Ferita dal terapeuta

Inviata da Ecrú. 17 mar 2019 1 Risposta  · Psicoterapia

Salve a tutti,
ho iniziato un percorso di psicoterapia ad indirizzo analitico a causa di alcuni disturbi di tipo somatoforme. Il percorso è ancora all'inizio - dato che mi accingo a compiere, solamente, i primi cinque mesi di terapia- ma ho già sviluppato sentimenti di transfert verso il mio terapeuta. Tuttavia, ora mi trovo ad un bivio: continuare la frequentazione oppure cambiare terapeuta. Infatti a seguito di un "errore" del terapeuta, mi sono sentita molto infastidita, inadeguata, impreparata. La cosa è stata riferita, nella seduta successiva, c'è stata l'ammissione della "colpa" da parte dello stesso terapeuta, ma non mi è stato possibile comunque perdonare quell'errore, e vivo dunque, ora, un profondo dissidio interiore: provo un amore immenso per il terapeuta, qualcosa di puro e meraviglioso, qualcosa che è ammirazione, devozione e volontà di compiacerlo in tutto, ma ora sento pure che qualcosa è crollato -o sta crollando. Infatti, non mi fido di lui, mi sento giudicata, e pure idealizzata, ferita quindi nel profondo, ma senza possibilità di essere sincera davvero. Il problema è relativo al fatto che quel suo errore ha aperto una ferita che non ero pronta ad affrontare, e che mi ha portato -tormentata da questi fantasmi che ancora non volevo vedere- a compiere atti autolesionistici. Ora quindi mi percepisco sola in questa battaglia: l'inconscio tormenta le mie notti con sogni perturbanti, e in colui che ha innescato questo, non riesco a vedere un valido aiuto.
La domanda quindi è: forzarmi, cioè sorvolare sulla delusione e umana e transferale per cercare di arginare questa tensione emotiva che non sono ancora capace di gestire da sola; oppure, abbandonare il terapeuta, e cercare aiuto in un altro professionista?
Ringrazio anticipatamente chi vorrà aiutarmi a far chiarezza

amore

Miglior risposta

Buonasera Ecrù,

Diciamo che alla base della relazione terapeuta ci deve essere la fiducia e di conseguenza il non sentirsi giudicati. Risulta difficile rispondere alla sua domanda senza sapere quale sia l'errore che l'ha ferita, tuttavia se non sente più il legame come sicuro non è semplice continuare la terapia.
Resto a disposizione per eventuali chiarimenti, se vuole mi può scrivere.
Cordiali saluti
Dott.ssa Alice Noseda

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Problemi col mio ex terapeuta a distanza di due anni:che fare?

1 Risposta, Ultima risposta il 14 Agosto 2019

Ho parlato con il Terapeuta..

3 Risposte, Ultima risposta il 28 Agosto 2016

Cambiare terapeuta o concedermi un periodo di pausa?

1 Risposta, Ultima risposta il 20 Maggio 2016

Memoria li e allora

2 Risposte, Ultima risposta il 24 Novembre 2016

Psicoterapia, quando può funzionare?

4 Risposte, Ultima risposta il 17 Giugno 2016

psicoterapia ansia transfert?

1 Risposta, Ultima risposta il 22 Marzo 2017

Lo Psicoterapeuta impersonale ma anche no

2 Risposte, Ultima risposta il 19 Dicembre 2015

Contatto cn Guidapsicologi.Ridefinizione

1 Risposta, Ultima risposta il 29 Giugno 2018