Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Ferita dal terapeuta

Inviata da Ecrú il 17 mar 2019 Psicoterapia

Salve a tutti,
ho iniziato un percorso di psicoterapia ad indirizzo analitico a causa di alcuni disturbi di tipo somatoforme. Il percorso è ancora all'inizio - dato che mi accingo a compiere, solamente, i primi cinque mesi di terapia- ma ho già sviluppato sentimenti di transfert verso il mio terapeuta. Tuttavia, ora mi trovo ad un bivio: continuare la frequentazione oppure cambiare terapeuta. Infatti a seguito di un "errore" del terapeuta, mi sono sentita molto infastidita, inadeguata, impreparata. La cosa è stata riferita, nella seduta successiva, c'è stata l'ammissione della "colpa" da parte dello stesso terapeuta, ma non mi è stato possibile comunque perdonare quell'errore, e vivo dunque, ora, un profondo dissidio interiore: provo un amore immenso per il terapeuta, qualcosa di puro e meraviglioso, qualcosa che è ammirazione, devozione e volontà di compiacerlo in tutto, ma ora sento pure che qualcosa è crollato -o sta crollando. Infatti, non mi fido di lui, mi sento giudicata, e pure idealizzata, ferita quindi nel profondo, ma senza possibilità di essere sincera davvero. Il problema è relativo al fatto che quel suo errore ha aperto una ferita che non ero pronta ad affrontare, e che mi ha portato -tormentata da questi fantasmi che ancora non volevo vedere- a compiere atti autolesionistici. Ora quindi mi percepisco sola in questa battaglia: l'inconscio tormenta le mie notti con sogni perturbanti, e in colui che ha innescato questo, non riesco a vedere un valido aiuto.
La domanda quindi è: forzarmi, cioè sorvolare sulla delusione e umana e transferale per cercare di arginare questa tensione emotiva che non sono ancora capace di gestire da sola; oppure, abbandonare il terapeuta, e cercare aiuto in un altro professionista?
Ringrazio anticipatamente chi vorrà aiutarmi a far chiarezza

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buonasera Ecrù,

Diciamo che alla base della relazione terapeuta ci deve essere la fiducia e di conseguenza il non sentirsi giudicati. Risulta difficile rispondere alla sua domanda senza sapere quale sia l'errore che l'ha ferita, tuttavia se non sente più il legame come sicuro non è semplice continuare la terapia.
Resto a disposizione per eventuali chiarimenti, se vuole mi può scrivere.
Cordiali saluti
Dott.ssa Alice Noseda

Dott.ssa Alice Noseda Psicologo a Lecco

1543 Risposte

1138 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicoterapia

Vedere più psicologi specializzati in Psicoterapia

Altre domande su Psicoterapia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20050

domande

Risposte 77800

Risposte