Dubbio Patologico o Situazione Irrisolta?

Inviata da Alex Sondrio il 13 ott 2017 Ansia

Buongiorno...mi trovo a vivere una situazione strana, che fortunatamente non mi sta facendo più provare ansia... sono in terapia TBS e questo sarà il motivo...
Ho interrotto una storia a novembre scorso dopo 3 anni travagliati tra vari tira e molla (di cui solo 9 mesi trascorsi effettivamente insieme)...alla fine ho chiuso questa storia perchè cercavo altro e mi ero stancato, non provavo più nulla...
ho iniziato a marzo di quest'anno una nuova storia con una ragazza...storia partita con entusiasmo nonostanze le paura e diffidenze normali di entrambi (non sono uno dai gusti facili tra l'altro)...dopo 3 mesi nei quali iniziavo a sentire un trasporto vero verso questa ragazza è successo il "tilt"...prima di un viaggio decido di gettare via una busta con i regali restituitami dalla mia ex abbandonata nel bagagliaio della mia macchina...quello è stato il punto di non ritorno, credo di aver avuto un attacco di panico quella sera...il viaggio del giorno dopo è trascorso con ansia di fondo e sono iniziate ad arrivare immagini intrusive della mia ex sotto ogni ambito (ricordi, frasi, situazioni vissute)...tutto ciò mi ha portato ad avere una crisi d'ansia per una settimana che mi ha fatto allontanare dalla mia ragazza...sono tornato da lei dopo una settimana ma qualcosa era cambiato..non ero più sereno come prima...ero semplicemente ossessionato dalla ex... ho cercato di combattere questa crisi e mi sono rivolto ad una psicoterapeuta specializzata in TCC...le mie ricerche su DOC da relazione, dubbio patologico ecc erano già ad uno stato avanzato (sono consapevole di avere una tendenza all'ossessione in generale)...non ero soddisfatto dell'approccio della psico e mi sono avvicinato alla terapia breve strategica, iniziata a fine agosto e che sto portando avanti (ho fatto 3 sedute prox sett la quarta)..non ho mai parlato dell'ossessione con la mia ragazza (avrò fatto bene?!), ma solo di un problema d'ansia per il quale avevo chiesto un consulto...bene sono passati 3 mesi dall'episodio scatenante... ora si è aperto un nuovo capitolo...la mia ragazza ha detto di non sentirsi coinvolta al 100% ed io ho detto lo stesso (ma nel mio caso c'è un motivo dietro che secondo me è anche causa del suo non sentirsi coinvolta, la mia mancanza di entusiasmo dato lo stato in cui ero..)..insomma abbiamo deciso di interrompere questa storia (decisione di 3 giorni fa)...ora....le ossessioni si sono calmate, il che mi sembra ovvio...il problema è che non sto soffrendo, per quanto cmq tenga a lei, ma mi sento quasi libero di, non so, liberarmi di qualcosa che mi bloccava con lei...sto affrontando la "fobia" della mia ex e addirittura in uno slancio di entusiasmo mi sono andato a rivedere alcune foto e non ho avuto paura, anzi quasi ho provato una sensazione di liberazione, vicina quasi alla sensazione di piacere (prima invece evitamente totale)... e ho come la voglia di avere la conferma che non ho più nulla da condividere con la mia ex (frequentiamo alcuni amici in comune tra l'altro quindi a volte ci incrociamo) per poi andarmi a riprendere la mia ragazza (ex anche lei ormai).....mi chiedo: perchè tutto ciò? che diavolo mi sta succedendo? perchè in soli 2 giorni tutto ciò? perchè questa "strana" serenità? Ho per caso una situazione irrisolta con il mio passato? per quanto non provi nulla (o dovrei dire credo a questo punto)per la mia ex? o forse non provo nulla per nessuna delle 2?...sto cercando forse una rassicurazione intrinseca per il mio dubbio patologico? scusate il mio essere prolisso, ma spero tanto di ricevere qualche opinione ...
grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Alex,
Così come hanno fatto gli altri colleghi prima di me, le consiglio di proseguire con la terapia in atto che è ad un punto embrionale dato che deve ancora svolgere la quarta seduta.

