È una storia fallita?

Inviata da Desire · 13 feb 2013 Terapia di coppia

Salve, inizio precisando che sono una straniera, anche se non c'entra con il problema, ma almeno giustifica qualche eventuale errore di grammatica. Col mio fidanzato (lui è italiano) stiamo insieme da 2 anni e mezzo e conviviamo da piu di 2 anni. La nostra storia è partita male dall'inizio quando doveva essere bella e piena di sentimenti... Voglio aggiungere che sono una persona vera e trasparente, in amore dò tutta me stessa, dedico al mio ragazzo tutto il mio tempo e attenzione, cose che non ho trovato in lui. Dall'inizio lui prestava troppa attenzione a una vicina di casa e al suo bimbo, quasi flirtava con lei d'avanti a me fino al momento in cui quella ha bussato di notte alla nostra finestra a chiederlo di andare a casa sua che gli era mancata la corrente. Cosi lui rifiutando forse ha capito che la cosa andava oltre i limiti. Ci sono stati dei momenti molto fastidiosi per me anche se lui diceva sempre che non era per niente interessato a lei. Alla fine non la salutava neanche e io pensavo che tutto era finito per sempre. Però dopo qualche mese al suo lavoro si è presentata una nuova collega alla quale lui ha dato da subito troppa confidenza. A me lei non mi salutava neanche, mentre a lui si confidava troppo quando non c'ero io e gli raccontava e chiedeva cose piuttosto private. Sospetavo un grave problema in futuro e come sempre non mi sono sbagliata, lui l'ha aggiunta come amica su facebook e stava a lungo a guardare le sue foto dimostrando interesse per lei. In quel periodo sono stata mallissimo per settimane e mesi, non facevo piu una vita normale, non stavo tranquilla quando lui lavorava e c'era anche lei. Cosi lui ha cambiato lavoro anche per altri motivi ma anche per allontanarsi da quel mio punto di sofferenza. Però ancora oggi mi rendo conto che chiede informazioni su di lei o cerca di parlare di lei con gli amici. Comunque anche questa è passata. Ha trovato un lavoro fuori città e per un pò stavo tranquilla. Ha iniziato però a ritardare la sera, a volte tornava con 1 ora di ritardo e sempre aveva una scusa. Un giorno dopo il suo ritardo ho controllato il suo telefonino e ho trovato 8 chiamate in uscita verso un'altra sua collega che prima non mi aveva fatto venire nessun dubbio avendo quasi l'età di mia madre... 8 chiamate dopo lavoro e dopo la mezzanotte però erano troppe. Gli ho dato un pò di tempo e ho capito che non me lo diceva da solo quindi gli ho fatto io la domanda alla quale ha risposto che erano partite per caso le chiamate... ma dopo giorni di litiggi mi ha confessato che le chiamate erano una questione di lavoro. Stavo male ma cercavo di credergli per andare avanti. Nel frattempo però ho visto che la cercava su internet, e che gli aveva mandato un messaggio al cellulare invitandola ad uscire insieme per un caffè. In quel periodo lui cercava anche ragazze su internet, visitava dei siti "poco di buono" e ci eravamo allontanati al massimo anche se poi ha detto che faceva tutto apposta perche sapeva che lo leggevo e lo faceva per farmi stare male. Ma dopo l'enesimo litiggio abbiamo deciso di riprovare per un'ultima volta. Pensavo che se lavoravo anche io, se lo facevo ingelosire negli stessi modi gli avrei fatto capire come ci si sente e sarebbe cambiato, ma lui era decisivo dicendo che non poteva cambiare, che lui è cosi, gli piace "giocare e scherzare al lavoro" che il tempo passava piu veloce... a me ovviamente questo non mi stava bene e cercavo di farlglielo capire che le cose che volevo in una relazione erano tutto il contrario - affetto e attenzione per me non per tutte le altre tranne me. Collego sempre i nostri problemi al fatto che lui ha avuto poche esperienze prima di me, che non sapeva come comportarsi e come si tratta la propria ragazza, che non ha mai convissuto con un'altra ragazza prima e non sapeva come cambiava un rapporto da una semplice relazione a convivere e creare magari una famiglia. Io non ho mai pensato a un altro uomo in questi anni, mi sono allontanata da tutti proprio per non creare dubbi come ha sempre fatto lui. Gli dimostravo in diversi modi che lo amavo e ci tenevo e anche con la gelosia che lui tanto odia mentre a me dispiace che lui non è mai geloso, per me significa che non ci tiene e si fida troppo di me. Io non mi sono mai fidata di lui e lo so che in una relazione seria questo è il problema piu grave ma le lunghe discussioni non hanno mai aiutato. Perché i problemi in passato che ho descritto non sono per colpa delle ragazze ma solo per colpa sua perché alla fine dei conti è lui quello "impegnato" che dovrebbe cambiare atteggiamento. E poi, lui è uno che non ti dice mai niente, come è passata la giornata, chi ha visto, con chi ha parlato al telefono... e non per mancanza di fiduccia ma perché non li ritiene cose importanti da farmi sapere. Cosi quando scopro qualcosa da sola comincio a pensare al motivo per cui l'ha nascosta. Non vorrei lasciarlo, gli voglio bene e vorrei fargli capire che cosi non starebbe bene con nessuna ragazza e che il problema non sono io che sono "gelosa" ma è lui che mi fa ingelosire ogni poco. In realtà in vita mia non sono stata mai gelosa, mi sono sempre fidata del mio compagno e non ho mai avuto problemi del genere con nessuno. Lui invece mi dice che c'è sempre differenza tra i paesi e che forse è questo il problema più grave... Ma che c'entra? Mi vuole dire che in Italia non ci sono uomini fedeli che amano la propria ragazza con tutto il cuore e la fanno sentire ogni giorno la cosa più importante nella loro vita? Credetemi l'unica cosa che voglio è essere felice e amata e amare il mio Lui, ma temo che cercando quello giusto ho trovato il più sbagliato possibile... Intanto viviamo come 2 inquilini e l'unica cosa che ancora ci unisce è fare la cena insieme... e pensando che 1 anno fa ci addormentavamo stringendo le mani l'uno all'altra... adesso ci giriamo le spalle, e l'unico "collegamento" rimane il cane che dorme in mezzo a noi e ci divide completamente. A volte mi rendo conto che sono gelosa anche di lei (il cane) perché lo vedo che dedica tutto il suo tempo a lei, gli dà tanto affetto, attenzioni, coccole...a me se tutto va bene mi dà un bacetto quando torna dal lavoro.. Come vedete ci sono alti e bassi ma anche quelli alti per me sono bassi. Quando stiamo bene e non abbiamo nessun problema possono passare giorni e settimane e lo vedo come cambia da solo d'avanti ai miei occhi allontanandosi giorno dopo giorno e ci rimango male perché lo fa senza alcun motivo. E non se ne rende conto che cosi crea l'ennesimo problema. Ammetto che ho un carattere difficile e lo ha anche lui essendo di segno zodiacale dei gemelli, ma io credo che la vita ci fa imparare delle cose che dobbiamo accettare e affrontare e non capisco perche lui non impara niente e neanche dai suoi stessi errori. Lo ritengo una persona piuttosto superficiale ma a volte esagera e non se ne accorge nè della mia presenza nè della mia sofferenza. Sembra che per lui l'unica cosa importante nella vita sia il suo lavoro e dà per scontato tutto il resto come sentimenti, veri valori e responsabilità. E intanto continua a dire che mi ama ancora anche se non me lo dimostra in nessun modo ormai da anni... e i rapporti intimi sono sempre più rari e la cosa mi fa pensare che lui non ha proprio più bisogno di me. Il dialogo non ha mai aiutato e credo che la storia finirà un giorno solo perché abbiamo lasciato perdere, per non discutere piu...

