Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

È normale che il mio psicologo non si sia fatto sentire in quarantena?

Inviata da Laura · 11 mag 2020 Psicoterapia

Gentili dottori,
A novembre ho deciso di riprendere un percorso di psicoterapia interrotto anni fa perché sentivo che non mi stava aiutando.
Quindi a novembre ritorno dallo stesso terapeuta e in realtà sento che le cose non siano cambiate più di tanto, non riesco a capire se il problema sia mio o del terapeuta ma continuo ad andare.
Arriviamo al 10 marzo e lo psicologo mi scrive: "Ciao per l'appuntamento potrebbe andare bene il 12 alle 17? Grazie se poi ci fosse un blocco totale, spostiamo".
Io rispondo: "Ciao, scusa ma visto che la situazione è peggiorata preferisco stare a casa. Ci aggiorniamo per la prossima settima".
"Certo. Hai ragione. Ci aggiorniamo".
Da questa conversazione del 10 marzo non ci siamo più sentiti fino ad oggi che ho deciso di mandare un messaggio per chiedere se andasse tutto bene e per sapere se aveva iniziato a lavorare.
Mi risponde che è un piacere sentirmi e che inizierà dal 25.
Devo dire che questa cosa mi ha dato molto fastidio. Ho sentito di tanti psicologi che hanno fatto sedute via Skype, ora non so se lui le abbia fatte o meno, ma in qualsiasi caso avrei avuto piacere di ricevere un messaggio.
Ho visto che in questo periodo molte persone hanno avuto bisogno di supporto psicologico proprio per il lockdown, devo dire che questa situazione a me non abbia sconvolto più di tanto ma avrei voluto ricevere un messaggio in cui mi chiedesse come stavo o anche solo un messaggio per informarmi del fatto che avrebbe attivato le sedute via Skype o che non le avrebbe fatte, avrei voluto riceve un messaggio di qualsiasi tipo.
Sono stata 2 mesi a pensare ma perché non mi scrive? Sarà successo qualcosa?
Ci ho pensato tanto e non so se ritornare da lui sia la cosa giusta ma allo stesso tempo ho paura di cambiare e ricominciare da capo, non avevamo trovato una soluzione al mio problema e non ero nemmeno riuscita ad aprirmi completamente (e so che avrei questa difficoltà con chiunque) mi sento tanto confusa. A volte penso di voler cambiare ma penso che non basterebbe una vita per raccontare tutte le mie paure e insicurezze e per raccontare il mio percorso di terapia e poi penso anche che il terapeuta abbia sempre avuto buone intenzioni con me e che la colpa sia mia se non siamo mai arrivati a trovare una soluzione ma questo comportamento mi ha fatto rimanere male.
Cosa devo fare?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Psicologi specializzati in Psicoterapia

Vedere più psicologi specializzati in Psicoterapia

Altre domande su Psicoterapia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16350

psicologi

domande 22400

domande

Risposte 83450

Risposte