in cui saranno necessari delle variazioni le metta in atto gradualmente sostituendo il piacere di allattare con altri momenti altrettanto piacevoli. La relazione con la sua bambina si costruisce attraverso continui e graduali cambiamenti verso l'autonomia, l'allattamento è solo uno di questi. Saluti, dr Katjuscia Manganiello

Dr.ssa Katjuscia Manganiello Psicologo a Pesaro

125 Risposte

130 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile mamma Roberta,
credo che dietro alla sua preoccupazione dei tempi nell'allattamento, ci sia la grande gratificazione che avviene in lei quando sua figlia le chiede di essere allattata, in quanto richiede il seno e lei, come tutte le mamme, si sente richiesta e voluta. Non esiste una risposta universale alla sua domanda in quanto dipende da molteplici fattori; vi è però un riscontro di fortissima fusione e simbiosi nella relazione mamma e bambino (in età scolare) qualora ci sia stato un allattamento per tempi prolungati (2 anni). Sicuramente la ricerca del seno prima di addormentarsi è un modo per sentirsi rassicurata e protetta, è vero che al momento non lavora, ma se ha in previsione un ritorno potrebbe risultare difficile continuare con questi ritmi. Nella fascia di età in cui si trova sua figlia potrebbe essere molto utile la presenza di una figura maschile, o una terza persona che possa separare in modo sano. Essere genitori è il mestiere più difficile al mondo e si impara solo sul campo con dubbi ed esperti che possano supportare in questo.
Cordialmente
Dott.ssa Chiara

Dott.ssa Tullia Chiara Psicologo a Treviso

1 Risposta

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Roberta, complimenti per il bel rapporto che sta costruendo con la sua bambina. Relativamente all'allattamento al seno, l'Organizzazione Mondiale della Sanità e l'UNICEF hanno redatto un decalogo di misure, sottolineando in primo luogo l'importanza e i benefici psicologici per il bambino dell'allattamento al seno materno. L’allattamento al seno è importante in quanto favorisce lo sviluppo di un rapporto stretto e dolce fra madre e bambino. Alcuni studi suggeriscono che l’allattamento al seno può aiutare un bambino nel suo sviluppo intellettivo.
§Venendo alla sua domanda rispetto alle tempistiche dell'allattamento, l'OMS e L'l'UNICEF raccomandano:
- Cominciare l’allattamento entro 1 ora dalla nascita
- Allattamento esclusivo fino a 6 mesi (allattamento esclusivo significa non dare ad un bambino altri alimenti o liquidi, compresa l’acqua (eccetto medicinali, vitamine e sali minerali; è consentito dare latte materno spremuto)
- Tra i 4 e i 6 mesi possono essere dati alimenti complementari solo se il bambino ha fame e non cresce
- Dai 6 mesi di età circa vanno dati alimenti complementari a tutti i bambini
- Continuare l’allattamento al seno fino a due anni o più.
Quindi, non ascolti le voci e i pareri di altri. Continui come sta facendo e si affidi a quanto suggeriscono OMS e UNICEF.
Un caro saluto
Maria Rita MIlesi
Psicologa Psicoterapeuta a Bergamo e a Milano

Dr.ssa Maria Rita Milesi Psicologo a Bergamo

140 Risposte

187 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Altre domande su Psicologia sociale e legale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15650

psicologi

domande 19750

domande

Risposte 79100

Risposte