Ex ragazzo o attuale?

Inviata da Francesca il 15 ott 2016 Terapia di coppia

Buonasera,
sono nuova e ho bisogno del vostro aiuto. Due anni fa ho iniziato una relazione con un ragazzo con il quale ho vissuto nove mesi di felicità idilliaca. È stato il mio primo amore, anche se riconosco, che per le insicurezze dovute all'età e all'ingenuità della prima esperienza, l'ho fatto soffrire molte volte. L'ho lasciato e ripreso per ben quattro volte ricevendo da parte sua reazioni come minacce di suicidio, rifiuto del cibo, mancanza di sonno etc. Quando finalmente avevo deciso di continuare la nostra relazione in maniera stabile alla luce dei fortissimi sentimenti che entrambi provavamo è partito per una vacanza con gli amici che io stessa l'ho spronato a fare. Dopo soli due giorni dalla partenza in maniera del tutto improvvisa ed inaspettata ha confessato di avermi tradito dicendo di aver capito di non amarmi più e che io non fossi la persona per lui, senza neanche una vena di dispiacere o di pentimento, anzi percepivo quasi il gusto di farmi stare male. La situazione ha causato in me uno stato di shock e di totale disperazione. Qualche mese dopo conseguentemente a dei miei tentativi di chiarire la situazione con la speranza di tornare insieme ha detto che mi amava ancora e che aveva sbagliato. È iniziato un anno di tira e molla continui che però non ci hanno mai visti tornare insieme effettivamente. Nel corso di quest'anno il motivo per cui non abbiamo mai trovato una soluzione definitiva è stato il suo comportarsi male ripetutamente, frequentava altre ragazze oltre me, cambiava idea molto in fretta passando da momenti di assoluto interesse a momenti di totale indifferenza. Al suo ennesimo gesto negativo avvenuto quest'estate ho deciso definitivamente di metterci una pietra sopra. Ammetto però di aver continuato e di continuare ad amarlo e di sentire la sua mancanza in maniera devastante. Da qualche settimana a questa parte ho cominciato a frequentare un ragazzo che mi ha resa estremamente felice in poco tempo con cui condivido molti interessi e che apprezzo molto come persona. Lui è presissimo e io anche credo di provare un interesse reale. Ieri però il mio ex mi ha chiesto di vederci e non ho saputo dire di no. Siamo stati insieme di nuovo e siamo stati benissimo. Lui mi ha detto delle cose importanti come nel corso dell'ultimo anno non aveva mai fatto affermando di sapere che un giorno sarebbe voluto tornare "a casa" perché non avrebbe mai trovato nessuno come me e perché sentiva la mia mancanza. È stata forse la prima volta che non ho dovuto cercarlo io, ha fatto tutto da solo. Credendo a queste parole, ho tradito il ragazzo che attualmente frequento. Adesso da un lato mi rendo conto di non voler interrompere la "storia" con questo ragazzo perché in poco tempo mi ha fatto stare bene e mi ha fatto ritrovare la speranza di poter andare avanti e superare tutto ma allo stesso tempo non mi sento di dire di no al mio ex perché c'è un bagaglio di emozioni, di sentimenti e di ricordi alle mie spalle che è troppo pesante. Che devo fare?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buongiorno gentile Francesca,
ci chiede cosa deve fare e la risposta è: riflettere su se stessa e sulle sue priorità affettive. Probabilmente non le è bastato vivere sul filo del rasoio con il suo ex, vivere in una incertezza dovuta ai capricci seduttivi, prove e riprove per vedere se l'altro c'è o non c'è. La vita Le sta ponendo un'alternativa e una occasione importante che non andrebbe sottovalutata in quanto non è scontato vivere un rapporto amoroso armonioso.
Spero di averle fornito degli spunti di riflessione
Cordiali saluti
Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Roma

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Francesca,
Non precisi la tua età, anche se all'inizio fai capire di essere molto giovane e alla prima esperienza.
Credo che quando si stia crescendo sia nella norma fare errori ed anche non sapere cosa scegliere, così come credo che per una giovane ci sia un maggiore bisogno di attenzioni e di poter sapere che si può piacere, piuttosto che un reale impegno affettivo-emotivo e relazionale, come per te in entrambi i casi.
Perciò non è tanto importante la scelta di uno o dell'altro, piuttosto la possibilità di sperimentare e capire quale sia il tuo registro affettivo, che si riesce a comprendere con il tempo, se si riesce a non fuggire dalle situazioni affettive stesse.

Cordiali saluti,
Sara Moruzzi.

Dott.ssa Moruzzi Sara Psicologo a Parma

21 Risposte

27 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15250

psicologi

domande 19650

domande

Risposte 77150

Risposte