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 14 FEB 2013

Carissima,
ci sono persone la cui autostima si regge sul fatto di vedersi 'adorati' dall'altro, quindi compiacciono e seducono gli altri non con un intento vero, ma per avere quel ritorno che li gratifica e li nutre, quello sguardo 'adorante' e seduttore di ritorno. Non so se il suo compagno sia di questo tipo ...
Ci sono poi persone che, per la loro storia, patiscono del fatto che il partner possa dedicare tempo ed attenzioni ad altri (bambini e cuccioli di casa compresi, o anche lo sport e gli amici), vivendolo come una sottrazione a sè ...
Naturalmente ci sono tanti tipi di persone e miliardi di sfacettature in queste differenze ...
Forse sarebbe meglio una consultazione da un professionista di coppia, perchè sono sicura che c'è molta più complessità di quella che si può descrivere in una pagina.
Io inizierei analizzando come mai vi siete scelti, e come, se c'è il desiderio, riuscire a stare insieme senza soffrire.
Un caro saluto

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 FEB 2013

Carissima, sembra tu faccia di tutto per alimentare un tuo sogno che non risponde a realtà... eppure le risposte le hai lì a portata di mano, le vedi ma non le cogli. Cos'è che ti impedisce di prendere in mano il tuo destino?

Studio Bottin Psicologo a Selvazzano Dentro

29 Risposte

14 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 FEB 2013

Gent.ssima Desire, ha mai provato a chiedersi cosa la tiene legata ad un rapporto che come dice lei "sin dal principio era partito male "?
Forse darsi un'occasione per conoscere meglio se stessa, i requisiti che per lei sono basilari per essere felice in coppia , i piccoli sacrifici che è diposta a concedere, o i limiti oltre i quali non ritiene appropriato andare, potrebbe essere una risorsa in grado di aiutarla a scegliere cosa fare di questo rapporto.
A sua disposizione , nel caso avesse voglia di parlarne .
Dott.ssa Silvania Barnini

Anonimo-125403 Psicologo a Firenze

8 Risposte

6 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16650

psicologi

domande 23050

domande

Risposte 84400

Risposte