È possibile guarire completamente da un disturbo alimentare?

Inviata da Alessia il 15 mag 2019 Depressione

Non so come classificare il mio disturbo alimentare so solo di averne uno che mi ha completamente cambiato la vita da tre anni a questa parte. Tutto è iniziato quando ho cominciato a perdere peso ossessivamente e in modo sicuramente poco sano, estremo... dopo questo lungo periodo fatto di digiuni ed estenuanti ore in palestra sono comparse le prime abbuffate compensate da digiuni! Questo momento complessivamente è durato 7 mesi poi non so dire con precisione cosa ha fatto sì che io iniziassi ad abbuffarmi compulsivamente e con regolarità... sono anni ormai che la mia vita è fatta di abbuffate, peso oscillante, pensieri autodistruttivi e sensi di colpa estenuanti... troverò mai la luce in fondo al tunnel?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buongiorno Alessia,
come molti altri disturbi anche quelli alimentari possono essere affrontati e risolti, in alcuni casi anche in tempi brevi (poche sedute quindicinali o mensili). Si tratta di applicare dei protocolli con prescrizioni comportamentali costruiti ad hoc sul problema. Questo può svolgersi anche attraverso una consulenza psicologica on-line.
Un caro saluto
Dott.ssa Maria Giovanna Zocco

Dr.ssa Maria Giovanna Zocco Psicologo a Modica

162 Risposte

264 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Alessia,
le consiglio di andare a fondo del suo problema attraverso un percorso psicologico.
I disturbi alimentari sono disturbi che si trovano a cavallo tra le psicopatologie cliniche e non cliniche, ma anoressie e bulimie sono trattabili. Meglio intervenire il prima possibile, poiché c'è il rischio che intervengano delle sintomatologie, magari somatiche, quindi c'è un aspetto che va curato poi dal punto di vista medicale.
Le consiglio di lavorare innanzitutto sulla sua storia, sul suo vissuto, con un analista.
Abbia fiducia, si può guarire.
Rimango a disposizione.
Cordiali Saluti
Dott. Giancarlo Gramaglia

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

278 Risposte

109 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Alessia,
per rispondere alla sua domanda: si, indubbiamente si può guarire definitivamente dal disturbo che presenta (così come si guarisce da ogni altro disturbo psicologico). Ovviamente deve intraprendere una psicoterapia che possa sfruttare il suo sintomo per capire ciò che c'è alla base, ciò che si nasconde dietro la sua manifestazione. Ci vorrà tempo e fatica perché sarà chiamata a mettersi in gioco ma la posta è alta: la sua salute. Buona fortuna!

Psicologo Andres Rivera Garcia Psicologo a San Benedetto del Tronto

13 Risposte

10 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Si. È un disturbo e come tale va trattato con un percorso e sostegno psicologico mirato. Un colloquio conoscitivo telefonico gratuito potrà aiutare ad approfondire eventuali domande.

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gent. Alessia,
senz'altro è possibile uscire dal "tunnel" come lei stessa lo definisce, si tratta di intraprendere al più presto un percorso psicoterapeutico e.............metterci tanta tanta buona volontà!
Restando a Sua disposizione e facendoLe i miei migliori auguri, invio cordiali saluti
Dott.ssa Giulia Di Simone

Dott.ssa Giulia Di Simone Psicologo a Palermo

13 Risposte

13 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Alessia, il Tuo è un disturbo serio, Ma ciò che descrivi sono sintomi di una sofferenza inconscia forte e profonda. Solo la psicoterapia psicodinamica, o meglio la psicoanalisi, può affrontarlo e risolverlo . Sarò comunque un percorso impegnativo. Ma non vi sono alternative. Ma funziona.
Resto a Tua disposizione anche per eventuali ulteriori chiarimenti.
Un caro saluto.
Dr. Marco Tartari

Dott. Marco Tartari Psicologo a Roatto

689 Risposte

396 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno, dalla sua descrizione non si comprende la sua età. L'età di insorgenza del disturbo è importante per una sua comprensione. Lei inoltre potrebbe rivolgersi a uno psicoterapeuta di zona i a un consultorio per iniziare a non sentirsi più sola nell'affrontare un eventuale disturbo alimentare e i "fantasmi"ad esso associati.

Dott.re Lorenzetto Claudio Psicologo a Ferrara

194 Risposte

65 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buonasera Alessia,

Comprendo il suo malessere e anche due diversi pensieri che prova : pensieri autodistruttivi ed infine i sensi di colpa . Le consiglio, visto il periodo lungo di sofferenza e malessere, di intraprendere un percorso psicologico presso un professionista della sua zona.
Resto a disposizione per eventuali chiarimenti, se vuole mi può contattare
Cordiali saluti
Dott.ssa Alice noseda

Dott.ssa Alice Noseda Psicologo a Lecco

1537 Risposte

1136 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Carissima Alessia,
i disturbi del comportamento alimentare sono molto difficili ed inficianti. Come Lei stessa ha constatato e riconosciuto, hanno effetti che si riflettono su molti aspetti della vita.
Si può guarire? Certamente, il sintomo si può trattare. Serve però un percorso che possa aiutarLa a trovare un modo soggettivo di vita più sereno e conforme al Suo desiderio.
Ce la può fare!

A disposizione per ulteriori informazioni.

Un caro saluto

Dott.ssa Fornari Daniela
Iseo (BS)

Dott.ssa Daniela Fornari Psicologo a Iseo

375 Risposte

419 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Alessia,
da anni mi occupo di disturbi del comportamento alimentare e nello specifico di bulimia.
Dietro le abbuffate si muovono dinamiche psicologiche che spesso hanno a che fare con la gestione di emozioni, difficoltà nella gestione di relazione e altro.
La comprensione di tali dinamiche favorisce la conoscenza e il significato della ricerca del cibo, che diventa un automatismo per sedare, coprire tali manifestazioni. Le consiglio di prendere in considerazione un aiuto psicoterapeutico per iniziare a scoprire ciò che la spinge all’uso del cibo, è la via per uscirne.
Disponibile per approfondimenti.
Dr.ssa Elisabetta Ciaccia Milano

Dott.ssa Elisabetta Ciaccia studio di psicologia Psicologo a Milano

217 Risposte

48 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Alessia
Il suo disturbo si chiama disturbo alimentario bulimico. Le consiglio di avviare un percorso terapeutico prima possibile perché tale disturbo è molto serio è non solo crea un profondo disaggio psicologico e sociale ma la sua salute si mete in dura prova.
Per qualsiasi cosa rimango alla sua disposizione
Psicologa e psicoterapeuta Eridan Kellci

Dott.ssa Eridan Kellici Psicologo a Roma

23 Risposte

13 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15300

psicologi

domande 19750

domande

Risposte 77300

Risposte