dubbio su ipnosi-terapia

Inviata da Mario Rossi. 13 set 2017 5 Risposte

salve, mi piacerebbe che qualche esperto di ipnosi clinica risolvesse questo mio dubbio. Prima che facessi ipnosi-terapia il terapeuta mi ha spiegato che con l'ipnosi si potevano "sciogliere", a livello "fisiologico", i nodi di tensione che c'erano ne mio cervello. Ma cosa sono esattamente questi nodi? A cosa corrispondono biologicamente e psicologicamente? Che significa: scioglierli? Grazie se qualcuno saprà rispondere alla mie domande. Mario

Argomenti simili

5 Risposte

  • Miglior risposta

    Buongiorno Mario
    Sono una psicoterapeuta ipnotista, ho letto la risposta del dr.Roberto Pugliese che ha saputo spiegare bene il collegamento che c'è tra corpo e mente. In una visione energetica, si può dire che quando ci sono difficoltà psicofisiche ci siano degli ostacoli (nodi, tappi) nel flusso armonico della "energia". Questa modo di spiegare è vicino a come funziona concretamente il corpo, che ha una corrente elettrica interna, una circolazione del sangue, un metabolismo cioè dei circuiti di trasformazione. Le tecniche di rilassamento creano le condizioni ottimali all'interno delle quali il corpo e la mente ritrovano il loro equilibrio. L'ipnosi poi è un dialogo tra la voce e le immagini del terapeuta e tutte le cellule del paziente, sia somatiche sia neurali. Incredibilmente forse, le cellule ascoltano, si sintonizzano e tornano a collaborare tra loro. Pur avendo un approccio scientifico all'ipnosi clinica, devo ricoscere che a volte i risultati raggiunti non sono tutti facilmente descrivibili, poiché non c'è in gioco solo una tecnica potente ma anche due persone (terapeuta e paziente) e il loro rapporto.
    Dr.Bartoli -Valenza (AL)

    Pubblicato il 06 Ottobre 2017

    Logo Ipnosi dr.Bartoli

    19 Risposte

    43 Valutazioni positive

Spiega il tuo problema alla nostra comunità di psicologi!

Qual è la tua domanda? Psicologi esperti in materia risolveranno i tuoi dubbi.
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come desideri inviare la tua domanda?
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli esperti della tua zona
    Per selezionare gli esperti gli esperti più adatti
    • 12100 Psicologi a tua disposizione
    • 12750 Domande inviate
    • 60450 Risposte date
    • Gentile Mario Rossi,
      mi occupo di Training Autogeno, un tipo di ipnosi autoindotta con efficacia comprovata ormai da anni. L’ipnosi, come le avranno accennato, è uno stato di coscienza che si situa tra il sonno e la veglia.
      Per intenderci potrebbe assomigliare a quel torpore che prova poco prima di addormentarsi: in parte è sveglio e in parte sta già dormendo.
      L'ipnosi etero-indotta (quella “classica” che conosciamo un po’ tutti”) e auto-indotta (come il training autogeno) permettono di raggiungere un livello di rilassamento molto profondo sia sul piano “corporeo” (rilassamento dei muscoli, dilatazione dei vasi sanguigni, attivazione del sistema nervoso parasimpatico ecc.) che sul piano psicologico (immagini ed emozioni di calma e tranquillità ad esempio).
      Immagino che il terapeuta di cui parla intende per “nodi” sia le tensioni o blocchi a livello fisico (ad esempio contratture croniche, postura e respirazione disfunzionale, ipertensione, insonnia ecc.) sia a livello psichico (come ansia, ossessioni, fobie, umore depresso e così via).
      Il rilassamento che si raggiunge durante l’ipnosi, con il tempo e l’allenamento (nel caso del training autogeno) scioglie i “nodi” nel senso che si attivano una serie di processi fisiologici (biologici) e psicologici che si influenzano a vicenda innescando un circolo “virtuoso” (anziché “vizioso come nel caso dei “nodi”).
      Il sistema corpo-mente è un'unica unità funzionale, ad esempio se sente ansia questa non sarà avvertita solo nei suoi

      Leggi tutto

      Pubblicato il 14 Settembre 2017

      Logo Dott. Roberto Pugliese

      19 Risposte

      9 Valutazioni positive

    • Gent.le Mario Rossi,
      non sono un'ipnosi terapeuta, ma tento di darle comunque una indicazione. Quando in psicoterapia si parla di "nodi" si intendono solitamente i conflitti psicologici non risolti a livello psicologico ed emotivo. "Scioglierli" si intende farli emergere attraverso i metodi di terapia usati di modo che vengano resi consapevoli,osservabili, letti secondo un significato ed integrati (cioe compresi ed adattati) nel vissuto della persona, affinché la sofferenza venga eliminata o compresa, per proseguire con significati nuovi e con altre strategie. A livello "fisiologico" credo il suo terapeuta intenda che il benessere psicologico è strettamente connesso a quello fisico. Se ad esempio un conflitto psicologico crea ansia, sciolto il conflitto, si scioglie anche l ansia. Spero di esserLe stata utile. Credo comunque che queste delucidazioni vadano chieste al Suo terapeuta. Ne ha tutto il diritto, anzi, anche il dovere per capire cosa state intraprendendo. Un caro saluto.

      Pubblicato il 14 Settembre 2017

      Logo Dott.ssa Elisa Fagotto

      307 Risposte

      128 Valutazioni positive

    • Gentile Mario,
      l'ipnosi permette, tramite suggestione e rilassamento profondo, di raggiungere più facilmente l'inconscio che può essere sede di conflitti (nodi di tensione) non riconosciuti a livello cosciente.
      Durante l'ipnosi il paziente può riuscire ad esprimersi liberamente facendo emergere il conflitto che così può essere "sciolto" cioè risolto.
      Cordiali saluti.
      Dr. Gennaro Fiore
      medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

      Pubblicato il 14 Settembre 2017

      Logo Dott. Gennaro Fiore

      4500 Risposte

      13033 Valutazioni positive

    • Caro Mario,
      comprendo la tua perplessità e mi dispiace che ti sia rimasto questo dubbio dopo la terapia.
      Non conosco la tua storia né il motivo che ti abbia portato in terapia. Cercherò quindi di rispondere alla tua domanda in modo generico ma completo.
      Quando noi psicologi parliamo di "blocco" ci riferiamo ad una difficoltà ad uscire da una situazione problematica con le risorse messe in campo in quel momento. A livello fisiologico questo si riflette nell'utilizzo sempre degli stessi circuiti cerebrali per cercare di risolvere il problema. L'ipnosi, così come altre tecniche, interviene per interrompere la comunicazione cerebrale disfunzionale alla risoluzione del problema e favorisce l'impiego di strategie diverse di problem solving. In questo senso "scioglie" il blocco.
      Spero di aver risposto alla tua domanda.
      Cordialmente.
      Dott.ssa Valentina Gessa

      Pubblicato il 14 Settembre 2017

      Logo Dott.ssa Valentina Gessa

      6 Risposte

      5 Valutazioni positive

    Domande simili: Vedi tutte le domande