essere fuori corso

Inviata da Micaela Stefanini · 15 apr 2021

sono al terzo anno fuori corso di giurisprudenza e mi sento una fallita. mi mancano ancora dieci esami per finire e mi sembra di essere in un tunnel senza fine. quattro anni fa, dopo aver sbagliato un esame, sono iniziati gli attacchi di panico e, nonostante ora li riesco a controllare meglio, continuo ad averli. passo da uno stato di calma ad uno dove vorrei solo piangere. ho moltissima paura che essendo così fuori corso la gente non riuscirà a vedere il mio valore e che non riuscirò a trovare il lavoro dei miei sogni

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 16 APR 2021

Cara Micaela,
posso immaginare la sofferenza che lei prova in questo momento e non deve essere facile da gestire.
Convivere con pensieri negativi significa portarsi dietro un velo nero, significa avere un macigno che probabilmente le procura le sensazioni di fallimento che a loro volta la fanno entrare nel circolo dell'ansia e del panico.
E' una vera fatica, non solo emotiva ma anche fisica; ed ecco che anche studiare diventa oggettivamente difficile, cadendo nuovamente nel circolo vizioso in cui ci si sente "indietro" rispetto gli altri, o meglio rispetto le aspettative degli altri che spesso possono fungere da gabbia invisibile.
Le posso consigliare di tenere un diario giornaliero che può compilare con pensieri ed emozioni affinchè possa chiarirsi i suoi vissuti interni e imparare a "distaccarsene". Provi a condividerli con qualcuno di cui si fida e valuti eventualmente l'idea di affidarsi ad un professionista che possa guidarla alla scoperta di sè; potrebbe acquisire nuove prospettive di benessere che tanto merita.
Mi faccia sapere come va e le auguro il meglio,
Dott.ssa Monteleone (disponibile per terapia online)

Dott.ssa Monteleone Maria Alessia Psicologo a Palo del Colle

148 Risposte

100 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 APR 2021

Gentile Micaela,
colgo la sua fatica quotidiana, comprendo la sensazione di ansia intensa che arriva al panico e che la blocca, alimentata da pensieri fortemente negativi verso se stessa.
E' importante che lei si chieda se è convinta di questo percorso di studi intrapreso, se si immagina a fare l'avvocata o il magistrato.
Se sente di essere una fallita considera il suo valore, la stima di sé sulla base del fare, delle competenze che dimostra di avere agli altri e questo mi riporta ad un pensiero molto giudicante, a giudizi esterni che teme e che probabilmente le sono arrivati nella sua vita (prevale in lei un Sé Imperativo: quello che sente di dover essere a discapito del Sé reale: quello che crede di essere).
Vuole dimostrare qualcosa a qualcuno oppure ha come obiettivo studiare ciò che ama e in cui si riconosce? Deve farlo per se stessa, per realizzarsi nella vita e non per dimostrare a qualcuno che ce la fa a laurearsi.
Penso che la aiuterebbe anche introdurre nella sua quotidianità la meditazione di consapevolezza (Mindfulness), che la aiuta a stare nel momento presente senza giudizi, che le fa sperimentare che un 'pensiero è solo un pensiero' e non la realtà delle cose e che la può aiutare ad avere maggior attenzione e concentrazione.
Non si scoraggi, se vuole stare meglio un aiuto professionale in questo momento potrebbe sbloccarla e farle acquisire più fiducia in se stessa.
Se desidera approfondire io sono disponibile, anche online.
dott.ssa Raffaella Ramazzotti
psicologa psicoterapeuta sistemico-relazionale
istruttrice di interventi basati sulla Mindfulness

Dott.ssa Raffaella Ramazzotti Psicologo a Ancona

70 Risposte

24 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 APR 2021

Cara Micaela,
comprendo bene le tue parole: "mi sento fallita" e "mi sembra di essere in un tunnel senza fine". La tua è una chiara richiesta di aiuto; le tue considerazioni segnalano che sei ferma in un vicolo cieco poiché sei stata sopraffatta dagli avvenimenti che ti hanno causato un forte stress anche emotivo.
Nulla comunque di irreparabile perché può accadere di perdere la fiducia in sè stessi per un qualsiasi motivo che incrociamo nel nostro percorso... ma la vita di ogni persona è in divenire e anche la tua, quindi datti un tempo e una speranza!
Ti consiglio di consultare uno psicoterapeuta, ti aiuterà a riannodare quei fili invisibili ma essenziali che si sono allentati, producendo quanto descrivi di te stessa.
Vedrai che in breve potrai riprendere i tuoi studi e ricevere tutte le soddisfazioni che la vita ha in serbo per te!

Dott.ssa Scibelli Sandra Psicologo a Mestre

6 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 APR 2021

Salve gentile Micaela.
I sintomi che viviamo sono il simbolo di un equilibrio che viene a mancare e che bisognerebbe comprendere per poter recuperare il benessere. La mente parla, cosi come il nostro corpo, lanciandoci segnali che dovrebbero essere accolti. Capisco come non debba essere facile ciò che sta vivendo, che sembra mettere in dubbio anche il suo valore personale incrementando inevitabilmente il disagio in un circolo vizioso. Ciò che posso dirle è che l'ansia e il panico possono essere gestiti e superati utilizzando le strategie giuste e, prima viene presa in mano la situazione, maggiore sarà la possibilità di fronteggiamento e minore il rischio di cronicità. Le consiglio di intraprendere un percorso psicologico che potrà assolutamente aiutarla in modo pratico a gestire la sua intensità emotiva lavorando su tutti i fattori che contribuiscono al suo ciclo d'ansia (pensieri e credenze disfunionali,emozioni, sensazioni, comportamenti etc), dopo averli bene osservati e compresi. Rimango a disposizione anche in privato se dovesse averne bisogno. Saluti, dott.ssa Laura Paniccià.

Dott.ssa. Laura Paniccià Psicologo a Porto Sant'Elpidio

109 Risposte

44 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 APR 2021

Buongiorno Micaela,
la comparsa degli attacchi di panico sono il segnale di una perdita del suo equilibrio psichico, e seppure li controlla permangono intaccando la sua autostima e valore.
Chieda un aiuto psicoterapeutico per conoscere l'origine degli attacchi e risolverli, sono passati quattro anni! Se li affronta e li risolve potrà uscire dal tunnel e riprendere il suo percorso universitario e la sua vita.
Rimango a disposizione
Dr.ssa Elisabetta Ciaccia

Dott.ssa Elisabetta Ciaccia studio di psicologia Psicologo a Milano

504 Risposte

174 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18300

psicologi

domande 28900

domande

Risposte 98900

Risposte