Leggendo la descrizione che ci ha offerto sembra che durante un periodo piacevole della sua relazione abbia deciso di sbarazzarsi dei regali della storia precedente e che sia questa scelta (che certamente porta con sé una discreta dose di emozioni) ad averle fatto sorgere il dubbio che la ha portata inizialmente a ritirarsi, successivamente a non impegnarsi nella relazione quanto ritenuto soggettivamente necessario ed infine ad interrompere la storia. Adesso che la storia è finita la serenità che prova (e che la mette in allarme!) può dipendere della consapevolezza di una scelta “giusta” (in quanto in parziale accordo con l'ultima ex), dalla riduzione dell'ansia per aver ormai preso una scelta o da eventuali altri motivi che sarebbe difficile ipotizzare adesso.

Concordo con la sua conoscenza dei suoi problemi e la invito nuovamente a parlarne in terapia poiché leggendo quanto ha scritto mi è risultata chiara la sofferenza che sta dietro al bisogno di certezze e di essere rassicurato.
Le auguro un buon proseguimento della terapia,
Marco Tagliagambe.

Dott. Marco Tagliagambe Psicologo a Empoli

35 Risposte

50 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Alex, alla luce delle sue descrizioni e della sua sintomatologia, potrebbe trattarsi di un disturbo post traumatico da stress. Se fosse tutto ciò, le consiglio di intraprendere una psicoterapia con l'ausilio dell' EMDR, in quanto tecnica che serve per rielaborare ricordi di origine traumatica e ristabilire un equilibrio psichico. Cordiali Saluti

Dott. Davide Perrone Psicologo a Torino

87 Risposte

18 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Alex
Solo uno spunto di riflessione, a partire dagli effetti di quest'ansia e queste ossessioni, che pare abbiano avuto il potere di distrarla (o di "salvarla") nel momento in cui rischiava di rimanere coinvolto in una relazione profonda, intima, con una persona... che sia questo il tema di fondo?
Buona giornata
Dott.ssa Paola Bizzozero-Bergamo

Dott.ssa Paola Bizzozero Psicologo a Bergamo

7 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buon giorno Alex.
Le suggerirei caldamente di affrontare totalmente le sue problematiche con il terapeuta che ha scelto.
Dimostra di avere conoscenze e idee ben chiare riguardo al suo problema e a come gestirlo.
Le omissioni lasciano sempre aperta la porta a dei dubbi, a delle variabili non considerate e questo la porta a sentirsi irrimediabilmente destinato a vivere ogni relazione così, un pò a metà, sempre proiettato alla precedente con rimpianti e vivendo quella presente con insoddisfazione e un certo fastidio, quasi fosse ingombrante.
Ci pensi e buon lavoro.
Dott.ssa Paola De Marco

Dott.ssa Paola De Marco Psicologo a Mestre

47 Risposte

27 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Da quello che scrive posso solo intuire che l inizio della nuova relazione le ha fatto ripensare alla situazione precedente, e questo le ha creato uno scompenso. Ovviamente non posso capire in questa sede l'origine, ma certamente se è in terapia con il suo terapeuta è non le ha detto di questo episodio , mi porrei una domanda. Ci si affida al terapeuta, lei si fida del suo? Questo non coinvolge la professionalità del collega che non deve dimostrare nulla, ma riguarda lei, in terapia o ci si affida oppure il terapeuta non avendo la bacchetta magica non può molto. Inoltre le consiglio di continuare la terapia ed approfondire questo evento riportato. Le auguro una buona giornata

Dott.ssa Caruso Fabiola Psicologo a Termoli

13 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Alex,
da quanto scrive la sua è una situazione complessa. Dovrebbe parlarne in primo luogo con il suo terapeuta.
Posso azzardare qualche ipotesi "al buio": forse per lei non è ancora il momento di intraprendere una relazione sentimentale importante, sembrerebbe quasi che si sia sforzato per "mettersi con una ragazza", quasi che fosse un obbligo. Probabilmente essendo per lei questo un momento di cambiamento è più opportuno stare per un po' solo e avere modo di riflettere su di sé, sul suo passato, sui suoi veri sentimenti e desideri.
Augurandole ogni bene, la saluto.
Susanna Bertini
Torino

Dott.ssa Susanna Bertini Psicologo a Torino

49 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15300

psicologi

domande 19700

domande

Risposte 77250

Risposte